BondWorld.it

BCE: i segnali contano e non poco

bce

BCE: i segnali contano. Il Consiglio rimane in attesa di valutare i dati macro prima di definire le condizioni d’asta delle TLTRO III. La novità è che il Consiglio ha formalmente recepito le indicazioni di Draghi dello scorso 26 marzo…..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostre Newsletters gratuite. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


a cura dell’ Ufficio Studi Banca Intesa SanPaolo


ovvero che potrebbero essere valutate misure per mitigare l’effetto dei tassi negativi sulla redditività delle banche. Indirettamente, la BCE ha segnalato che i tassi potrebbero restare in negativo anche più a lungo di quanto indicato nella guidance ; i mercati ne hanno preso atto.

La conferenza di aprile non è stata operativa, senza novità sulle misure non convenzionali ma ancora una volta Draghi è riuscito a far leva sulla comunicazione.

Come atteso, i dettagli operativi delle TLTRO III verranno annunciati molto probabilmente a giugno quando la BCE avrà una valutazione aggiornata dello scenario.

Come atteso, la BCE ha indicato che il prezzo sarà determinato tenendo conto di due importanti elementi: 1) come evolve la trasmissione dell’impulso di politica monetaria e 2) ulteriori sviluppi del ciclo.  

Il secondo passaggio di rilievo del comunicato è che il Consiglio ha formalmente recepito quanto ventilato da Draghi alla ECB watchers conference , ovvero che potrebbe valutare misure per mitigare l’eventuale impatto di tassi negativi sulla redditività delle banche.

Nell’affermare che il Consiglio potrebbe intervenire per contenere gli effetti di tassi negativi sottintende o può sottintendere che i tassi sui livelli attuali ancora a lungo e forse oltre il termine indicato nella guidance .

Draghi ha spiegato che per il momento il Consiglio non ha discusso nemmeno se le misure sono necessarie, e aspetta i risultati dell’analisi.

Draghi ha sottolineato che in termini aggregati l’impatto dei tassi negativi sulla redditività delle banche del calo dei margini di interesse è contenuto (per maggiori dettagli si veda il Focus del 08/04/2019).

Tuttavia, il Presidente della BCE ha spiegato che la reazione dei mercati dopo la ECB watchers conference va valutata come corretta.

Ricordiamo che i mercati, dopo il 26 marzo, hanno spostato ulteriormente in avanti il primo rialzo dei tassi, e finanche iniziato a prezzare una probabilità di taglio.

Un meccanismo di tiering è piuttosto complesso e in termini aggregati il costo di detenere riserve a -0,40% è risibile, pari appena all’1,0% del reddito operativo.

Tuttavia le implicazioni cambiano se si guarda alla situazione delle singole banche, come sottolineato da Draghi. I toni accomodanti sono giustificati dai dati deboli delle ultime settimane.

La BCE ha difatti confermato che i rischi per la crescita restano verso il basso e derivano in larga misura dallo scenario internazionale.

Nonostante siano rientrati alcuni dei fattori idiosincratici che hanno pesato sul ciclo a fine 2018, la domanda estera resta debole ed è probabile che la crescita del PIL resti fiacca anche nella restante parte dell’anno.

Inoltre, secondo Draghi l’inflazione, che si conferma più debole delle attese, toccherà un minimo a settembre.

Tuttavia, Draghi ha sottolineato che nel complesso la probabilità stimata di recessione rimane bassa.

Draghi ha ripetuto a più riprese che il Consiglio è pronto a reagire a sviluppi avversi con tutti gli strumenti disponibili (tra questi plausibilmente anche acquisti di asset, sebbene non siano stati discussi).

I mercati valutario e obbligazionario hanno ampiamente recepito il messaggio di apertura.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Il Punto : FOMC spaccato riduce di 25pb il tasso Fed funds

Falco64

Il Punto : reazione dei mercati all’annuncio BCE

Falco64

Intesa Sanpaolo : BCE obbligata ad annunciare nuove misure

Falco64