BondWorld.it
Edmond de Rothschild AM

Edmond de Rothschild AM: Meno volatilità nel 2020

Edmond de Rothschild AM – Ci aspettiamo rendimenti positivi, ma contenuti, nelle principali asset class; – Sul reddito fisso, preferiamo governativi e corporate bond dei Paesi emergenti e il debito finanziario subordinato;…..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


a cura di Benjamin Melman, Global CIO di Edmond de Rothschild Asset Management


–  L’azionario europeo dovrebbe registrare un andamento interessante grazie all’attuale livello di crescita, la conclusione della saga legata a Brexit, una probabile perdita di slancio sui titoli growth e una riduzione dell’interventismo delle Banche centrali

Se dovessimo riassumere gli ultimi due anni in quattro parole, la sintesi sarebbe “Non combattere la Fed!”

Nel 2018, quasi tutti gli asset di rischio hanno registrato performance negative a causa dell’inasprimento dei tassi di riferimento statunitensi e della riduzione della liquidità di Fed e BCE.

Tuttavia nel 2019, un’inversione di rotta di entrambe le Banche centrali ha fatto sì che gli asset di rischio, siano essi il Bund, le small cap asiatiche o il Bitcoin, abbiano registrato rendimenti straordinari.

I fondamentali non hanno giustificato il crollo del 2018 più di quanto abbiano fatto con l’impennata del 2019.

L’elemento che più colpisce è la cautela delle Banche centrali per quanto riguarda la liquidità.

Le sorprendenti fluttuazioni del mercato Repo statunitense nel 2019 lasciano pensare che la Fed abbia sbagliato le sue linee generali sulle questioni relative al proprio bilancio e all’impatto della liquidità sulle banche e sui mercati finanziari.

Il bilancio della Fed aveva raggiunto i 4.5 trilioni di dollari quando è cominciata la fase di restringimento monetario e ci sono stati segnali che suggerivano l’intenzione di ridurlo a 2.5 trilioni di dollari.

Ma non appena è sceso sotto i 4.000 miliardi di dollari, la crisi dei mercati finanziari nel quarto trimestre del 2018 ha costretto la Fed a smettere di ridurre il proprio bilancio.

E poi, dopo la crisi del mercato Repo, è ritornata al percorso di espansione.

Data tale esperienza e il ruolo molto forte svolto dalle Banche centrali nel corso degli ultimi trimestri, siamo convinti che adotteranno un approccio più neutrale dinanzi a queste nuove fonti di incertezza e, in caso di dubbio, eccederanno in cautela.

Di conseguenza, le variazioni sul fronte tassi dovrebbero essere ridotte nel 2020, in netto contrasto con un 2019 molto proattivo, e la liquidità della Fed e della BCE ricomincerà senza dubbio a crescere. Le Banche centrali saranno orientate a sostenere i mercati, ma in modo più marginale.

I mercati dovranno cavarsela da soli

I mercati godranno di una protezione minore rispetto al 2019 e dovranno quindi badare a se stessi. Le valutazioni saranno piuttosto stirate e, in teoria, il contesto mediocre.

Ci sarà anche un rischio politico significativo a causa della guerra commerciale in corso, delle presidenziali americane, delle tensioni tra Stati Uniti e Iran, dell’uscita ufficiale del Regno Unito dall’Unione Europea il 31 gennaio e della fragile coalizione di governo italiana di fronte all’opposizione dell’imprevedibile, ma popolare, Matteo Salvini.

Negli Stati Uniti, c’è scarsa visibilità al momento su chi potrebbe essere il candidato democratico, fonte questa di incertezza in quanto i candidati in lizza hanno programmi molto diversi, che vanno da una tradizione centrista ad un approccio decisamente radicale.

Le pressioni sui margini societari, in particolare negli Stati Uniti e in Europa, dovrebbero limitare la crescita degli utili e, di conseguenza, zavorrare la performance del mercato azionario.

I titoli di Stato dovrebbero rimanere per lo più stabili e, di conseguenza, la performance richiederà selettività.

