BondWorld.it
Reznick Mitch Federated Hermes

Federated Hermes: Biden o non Biden, la rivoluzione verde è già partita, spinta da governi e aziende

Federated Hermes: Se da un lato il programma del neo-presidente Biden volto a finanziare una vera e propria ripresa verde negli Stati Uniti rappreseneterà di certo un ulteriore elemento catalizzatore

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


A cura di Mitch Reznick, Head of Sustainable Fixed Income per la divisione internazionale di Federated Hermes


per quanto riguarda  lo sviluppo e la crescita dei prodotti d’investimento nel segmento ESG e della sostenibilità, dall’altro è opportune notare come, nei fatti, questa evoluzione avverrà indipendentemente sulla scia di quelle che sono delle tendenze secolari oltre che grazie al supporto di natura normativa in essere.

I finanziamenti verdi continueranno a seguire una significativa traiettoria di crescita per una serie di ragioni eterogenee: in primo luogo l’Unione Europea finanzierà il proprio progetto di ripresa verde con circa 225 miliardi di Euro sotto forma di obbligazioni verdi. Inoltre, tanto le aziende quanto i governi stanno riscontrando un vantaggio in termini di costo del capitale nell’emissione di obbligazioni verdi. Da sottolineare anche il numero significativamente crescente di aziende che si stanno impegnando a raggiungere obiettivi climatici sostenuti da precupposti scientifici. Infine, gli investitori stanno orientando i propri portafogli in direzione sempre più marcata a favore di asset sostenibili.

Siamo nell’epicentro della rivoluzione verde e il Vecchio Continente continuerà a ispirare su scala globale le attività legate alla finanza verde, dato che tanto i governi quanto le aziende stanno cercando di trarre beneficio dal filone del cosiddetto “greenium”. E possiamo anche guardare al numero di Paesi, anche al di fuori dell’Europa, che dichiarano si essere pronti all’obiettivo net-zero di emissioni entro il 2050, con anche gli Stati Uniti pronti a rientrare in questa lista.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

GAM lancia la prima strategia ESG sui mercati obbligazionari emergenti in valuta locale

Redazione

PIMCO Italia entra a far parte del Global Compact delle Nazioni Unite

Redazione

Banor SIM prosegue la sua analisi ESG sul mercato obbligazionario

Redazione