BondWorld.it
Christophe Dumont Candriam giappone brexit

Brexit, le scorte non sosterranno l’economia a lungo

Brexit, le scorte non sosterranno l’economia a lungo. Nel primo trimestre 2019, la crescita del Regno Unito è stata del 2% t/t su base annua. Tuttavia, la disaggregazione della crescita mette ancora più in risalto una tendenza visibile ormai da qualche mese:…


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


A cura di Christophe Dumont, Economist di Candriam


consumi delle famiglie e investimenti produttivi contenuti.

La ricostituzione delle scorte delle aziende ha dato un forte impulso all’attività commerciale: negli ultimi quattro trimestri, le scorte hanno contribuito tanto quanto i consumi!

La decisione presa dalle aziende e dal governo di anticipare la probabile riduzione dell’offerta – la Brexit era inizialmente prevista per il 29 marzo – spiega in larga misura questo contributo eccezionale (in parte contrastato, come noto, dal consistente apporto negativo delle importazioni).

Per quanto riguarda la buona performance delle esportazioni del Regno Unito, questa è dovuta ampiamente a un simile movimento di re-stocking che ha coinvolto alcune società europee in vista delle Brexit.

Nei prossimi mesi ci sono tutte le possibilità che la crescita continui ad indebolirsi: l’apporto delle scorte diventerà negativo e ci sarà un rallentamento dell’export.

L’incertezza relativa ai risultati delle negoziazioni con l’Europa continuerà a pesare sugli investimenti delle società.

Gli ultimi sondaggi della Bank of England mostrano che, per non meno del 25% delle società intervistate, l’incertezza sulla Brexit determinerà un calo degli investimenti in programma.

Ciononostante, con un tasso di disoccupazione del 3,8% e con i salari più alti del 3%, i consumi dovrebbero, almeno nel breve periodo, impedire che la crescita rallenti sensibilmente.

Fonte: BONDWorld.it

Articoli Simili

GAM – Fino a quando “Non ci sono alternative”?

Redazione

Capital Group: Il crollo del dollaro è un segno premonitore?

Redazione

Dorval AM: forte shock non significa per forza recessione

Redazione