BondWorld.it
Proli Paolo Amundi

Amundi e UniCredit lanciano il primo fondo Amundi Eltif Leveraged Loans Europe

Amundi. UniCredit Private Banking, la struttura del Gruppo UniCredit dedicata alla gestione personalizzata dei patrimoni più importanti e Amundi, ……


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Paolo Proli, Head of Retail Distribution diAmundi SGR


il primo asset manager europeo per masse gestite e tra i primi dieci a livello mondiale1, annunciano la chiusura della prima finestra di sottoscrizione del fondo Amundi Eltif Leveraged Loans Europe (Amundi ELLE), gestito da Amundi.

Gli ELTIF (fondi di investimento europei a lungo termine) sono veicoli di investimento di nuova generazione, soggetti a una precisa regolamentazione2, che consentono agli investitori privati di accedere ad asset class tradizionalmente riservate alla sola clientela istituzionale.

Gli ELTIF sono una nuova categoria di FIA (fondi di investimento alternativi) istituita dall’UE che, al fine di sostenere la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva delle piccole e medie imprese europee, richiedono all’investitore un impegno di lungo termine in cambio di un rendimento potenziale interessante.

Il fondo investe prevalentemente in leveraged loans, ossia prestiti sindacati erogati da un pool di banche o altre istituzioni, a un’unica impresa debitrice. Servono per finanziarie acquisizioni, rifinanziare il debito esistente, supportare l’espansione del business e per altre esigenze aziendali. Sono prestiti senior e si posizionano quindi al primo posto nella struttura del capitale e generalmente sono garantiti da asset reali o azioni di proprietà dell’azienda.

Il gestore di Amundi Elle mira a costruire un portafoglio composto da circa 50-60 titoli, selezionati sia nel mercato primario che secondario, ben diversificati a livello di contraenti, settori e Paesi.

La selezione e la gestione dei titoli punta a riconoscere ai sottoscrittori che manterranno l’investimento per tutta la durata rendimenti interessanti aggiustati per il rischio.

Il Comparto può essere sottoscritto durante periodi predefiniti, il prossimo periodo di sottoscrizione partirà il 17 marzo e si chiuderà il 14 aprile 2020.

“In un contesto come quello attuale caratterizzato da forte volatilità, tassi bassi e da una inflazione contenuta – sottolinea Renato Miraglia, Responsabile UniCredit Private Banking Italy -, è necessario ampliare la propria offerta per poter creare occasioni di rendimento anche per quei clienti che sono meno orientati a investire in modo più continuo. Pensiamo che una quota del patrimonio debba essere investita strutturalmente in strumenti non liquidi e con il contributo di Manuela d’Onofrio, Responsabile Global Investment Strategy UniCredit, e di tutta la direzione Investimenti della Banca, stiamo costruendo una gamma di soluzioni che soddisfino queste caratteristiche e che permettano di investire ad esempio in strumenti come i leverage loans che storicamente risentono meno dell’andamento dei mercati”.

“Amundi ha una lunga e consolidata esperienza in materia di gestione di asset alternativi afferma Paolo Proli, Head of Retail Distribution diAmundi SGR -. Grazie alla normativa europea sugli ELTIF abbiamo ora a disposizione un veicolo che ci consente di offrire questa expertise agli investitori privati e di permettere loro di accedere ad un’asset class, i leveraged loans europei, adatta al contesto economico attuale e in precedenza ad esclusivo appannaggio della clientela istituzionale”.


1 Fonte : IPE “Top 400 Asset Managers” pubblicato a giugno 2019, dati di AUM al 31 dicembre 2018

2 A tutela degli investitori, il legislatore ha definito le regole relative al ciclo di vita del fondo, gli strumenti finanziari e le imprese ammissibili in portafoglio. Ha inoltre previsto la possibilità per gli investitori al dettaglio di sottoscrivere un ELTIF a condizione di ricevere una consulenza adeguata in materia di investimenti e di poter annullare la prima sottoscrizione entro due settimane senza penalità. In particolare ha stabilito la somma di 10.000 euro quale importo minimo iniziale investito in uno o più ELTIF. Inoltre, qualora il portafoglio del cliente retail sia inferiore a 500.000 euro, l’importo aggregato dell’investimento in Eltif non può superare il 10% di tale portafoglio

Fonte: BONDWorld.it

Articoli Simili

NN IP lancia un nuovo fondo dedicato ai corporate green bond

Redazione

Federated Hermes: Il coronavirus non contagia il credito

Redazione

Pramerica SGR: Sicav Global Absolute Bond Euro Hedged

Redazione