BondWorld.it

Comunicato relativo al collocamento del prestito obbligazionario equity−linked

Collocamento del prestito obbligazionario equity-linked, che diventerà convertibile in azioni ordinarie Hera subordinatamente  all’approvazione, da parte
dell’assemblea straordinaria, dell’aumento di capitale al servizio della conversione…


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita.
Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


IL PRESENTE COMUNICATO NON È DESTINATO ALLA PUBBLICAZIONE, DISTRIBUZIONE O CIRCOLAZIONE, DIRETTA O INDIRETTA, NEGLI STATI UNITI D’AMERICA, CANADA, AUSTRALIA, GIAPPONE E SUD AFRICA O IN QUALSIASI ALTRO PAESE NEL QUALE L’OFFERTA O LA VENDITA SAREBBERO VIETATE IN CONFORMITÀ ALLE LEGGI APPLICABILI


Facendo seguito al comunicato stampa diffuso in data odierna, Hera S.p.A. (“Hera” o la “Società”) rende noto che è stata completata l’operazione di collocamento di un prestito obbligazionario equity-linked (le “Obbligazioni”) riservato a investitori qualificati italiani e esteri. Il collocamento è stato curato da BofA Merrill Lynch e Citi in qualità di Joint Bookrunner.

Le Obbligazioni, con un taglio pari a Euro 100.000,00, verranno emesse alla pari, fino ad un importo complessivo pari ad Euro 130 milioni che potrà essere aumentato di circa Euro 10 milioni sino a circa Euro 140 milioni, in caso di esercizio integrale della over-allotment option concessa ai Joint Bookrunner entro il 18 novembre 2010. Il prestito avrà durata circa triennale, e pagherà una cedola semestrale e a tasso fisso dell’1,75% per anno. Il prezzo di conversione delle Obbligazioni in azioni ordinarie della Società è stato fissato ad Euro 1,834, che incorpora un premio del 23,5% rispetto al prezzo di riferimento di Euro 1,485 (definito come il prezzo medio ponderato per i volumi delle azioni Hera scambiate sulla piattaforma di Borsa Italiana nell’arco temporale compreso tra il lancio ed il pricing).

L’Offerta ha generato domanda diverse volte superiore al quantitativo disponibile, registrando un’elevata partecipazione da parte di importanti fondi istituzionali long-only.

Come anticipato, le Obbligazioni diventeranno convertibili in azioni ordinarie della Società di nuova emissione, subordinatamente all’approvazione dell’aumento di capitale, con l’esclusione del diritto di opzione, al servizio della conversione da parte di un’assemblea straordinaria da convocarsi da parte del Consiglio di Amministrazione della Società.

Alcuni azionisti della Società, che includono alcuni Enti locali e che in totale detengono oltre il 51% del capitale sociale di Hera, hanno informato il Consiglio di Amministrazione del loro parere favorevole riguardo l’emissione di tali obbligazioni e del loro previsto supporto – subordinatamente all’autorizzazione al voto in assemblea straordinaria – a favore dell’aumento di capitale con l’esclusione del diritto di opzione, da deliberarsi da parte dell’assemblea straordinaria da convocarsi da parte del Consiglio di Amministrazione della Società.

I proventi dell’emissione di tali Obbligazioni verranno utilizzati per finanziare l’attività d’impresa, oltre che le opportunità di sviluppo all’interno delle linee guida strategiche enucleate nel Piano Industriale della Società. Le Obbligazioni forniranno una fonte di provvista a basso costo ed incrementeranno la flessibilità patrimoniale della Società.


