BondWorld.it
Chockalingam Nachu Federated Hermes

Federated Hermes – la partita emergenti vs sviluppati sul mercato del credito

Federated Hermes: Dall’inizio dell’anno i corporate bond degli emergenti in valuta forte hanno reso solo lo 0,19% con i bond sovrani nella stessa area geografica ancora in calo dello 0,74%.

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


A cura di Nachu Chockalingam, Senior Credit Portfolio Manager per la divisione internazionale di Federated Hermes


Tutto ciò rispetto ad un total return del 2,82% per l’high yield globale.

Attualmente gli spread delle obbligazioni societarie degli emergenti trattano ad un livello di due deviazioni standard meno costoso rispetto agli spread delle obbligazioni high yield dei mercati sviluppati; un rapporto che non si vedeva da ormai tre anni. La pandemia ha chiaramente colpito duramente gli emergenti e la ripresa non sarà facile, con molti Paesi che dovranno fronteggiare significative limitazioni sia sul fronte fiscale che sanitario.

Mentre la debolezza della performance degli emergenti è in parte riconducibile a fondamentali inferiori ed a prospettive di ripresa più lenta, è anche importante ricordare che quasi due terzi dei benchmark corporate e sovrani per gli emergenti in valuta forte hanno un rating investment grade, e sono stati quindi soggetti fino ad ora ad una volatilità dei tassi molto maggiore rispetto a quanto accaduto da inizio anno al segmento high yield all’interno dei mercati sviluppati.

E’ lecito domandarsi perché questo confronto avvenga tra i corporate bond degli emergenti e l’high yield dei mercati sviluppati (e non invece all’investment grade sempre dei mercati sviluppati): la ragione è che la maggior parte degli investitori valuterà i corporate bond degli emergenti in un modo che è più simile all’analisi che viene propriamente condotta sull’high yield, dato il rischio più comparabile e le prospettive dei fondamentali degli emittenti. 

La sottoperformance dei coporate bond degli emergenti crea anche un’opportunità per gli investitori. Pensiamo sia interessante, in particolare, cercare quegli emittenti all’interno dei mercati emergenti che abbiano solidi fondamentali e siano più orientati all’esportazione, quindi meno concentrati sulla ripresa interna e più esposti alla ripresa in aree geografiche come Stati Uniti ed Europa.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

BlueBay – Mercati turbolenti, ma i vaccini stanno facendo il loro lavoro

Redazione

La Financière de l’Echiquier – Inflazione, tre elementi a cui prestare attenzione

Redazione

NN IP: Tassonomia UE: le percentuali mostrano che il pieno allineamento deve ancora essere raggiunto

Redazione