BondWorld.it

FCA completa l’offerta di azioni ordinarie e del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria

Fiat Chrysler Automobiles N.V.  ha annunciato il completamento dell’offerta di 100 milioni di azioni ordinarie, valore nominale €0.01 per azione, e di un ammontare nozionale complessivo di…

 


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.

{loadposition notizie}


U.S.$2.875  millioni  di  obbligazioni  7,875%  a conversione obbligatoria e scadenza 2016.  Le  azioni ordinarie collocate sono costituite dalle azioni ordinarie proprie precedentemente detenute da FCA e da ulteriori azioni ordinarie che FCA ha emesso per reintegrare il capitale delle azioni cancellate  ai sensi della normativa applicabile a seguito dell’esercizio da parte degli azionisti di Fiat S.p.A. (“Fiat”) del diritto di recesso loro riconosciuto dalla normativa italiana  nell’ambito della fusione transfrontaliera di Fiat in FCA. Le offerte  riflettono  il pieno esercizio da parte delle banche collocatrici delle opzioni  loro spettanti per l’acquisto di ulteriori azioni ordinarie ed obbligazioni a conversione obbligatoria.

L’azionista  di riferimento di FCA, Exor S.p.A. (“Exor”) ha acquistato in questa offerta, a titolo di investimento,  un ammontare nozionale complessivo di  U.S.$886 milioni di obbligazioni a conversione obbligatoria al fine di preservare  la propria partecipazione, pari a circa il 30% delle azioni ordinarie di FCA (fully diluted). La partecipazione  (diluted) di Exor, dopo  il completamento delle offerte, sarà pari a circa il 29,5% delle azioni ordinarie di FCA.

Le azioni ordinarie sono state collocate al pubblico al prezzo di U.S.$11,00 per azione. FCA ha pagato commissioni di collocamento per complessivi U.S.$33 milioni per l’offerta di azioni ordinarie per un ricavo netto prima delle spese di U.S.$1.067 milioni.

Le obbligazioni a conversione obbligatoria sono state collocate al pubblico al 100% del valore nozionale di U.S.$100 per ciascuna  obbligazione a conversione obbligatoria. FCA ha pagato commissioni di collocamento pari al  U.S.$2.75  per ogni U.S.$100  di  obbligazioni a conversione obbligatoria  escluse quelle acquistate da Exor, per un ricavo totale netto prima delle spese di circa  U.S.$2.820 milioni. Il ricavo totale netto prima delle spese derivante da entrambe le offerte è stato pari a circa  U.S.$3.887
milioni.

Le obbligazioni a conversione obbligatoria saranno obbligatoriamente convertite in azioni ordinarie FCA il 15 dicembre 2016, fatte salve le ipotesi di conversione anticipata a discrezione del possessore o di FCA oppure a seguito del verificarsi di specifici eventi in base ai relativi termini.  La cedola del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria sarà del  7,875% annuo  dell’importo nozionale, pagabile annualmente il 15 dicembre 2015 e 2016 e, a scelta di FCA, potrà essere corrisposta in azioni ordinarie di FCA alla data  stabilita per la  conversione obbligatoria. FCA avrà l’opzione di differire il pagamento delle cedole, purché tale differimento non vada oltre la data di scadenza. Le obbligazioni a conversione obbligatoria sono state emesse in tagli di U.S.$100 per obbligazione. Il tasso di conversione massimo del prestito a conversione obbligatoria sarà pari a 9,0909 azioni ordinarie per ciascun titolo obbligazionario a conversione obbligatoria, mentre il tasso minimo sarà pari a 7,7369 azioni ordinarie per ciascun titolo obbligazionario a conversione obbligatoria, in entrambi i casi con aggiustamento in talune circostanze.

FCA intende utilizzare il ricavato netto dell’offerta di azioni ordinarie e del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria per le generali esigenze del Gruppo. 

“Questo è stato un anno di  radicale  trasformazione per FCA. Dopo aver acquisito  dal VEBA Trust  la residua quota di minoranza in Chrysler, abbiamo trasformato Fiat e Chrysler in FCA ed esordito al New York Stock Exchange, il tutto negli ultimi 12 mesi. Il completamento di queste offerte rappresenta un altro passo  decisivo  per  fare di FCA un costruttore di automobili globale,  dotato della  capitalizzazione  per competere efficacemente con i maggiori costruttori mondiali” ha detto Sergio Marchionne, CEO di FCA.

Intendiamo proseguire nella realizzazione del Business Plan 2014-2018”.

Fonte: BONDWorld.it

Articoli Simili

ESG sul mercato obbligazionario nuovo studio Banor SIM

Falco64

Payden & Rygel selezionata per due mandati obbligazionari

Falco64

UniCredit: ben al di sopra dei requisiti patrimoniali specifici stabiliti dalla BCE

Falco64