BondWorld.it
CALCOLATRICE -

Flash Daily Mercati

Un portavoce della Commissione Europea ha detto che la Commissione sta considerando la preparazione di una proposta per un fondo monetario europeo, con lo scopo di….

Da seguire:

–        Nessun dato di particolare rilevanza in uscita in Europa e Stati Uniti.

Ieri sui mercati

…..sostenere paesi in crisi e di applicare regole stringenti su deficit e debito dei paesi membri. Nei giorni scorsi, il ministro delle finanze tedesco ha avanzato l’idea di un fondo monetario europeo con lo scopo di gestire eventuali crisi, senza però fornire dettagli su come il fondo sarebbe finanziato e come funzionerebbe. A. Merkel ieri ha detto che l’idea di un fondo europeo va esplorata, perché la crisi attuale ha indicato che “le sanzioni che abbiamo non sono abbastanza buone”. Tuttavia Merkel ha indicato che l’istituzione di un fondo europeo richiederebbe probabilmente una modifica del Trattato, attraverso negoziati con tutti i paesi membri. Anche Lagarde ha detto che l’idea del fondo è interessante ma occorre vedere come si integra con altre proposte. Stark (BCE) invece in un’intervista a Handelsblatt ha affermato che l’istituzione di un fondo aumenterebbe ulteriormente i problemi di azzardo morale: quello che è necessario secondo Stark è una sorveglianza più stringente e regole di bilancio più vincolanti.

Area euro

Germania. La produzione industriale tedesca è cresciuta di 0,6% m/m dopo un calo di -1,0% m/m a dicembre (rivisto al rialzo da -2,6% m/m). L’andamento della produzione potrebbe essere stato distorto da due fattori a cavallo del nuovo anno: il clima particolarmente rigido e una correzione dell’output nell’auto al venir meno della forte domanda gonfiata dagli incentivi. Sul trimestre, la produzione tedesca è in rotta per una crescita di 0,2% t/t dal +0,8% t/t di fine 2009. Le prospettive per il manifatturiero tedesco sono positive stando alle indicazioni da IFO e PMI e fanno sperare in un ulteriore recupero di attività.

Il governo portoghese ha annunciato nuove misure fiscali per rafforzare il processo di risanamento dei conti pubblici, con l’obiettivo di portare il deficit a 8,3% del PIL nel 2010 e al 3% nel 2013. Le misure saranno incluse nel programma di stabilità che verrà discusso più avanti dalla Commissione Europea. Circa metà dell’intervento è concentrato sulla spesa, attraverso un congelamento dei salai dei dipendenti pubblici. Dal lato delle imposte, verrà inserita una nuova aliquota di 45% sui redditi più elevati. Il piano include anche privatizzazioni per 6 mld di euro, i cui proventi andranno a riduzione del debito

Stati Uniti

La Fed di New York ha annunciato l’inizio di un programma che espande le controparti accettate per operazioni di drenaggio, includendo i fondi di mercato monetario domesitci. Inizialmente verranno inclusi nella conduzione di reverse repos, oltre ai primary dealers, intermediari che tipicamente offrono un ampio ammontare di fondi a breve termine ai mercati finanziari. Successivamente l’insieme delle controparti verrà ulteriormente ampliato. Nel comunicato si sottolinea che questa espansione delle controparti è una questione di “programmazione in anticipo” da cui non bisogna inferire nulla riguardo al timing di qualsiasi operazione di politica monetaria futura. La NY Fed specifica che i termini e le dimensioni delle operazioni di drenaggio verranno definiti dal FOMC.

D. Elmendorf (direttore del CBO) ha detto che il sentiero del deficit federale presenta “rischi economici significativi” e diventerà insostenibile. La forte crescita della spesa previdenziale, assistenziale e sanitaria finora non ha avuto riflessi drammatici sul deficit grazie al significativo calo della spesa per la difesa che, in percentuale del PIL, si è dimezzata negli ultimi decenni. Questo non potrà ripetersi in futuro e secondo Elmendorf l’insostenibilità della dinamica della spesa per programmi sociali e sanitari non potrà essere risolta con interventi limitati, ma richiederà “un visibile aumento del carico fiscale, una visibile riduzione di alti programmi, o una visibile riduzione dei programmi (sociali) stessi”. 

B. Sack (NY Fed) ha detto che ridurre la dimensione del bilancio della banca centrale attraverso vendite di titoli rischierebbe di portare a un aumento improvviso dei rendimenti a lungo termine. La strategia migliore secondo Sack è un rientro “passivo e graduale” ottenuto soprattutto attraverso la scadenza naturale dei titoli detenuti in portafoglio; i tassi di interesse a breve termine saranno lo strumento “più attivo” di policy da utilizzare. Sack ha aggiunto che nel medio termine tuttavia la gestione passiva del portafoglio titoli, appropriata ora, potrebbe non essere sufficiente, quando la ripresa economica si sarà assestata in modo più duraturo. Sack ha sottolineato che i suoi commenti non offrono nessuna indicazione riguardo ai tempi della svolta di politica monetaria.


Certificazione degli analisti

Gli analisti finanziari che hanno predisposto la presente ricerca, i cui nomi e ruoli sono riportati nella prima pagina del documento dichiarano che:

  1. Le opinioni espresse sulle società citate nel documento riflettono accuratamente l’opinione personale, indipendente, equa ed equilibrata degli analisti;

  2. Non è stato e non verrà ricevuto alcun compenso diretto o indiretto in cambio delle opinioni espresse.

Comunicazioni importanti

La presente pubblicazione è stata redatta da Intesa Sanpaolo S.p.A. Le informazioni qui contenute sono state ricavate da fonti ritenute da Intesa Sanpaolo S.p.A. affidabili, ma non sono necessariamente complete, e l’accuratezza delle stesse non può essere in alcun modo garantita. La presente pubblicazione viene a Voi fornita per meri fini di informazione ed illustrazione, ed a titolo meramente indicativo, non costituendo pertanto la stessa in alcun modo una proposta di conclusione di contratto o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario. Il documento può essere riprodotto in tutto o in parte solo citando il nome Intesa Sanpaolo S.p.A.

