BondWorld.it
Image default

BTP Italia composizione della domanda

Composizione della domanda durante le due fasi di collocamento della quattordicesima emissione del BTP Italia. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze comunica alcuni dettagli concernenti la quattordicesima emissione del BTP Italia,….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


il titolo indicizzato all’inflazione italiana (Indice FOI, senza tabacchi – Indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, al netto dei tabacchi), con scadenza a 4 anni.

Nel corso della Prima Fase del collocamento, dedicata agli investitori retail, le contrattazioni, sia per numero di contratti che per controvalore, hanno registrato una domanda più sostenuta nel primo giorno rispetto al secondo e, ancor più, rispetto al terzo, in linea con le scorse emissioni.

La Seconda Fase, dedicata agli investitori istituzionali, che si è svolta nell’arco di 2 ore durante il quarto giorno del collocamento, ha visto un controvalore complessivo domandato interamente accolto.

numero di contratti Controvalore domandato (€) Controvalore allocato (€)
Prima Fase 1° giorno 16.066 481.354.000 481.354.000
Prima Fase 2° giorno 9.347 241.321.000 241.321.000
Prima Fase 3° giorno 5.598 140.665.000 140.665.000
Seconda Fase 4° giorno (chiusura ore 11) 55 1.300.787.000 1.300.787.000

Con riferimento alla Prima Fase, dei 31.011 contratti conclusi sul MOT (il Mercato Telematico delle Obbligazioni e Titoli di Stato di Borsa Italiana) attraverso Banca IMI S.p.A. e BNP Paribas – Dealer dell’operazione – circa il 68 per cento è stato di importo inferiore ai 20.000 euro,

quota notevolmente più elevata rispetto a quelle registrate per le precedenti emissioni dal 2014 in poi, ossia da quando il collocamento del BTP Italia è stato articolato in due diverse fasi di distribuzione.

Se si considerano i contratti fino a 50.000 euro, si arriva circa al 93 per cento del totale relativo a questa fase.

Sebbene le modalità di emissione non consentano di avere dati puntuali sulle caratteristiche degli investitori, dalle informazioni raccolte da Dealer, Co-Dealer e altri intermediari,

si può desumere che nel corso della Prima Fase si è registrata una quota di investitori individuali significativamente superiore rispetto a quella del private banking (rispettivamente 77 per cento e 23 per cento).

All’interno della quota sottoscritta da investitori individuali, si stima che circa il 76 per cento abbia inoltrato l’ordine attraverso le filiali delle reti bancarie, mentre circa il 24 per cento attraverso l’home banking.

Per quanto riguarda la ripartizione geografica degli ordini ricevuti durante la Prima Fase, la quasi totalità degli ordini risulta provenire da investitori domestici.

Con riferimento alla Seconda Fase di collocamento, le informazioni raccolte dai Dealer, Co-Dealer e altri intermediari permettono di ottenere delle statistiche quasi totalmente rappresentative dell’ammontare complessivamente allocato.

In particolare, circa il 62 per cento dell’ammontare emesso è stato collocato presso le banche ed il 20 per cento circa a istituzioni ufficiali.

Una quota pari a circa il 17 per cento è stata assegnata ad asset manager, mentre la restante quota è stata allocata ad assicurazioni (circa l’1 per cento).

Il collocamento del titolo nella Seconda Fase ha visto una presenza predominante di investitori domestici, che ne hanno sottoscritto circa il 93 per cento.

Hanno partecipato alla sottoscrizione anche investitori residenti nel Regno Unito (circa il 5 per cento) ed in Francia (circa il 2 per cento).

Fonte: BONDWorld.it

Articoli Simili

Concambio via sindacato: dettagli del riacquisto di BTP nominali e di CCTeu

1admin

Focus: Genesi e iter della procedura d’infrazione per deficit eccessivo

1admin

BTP Italia quattordicesima emissione

Falco64