Il presente comunicato è pubblicato a fini meramente informativi in conformità a quanto prescritto dalla legge italiana e non costituisce, né può essere inteso come, una proposta di investimento né, in alcun caso, potrà essere utilizzato o considerato come un’offerta di vendita né come un invito volto ad offrire, ad acquistare o a vendere al pubblico strumenti finanziari.
L’offerta delle Obbligazioni non è stata e non sarà sottoposta all’approvazione della Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (“CONSOB”) ai sensi della normativa applicabile e, pertanto, le Obbligazioni non potranno essere offerte, vendute o distribuite al pubblico nel territorio della Repubblica Italiana, tranne che: (i) ad investitori qualificati, come definiti ai sensi dell’articolo 100 del D.Lgs. n. 58 del 24 febbraio 1998, come successivamente modificato (di seguito il “Testo Unico della Finanza”) ed ai sensi dell’articolo 34-ter, primo comma, lettera b) del Regolamento CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato (di seguito, il “Regolamento CONSOB”); ovvero (ii) nelle altre ipotesi di esenzione dall’obbligo di pubblicazione di un prospetto di offerta, così come previste dall’articolo 100 del Testo Unico della Finanza e dall’articolo 34- ter del Regolamento CONSOB.
Il presente comunicato non deve essere distribuito, direttamente o indirettamente, negli Stati Uniti d’America (come definiti nella Regulation S contenuta nello US Securities Act del 1933 e successive modifiche – “US Securities Act”), Canada, Australia, Giappone e Sud Africa o in qualsiasi altro Paese nel quale l’offerta o la vendita sarebbero vietate ai sensi di legge. Il presente comunicato non costituisce, né è parte di, un’offerta di vendita al pubblico di strumenti finanziari o una sollecitazione all’acquisto di strumenti finanziari, né vi sarà alcuna offerta di strumenti finanziari in Paesi nei quali tale offerta o sollecitazione sarebbe vietata ai sensi di legge. Gli strumenti finanziari menzionati nel presente comunicato non sono stati, e non saranno, oggetto di registrazione, ai sensi dello US Securities Act e non potranno essere offerti o venduti negli Stati Uniti d’America in mancanza di registrazione o di un’apposita esenzione dalla registrazione ai sensi dello US Securities Act. Non verrà effettuata alcuna offerta al pubblico degli strumenti finanziari negli Stati Uniti d’America ovvero in qualsiasi altro Paese.
Il presente comunicato non è stato, e non sarà, spedito o altrimenti inoltrato, distribuito o inviato negli, o dagli, Stati Uniti d’America ovvero in, o da, qualsiasi altro Paese nel quale detto invio sarebbe vietato, ovvero destinato alla pubblicazione a larga diffusione all’interno di tali Paesi, e i destinatari di tale comunicato (ivi inclusi eventuali soggetti depositari, delegati e trustee) dovranno astenersi dallo spedire o altrimenti inoltrare, distribuire o inviare il comunicato medesimo negli, o dagli, Stati Uniti d’America ovvero in, o da, qualsiasi altro Paese nel quale detto invio sarebbe vietato, ovvero destinarlo alla pubblicazione a larga diffusione all’interno di tali Paesi.
Nell’ambito dell’offerta di Obbligazioni, sia BofA Merrill Lynch attraverso Merrill Lynch International, sia Citi attraverso Citigroup Global Markets Limited (ciascuno di essi, definito “Joint Bookrunner”) e le rispettive società affiliate, in qualità di investitori in conto proprio, potranno sottoscrivere Obbligazioni e a tale titolo detenere in portafoglio, acquistare o vendere tali strumenti finanziari ovvero qualsivoglia strumento finanziario della Società o porre in essere qualsiasi investimento correlato e potranno, altresì, offrire o vendere tali strumenti finanziari o porre in essere investimenti anche al di fuori dell’ambito dell’offerta di Obbligazioni. I Joint Bookrunner non divulgheranno l’entità di tali investimenti o operazioni se non nei limiti di quanto richiesto dalle leggi e dai regolamenti applicabili.
Con riferimento agli strumenti finanziari, i Joint Bookrunner agiscono unicamente ed esclusivamente in nome e per conto della Società e non saranno ritenuti responsabili nei confronti dei terzi per il supporto fornito ai propri clienti o per la consulenza prestata in relazione agli strumenti finanziari.Non è stata intrapresa alcuna azione finalizzata a consentire l’offerta degli strumenti finanziari ovvero la ricezione o la distribuzione del presente comunicato in Paesi nei quali detta azione è preventivamente richiesta a tali fini. I soggetti che ricevono il presente comunicato sono tenuti ad informarsi e ad osservare le suddette restrizioni.
Il presente comunicato e l’offerta, una volta effettuata, sono destinati unicamente, negli Stati membri dello Spazio Economico Europeo che abbiano implementato la Direttiva 2003/71/EC (“Direttiva Prospetto”) (ciascuno di essi, uno “Stato Membro Rilevante, ad investitori qualificati come definiti dall’articolo 2(1)(e) della Direttiva Prospetto, ed in accordo con le leggi ed i regolamenti di implementazione rispettivamente adottati da ciascuno degli Stati Membri Rilevanti (gli “Investitori Qualificati”).
Si assume fin d’ora che ciascun acquirente iniziale degli strumenti finanziari ovvero ciascun soggetto al quale l’offerta possa essere rivolta abbia dichiarato, riconosciuto ed accettato di essere un Investitore Qualificato come sopra definito.
Inoltre, nel Regno Unito, il presente comunicato è distribuito esclusivamente, nonché diretto unicamente ad Investitori Qualificati: (i) aventi esperienza professionale in materie relative a investimenti finanziari ai sensi dell’articolo 19(5) del Financial Services and Markets Act 2000 (Financial Promotion) Order 2005, come modificato (l’“Order”) o (ii) rientranti nella definizione dell’articolo 49, secondo comma, lettere dalla a) alla d) dell’Order o (iii) ai quali questo comunicato può essere legittimamente trasmesso ai sensi delle leggi vigenti (collettivamente, i “Soggetti Rilevanti”). Non deve essere fatto affidamento sul presente comunicato: (i) nel Regno Unito, da parte di soggetti diversi dai Soggetti Rilevanti, e (ii) negli altri Stati membri dello Spazio
Economico Europeo diversi dal Regno Unito, da soggetti diversi dagli Investitori Qualificati.
Si assume fin d’ora che, qualora l’offerta di strumenti finanziari sia rivolta ad un investitore in qualità di intermediario finanziario, come definito ai sensi dell’articolo 3(2) della Direttiva Prospetto, tale investitore abbia dichiarato ed accettato di non acquistare gli strumenti finanziari in nome e per conto di soggetti all’interno dello Spazio Economico Europeo diversi dagli Investitori Qualificati, ovvero di soggetti nel Regno Unito o in altri Stati membri (nei quali sia in vigore una normativa analoga) nei confronti dei quali l’investitore medesimo abbia il potere di assumere decisioni in maniera totalmente discrezionale, nonché di non acquistare gli strumenti finanziari allo scopo di offrirli o rivenderli all’interno dello Spazio Economico Europeo, ove detta circostanza richiederebbe la pubblicazione, da parte dell’Emittente, dei Joint Bookrunner o di qualsiasi altro collocatore, di un prospetto informativo ai sensi dell’articolo 3 della Direttiva Prospetto.
Stabilisation/FSA. In relazione all’emissione di Obbligazioni, Merrill Lynch International (lo “Stabilising Manager” ) o qualsiasi altro soggetto che agisca per conto dello Stabilising Manager potrà effettuare una sovrallocazione delle Obbligazioni ovvero eseguire operazioni allo scopo di mantenere il prezzo di mercato delle Obbligazioni ad un livello maggiore rispetto a quello che diversamente risulterebbe. In ogni caso, non vi è certezza alcuna che lo Stabilising Manager intraprenda un’azione di stabilizzazione. Qualunque attività di stabilizzazione, ove effettivamente avviata, potrà essere terminata in qualsiasi momento e dovrà essere conclusa entro un periodo di tempo limitato.
Il rating non costituisce una raccomandazione a comprare, vendere o detenere strumenti finanziari, non contempla le probabilità o la tempistica di pagamento anticipato e può essere soggetto a revisione, sospensione o ritiro in qualsiasi momento da parte della relativa società di rating.