La presente pubblicazione non si propone di sostituire il giudizio personale dei soggetti ai quali si rivolge. Intesa Sanpaolo S.p.A. E le rispettive controllate e/o qualsiasi altro soggetto ad esse collegato hanno la facoltà di agire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi materiale sopra esposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispira prima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione della clientela. Intesa Sanpaolo S.p.A. e le rispettive controllate e/o qualsiasi altro soggetto ad esse collegato possono occasionalmente assumere posizioni lunghe o corte nei summenzionati prodotti finanziari.

NYSE Euronext announces dividend detachments on the following ETFs:

iShares – iShares AEX
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0392 EUR
Trading name: ISHARES AEX
Symbol: IAEX
ISIN: IE00B0M62Y33
Euronext code: IE00B0M62Y33

iShares – iShares DJ Asia/Pacific Select Dividend
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,1301 USD
Trading name: ISHARES AS PAC
Symbol: IAPD
ISIN: IE00B14X4T88
Euronext code: IE00B14X4T88

iShares – iShares DJ Euro STOXX Growth
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0495 EUR
Trading name: ISHARES ESTOXX GRO
Symbol: IDJG
ISIN: IE00B0M62V02
Euronext code: IE00B0M62V02

iShares – iShares DJ EuroSTOXX MidCap
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0862 EUR
Trading name: ISHARES DJ MIDCAP
Symbol: DJMC
ISIN: IE00B02KXL92
Euronext code: IE00B02KXL92

iShares – iShares DJ Euro STOXX Select Dividend
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0264 EUR
Trading name: ISHARES ESTOXX DIV
Symbol: IDVY
ISIN: IE00B0M62S72
Euronext code: IE00B0M62S72

iShares – iShares DJ EuroSTOXX SmallCap
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0211 EUR
Trading name: DJ EUROSTOXX SMALL
Symbol: DJSC
ISIN: IE00B02KXM00
Euronext code: IE00B02KXM00

iShares – iShares DJ Euro STOXX Value
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,1007 EUR
Trading name: ISHARES DJX VALUE
Symbol: IDJV
ISIN: IE00B0M62T89
Euronext code: IE00B0M62T89

iShares – iShares FTSE 100
Page 7 of 11
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0274 GBP
Trading name: FTSE 100 FUND
Symbol: ISFA
ISIN: IE0005042456
Euronext code: IE0005042456

iShares – iShares FTSE/EPRA European Property Index
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0035 EUR
Trading name: ISHARES PR EUR
Symbol: IPRP
ISIN: IE00B0M63284
Euronext code: IE00B0M63284

iShares – iShares MSCI AC Far East ex-Japan
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0432 USD
Trading name: ISHARES EAST EX-JP
Symbol: IFFF
ISIN: IE00B0M63730
Euronext code: IE00B0M63730

iShares – iShares MSCI Brazil
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,2743 USD
Trading name: ISHARES BRASIL
Symbol: IBZL
ISIN: IE00B0M63516
Euronext code: IE00B0M63516

iShares – iShares MSCI Emerging Markets
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0712 USD
Trading name: ISHARES EM MARKETS
Symbol: IEMM
ISIN: IE00B0M63177
Euronext code: IE00B0M63177

iShares – iShares MSCI Europe ex-UK
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,049 EUR
Trading name: ISHARES EUROP EXUK
Symbol: IEUX
ISIN: IE00B14X4N27
Euronext code: IE00B14X4N27

iShares – iShares MSCI Korea
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0568 USD
Trading name: ISHARES KOREA
Symbol: IKRA
ISIN: IE00B0M63391
Euronext code: IE00B0M63391

iShares – iShares MSCI North America
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0729 USD
Trading name: ISHARES N-AM
Symbol: INAA
ISIN: IE00B14X4M10
Euronext code: IE00B14X4M10

iShares – iShares MSCI World
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0772 USD
Trading name: ISHARES WORLD
Symbol: IWRD
ISIN: IE00B0M62Q58
Euronext code: IE00B0M62Q58

iShares – iShares SP 500
Ex date: 24/02/2010
Page 9 of 11
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0363 USD
Trading name: ISHARES SP 500
Symbol: ISSP
ISIN: IE0031442068
Euronext code: IE0031442068

iShares – iShares Corporate Bond
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 1,1865 EUR
Trading name: ISHARE EUR CORP BD
Symbol: IBXLQ
ISIN: IE0032523478
Euronext code: IE0032523478

iShares – iShares Corporate Bond
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 1,3849 USD
Trading name: ISHARES USD CRP BD
Symbol: LQDA
ISIN: IE0032895942
Euronext code: NSCNL00LQDA9

iShares – iShares Treasury Bond 1-3
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,607 USD
Trading name: ISHARES T 1-3
Symbol: IBTS
ISIN: IE00B14X4S71
Euronext code: IE00B14X4S71

iShares – iShares Government Bond 1-3
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 1,1216 EUR
Trading name: ISHARES E1-3
Symbol: IBGS
ISIN: IE00B14X4Q57
Euronext code: IE00B14X4Q57

 

Articoli Simili

UBP: Rischio di liquidità dei mercati del credito?

Falco64

Franklin Templeton Uno scacchiere a quattro dimensioni

Falco64

Eurizon Macro Mercati Dicembre 2019

Falco64