Per quanto riguarda il reddito fisso, preferiamo i titoli di Stato, le obbligazioni corporate dei Paesi emergenti e il debito finanziario subordinato. In primo luogo, offrono rendimenti migliori a parità di rischio e le Banche centrali hanno creato un contesto in cui la ricerca di rendimento è fondamentale.

In secondo luogo, la ripresa del programma di allentamento quantitativo da parte della BCE sta spingendo automaticamente gli investitori verso altri mercati.

Durante il primo round di QE, gli investitori europei hanno mostrato una forte preferenza per il debito dei Paesi emergenti. Inoltre, non pensiamo che il debito dei Paesi emergenti sia attualmente più rischioso.

Per quanto riguarda le banche europee, i coefficienti patrimoniali sono a livelli record, gli NPL continuano a calare e il rischio politico è diminuito (salvo un qualsiasi prematuro ritorno al potere di Matteo Salvini).

Il debito  emergente dovrebbe beneficiare del persistente indirizzo accomodante delle principali Banche centrali e della corsa al rendimento che esse hanno contribuito a creare.

Il precedente round di QE della BCE aveva innescato un significativo acquisto di debito emergente. Con la riduzione della quota di bond nelle casse della Banca centrale, gli investitori europei non hanno avuto altra scelta che sostituirle.

E i gravi rischi – un default venezuelano o la caduta del presidente argentino Mauricio Macri, con conseguente flessione dei titoli di Stato – sono tutti possibili.

Healthcare e Big Data possono andare bene

L’azionario europeo dovrebbe far meglio di Wall Street per una serie di ragioni, tra cui gli attuali livelli di crescita globale e la normalizzazione del processo legato a Brexit.

Inoltre, la lunga fase di sovraperformance del growth sul value sta probabilmente perdendo vigore e la riduzione dell’attivismo delle Banche centrali dovrebbe eliminare un freno agli indici finanziari, che hanno un peso significativo negli indici europei.

Avremmo voluto sovrappesare le azioni emergenti, anche perché trattano a sconto, ma poiché la Cina ci sembra l’anello debole dello scenario economico, è difficile superare l’esposizione neutrale.

L’eccezione è rappresentata dall’India.

È l’unico Paese ad aver attuato vaste riforme negli ultimi anni e vanta un serbatoio di crescita sostenibile grazie al solido andamento demografico e a livelli di debito privato particolarmente bassi.

Tendiamo a pensare che solo le riforme strutturali permetteranno all’India di dispiegare in modo sostenibile il proprio potenziale di crescita.

Il temporaneo rallentamento del ritmo di crescita del Paese registrato quest’anno ha suscitato qualche sorpresa, ma spesso c’è un certo ritardo tra le riforme e il travaso positive sul ritmo della crescita.

Per gli investitori a medio e lungo termine, riteniamo che l’India abbia il potenziale per superare gli altri Paesi emergenti.

Ci aspettiamo un buon andamento anche da parte del settore healthcare per varie ragioni:

– Sulla scia di uno slancio a breve e medio termine. Il settore è tradizionalmente instabile nelle fasi di avvicinamento alle presidenziali americane, poiché è sottoposto ad attacchi politici, ma sta già trattando a sconto.

Anche con la minaccia della volatilità tipica della campagna elettorale, pensiamo che il settore sia interessante. Sono pochi i temi con tali vantaggi ad offrire valutazioni così allettanti.

– Guardando ad altri settori, quello dei Big Data rappresenta ancora un tema di crescita, poiché la rivoluzione si amplia gradualmente alle imprese.

Ci aspettiamo rendimenti positivi, ma contenuti, nelle principali asset class. La volatilità degli asset è scesa sulla scia della politica della Banca centrale, del recentissimo accordo fase 1 nei colloqui USA-Cina, della riduzione del rischio di hard Brexit grazie alla forte maggioranza di Westminster e dei segnali di stabilizzazione della crescita economica dopo un lungo rallentamento.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: Germania: politiche fiscali in campo

Redazione

La Financière de l’Echiquier – Il Mondo del dopo

Redazione

MIRABAUD AM: USA, prevediamo aumento dei sussidi di disoccupazione di oltre 5 milioni a settimana

Redazione