Fonte: BONDWorld.it – Borsa Italia

Facendo seguito al comunicato stampa diffuso in data odierna,
Hera S.p.A. (“Hera” o la “Società”) rende noto che è stata completata l’operazione di
collocamento di un prestito obbligazionario equity-linked (le “Obbligazioni”) riservato a
investitori qualificati italiani e esteri. Il collocamento è stato curato da BofA Merrill Lynch e Citi in
qualità di Joint Bookrunner.
Le Obbligazioni, con un taglio pari a Euro 100.000,00, verranno emesse alla pari, fino ad un
importo complessivo pari ad Euro 130 milioni che potrà essere aumentato di circa Euro 10
milioni sino a circa Euro 140 milioni, in caso di esercizio integrale della over-allotment option
concessa ai Joint Bookrunner entro il 18 novembre 2010. Il prestito avrà durata circa triennale,
e pagherà una cedola semestrale e a tasso fisso dell’1,75% per anno. Il prezzo di conversione
delle Obbligazioni in azioni ordinarie della Società è stato fissato ad Euro 1,834, che incorpora
un premio del 23,5% rispetto al prezzo di riferimento di Euro 1,485 (definito come il prezzo
medio ponderato per i volumi delle azioni Hera scambiate sulla piattaforma di Borsa Italiana
nell’arco temporale compreso tra il lancio ed il pricing).
L’Offerta ha generato domanda diverse volte superiore al quantitativo disponibile, registrando
un’elevata partecipazione da parte di importanti fondi istituzionali long-only.
Come anticipato, le Obbligazioni diventeranno convertibili in azioni ordinarie della Società di
nuova emissione, subordinatamente all’approvazione dell’aumento di capitale, con l’esclusione
del diritto di opzione, al servizio della conversione da parte di un’assemblea straordinaria da
convocarsi da parte del Consiglio di Amministrazione della Società.

Articoli Simili

ExtraMOT : Dal 11 Novembre 2019 4 nuove obbligazioni

Falco64

ExtraMOT : Dal 24 Ottobre 2019 2 nuove obbligazioni

Falco64

ExtraMOT : Dal 15 Ottobre 2019 3 nuove obbligazioni

Falco64