BondWorld.it
Image default

Concambio via sindacato: dettagli del riacquisto di BTP nominali e di CCTeu

Concambio via sindacato: dettagli del riacquisto di BTP nominali e di CCTeu e della contestuale riapertura del BTP triennale in corso di emissione…

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


Il Ministero dell’Economia e delle Finanze comunica i dettagli dell’operazione di concambio via sindacato, realizzato tramite il riacquisto dei titoli BTP 01/09/20, BTP 01/05/21, CCTeu 15/12/20, CCTeu 15/06/22, CCTeu 15/12/22 e la contestuale emissione di una ulteriore tranche del BTP 15/10/21.

L’ammontare complessivamente riacquistato, pari a 3,2 miliardi di euro – a fronte di una offerta complessiva pari a circa 6,5 miliardi – ha riguardato per circa il 65% il comparto dei CCTeu e per circa il 35% quello dei BTP nominali.

All’interno del comparto dei CCTeu, circa il 79% è stato riconsegnato da banche, l’11% circa da fund manager e la restante quota da istituzioni ufficiali (circa il 9%) ed hedge fund (circa l’1%).

Sempre per il medesimo comparto, per quanto riguarda la composizione geografica, circa il 45% è stato riacquistato da investitori residenti nel Regno Unito, il 37% circa da investitori domestici, e il 10% circa da investitori francesi.

La residuale quota dell’8% è pervenuta da investitori di provenienza tedesca, irlandese e asiatica.

All’interno del comparto dei BTP nominali, circa il 73% è stato riconsegnato da banche, il 22,5% circa da istituzioni ufficiali e il restante 4,5% circa da hedge fund.

Per quanto riguarda la composizione geografica dei titoli riacquistati nel medesimo comparto, circa il 35% è stato riconsegnato da investitori provenienti dal Regno Unito, il 26% circa da investitori domestici e circa il 23% da investitori scandinavi. Il restante 16% è stato riacquistato da investitori francesi (circa l’11%) e da altri investitori extra-europei (circa il 5%).

Il quantitativo complessivamente collocato, pari a 3,2 miliardi di euro – a fronte di una domanda totale pari a circa 4,8 miliardi – è stato assegnato per circa il 79% a banche, mentre gli hedge fund ed i fund manager si sono aggiudicati rispettivamente il 10% e l’8% circa dell’emissione. La restante quota del 3% è stata infine collocata presso istituzioni ufficiali.

Dal punto di vista della provenienza geografica, la quota più elevata dell’emissione è stata sottoscritta da investitori residenti nel Regno Unito (circa il 51%), mentre gli investitori domestici si sono aggiudicati circa il 37% dell’emissione.

Il restante quantitativo, pari al 12%, è stato sottoscritto da investitori francesi (circa il 6%), scandinavi (circa il 2%) e da altri investitori extra-europei (circa il 4%).

Fonte: BONDWorld.it

Articoli Simili

Risultati dell’emissione del nuovo BTP a 15 anni

Falco64

Commenti e Spunti di inizio anno – 2019: ritorno in capo delle banche centrali?

1admin

Il JPM Global Income Fund spegne 10 candeline

Falco64