BondWorld.it
Federated Hermes

Federated Hermes: come procede la ripresa delle emissioni sul mercato primario

Federated Hermes: Dopo il rallentamento registrato a marzo scorso, le emissioni sul mercato primario sono tornate a pieno regime.

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


A cura di Andrey Kuznetsov, Senior Portfolio Manager per la divisione internazionale di Federated Hermes


Considerato il difficile contesto macroeconomico, si tratta di un aspetto assolutamente degno di nota, che testimonia la crescente popolarità del credito tra coloro che si occupano di asset allocation.

Le società investment-grade sono state le prime a testare l’attuale contesto: le loro emissioni hanno raggiunto il massimo ad aprile, quindi due mesi prima che raggiungesse il massimo il segmento dell’High Yield. Le emissioni si sono concentrate soprattutto nell’ambito di società con rating A e AA ad aprile, prima che il credito con rating BBB registrasse un volume di 235 miliardi di euro di emissioni a maggio. Ci è voluto un po’ di tempo prima che si riprendesse anche l’High Yield e il credito con rating BB e B ha raggiunto un picco in giugno.

Gli emittenti investment-grade trarranno probabilmente vantaggio dai rendimenti ai minimi storici e rifinanzieranno il proprio debito a cedola più alta nei prossimi mesi. Le aziende con un rating più elevato potrebbero addirittura iniziare a mettere a frutto la liquidità in eccesso, soprattutto se l’economia globale continuerà sulla strada della stabilizzazione.

Sul fronte opposto, è probabile che gli emittenti di qualità inferiore e all’interno del segmento High Yield continuino a mantenere un approccio di apertura nei confronti dei creditori conservando una buona offerta di liquidità, fattore questo che contribuirà a tenere a bada le agenzie di rating.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Franklin Templeton – commento sull’Italia

Redazione

BlueBay: Con Draghi l’Italia può avere una voce più forte in Europa

Redazione

UBP: BTP, lo spread reagisce bene all’ipotesi Draghi

Redazione