BondWorld.it
BUSSOLA 2

Flash Daily Mercati

Da seguire: –           Aste – La Spagna colloca il nuovo Bono 3% 04/2015 per un ammontare di 3,5-4,5 mld. La Francia riapre per 7,0-8,5 mld…..

 complessivi tre titoli: OAT 3,5% 04/2020, OAT 4,25% 10/2023 e OAT 5,75% 10/2032.

Area euro

–           Il focus alla riunione di marzo BCE sarà sul timing di ripristino del vecchio meccanismo d’asta nelle operazioni di rifinanziamento, un passo cruciale nella rimozione degli interventi non convenzionali dal momento che restituirà alla BCE il controllo della liquidità. Riteniamo che la BCE vorrà seguire un approccio graduale ritornando all’assegnazione di quantità prefissate da fine aprile sulle operazioni a più lunga scadenza (1/3 mesi) e solo successivamente su quelle settimanali. Le revisioni delle previsioni macro manterranno una view cauta sullo scenario e giustificheranno tassi fermi per un lungo periodo di tempo.

–           La seconda lettura dei dati di contabilità nazionale relativi al 4° trimestre dovrebbe confermare il rallentamento del PIL area euro a 0,1% t/t. La crescita sarebbe dovuta interamente al contributo del commercio con l’estero (circa sei decimi), mentre si dovrebbe registrare una contrazione della domanda sia per consumi (-0,1% t/t) che per investimenti (-0,7% t/t). Anche la spesa pubblica potrebbe rientrare dopo gli incrementi molto sostenuti dei trimestri precedenti. Infine, anche le scorte potrebbero aver frenato la crescita.

Regno Unito

–           L’attenzione non sarà tanto su bank rate e ammontare degli acquisti di titoli, attesi entrambi invariati, quanto sul testo del comunicato. Ci sembra ancora improbabile, però, che esso sveli una imminente sterzata espansiva.

Stati Uniti

–           La crescita della produttività dovrebbe registrare un aumento di 6,2% t/t, in linea con la prima stima. Anche il costo del lavoro per unità di prodotto dovrebbe vedere una dinamica invariata rispetto alla stima precedente (-4,4% t/t).

Ieri sui mercati

La manovra correttiva annunciata ieri dalla Grecia non ha avuto riflessi travolgenti, pur contribuendo a stringere gli spread sovrani nella zona euro (ovviamente soprattutto quelli della Grecia) e a rafforzare l’euro. Lo spread GGB-Bund sulla scadenza biennale, che lunedì era ancora a 530pb, ora è calato a 455. Il rialzo del tasso di rendimento sul Bund è stato modesto, limitato a un paio di punti base. Il rialzo dei mercati azionari europei non ha avuto seguito sui mercati americani, che hanno chiuso invariati, e in Asia, dove il Nikkei è sceso di un punto percentuale.

Area euro

La Grecia ha varato una manovra addizionale per nominali 4,8 mld di euro, circa il 2% del PIL, come richiesto dalla Commissione Europea e anticipato informalmente dallo stesso governo greco.  Le misure includono un aumento dell’IVA del 2% al 21%, che da sola dovrebbe valere 1,4 mld, aumenti delle accise su tabacco (dal 63 al 65%), alcolici e carburanti (da 3 a 8 centesimi al litro), nonché una riduzione dei bonus dei dipendenti pubblici del 30%, che equivale a circa 0,7 mld. È prevista anche una tassa una tantum sulla grande proprietà immobiliare, da cui si spera di ricavare 200 milioni, e un’imposta sugli acquisti di beni di lusso. Nel complesso ci sembra che gli sforzi dovrebbero consentire alla Grecia di ottenere aiuto da altri Paesi Membri ove dovesse incontrare difficoltà di rifinanziare il debito nei mesi primaverili, ma l’aspettativa che venga sfoderato un pacchetto preventivo di assistenza potrebbe andare delusa.

Le vendite al dettaglio nell’area euro sono calate di 0,3% m/m (-1,3%) in linea con le attese. Le vendite sono ristagnate sui livelli del mese prima in Germania e Francia e quindi devono essere calate in Italia e Spagna. Il dato conferma la debolezza della domanda interna e lascia la dinamica trimestrale in rotta per un calo di 0,2% t/t nel 1° trimestre.

Il PMI dei servizi è stato rivisto al ribasso di due decimi a febbraio a 51,8, un livello coerente al massimo con una stagnazione del comparto. Il dato conferma i timori di una protratta debolezza della domanda interna, anche se non è da escludere che il clima rigido possa aver depresso le vendite e la fiducia.

Stati Uniti

Il Senato, dopo una settimana di ostruzionismo da parte di un senatore repubblicano, ha approvato un disegno di legge passato alla Camera con cui si estendono per un mese i sussidi di disoccupazione di emergenza.

Fisher (Dallas Fed) ha detto che i tassi dovrebbero rimanere bassi fino a quando l’economia non si riprende: questo non avverrà, secondo Fisher, “per un certo tempo”. Fisher aveva detto di condividere l’opinione di Hoenig riguardo al riferimento a “un periodo esteso” per il sentiero dei tassi, e ha ribadito di “non essere stato d’accordo con quel linguaggio fin dal principio”. Fisher, Plosser e Rosengren hanno detto di essere fortemente contrari a un’eventuale eliminazione del compito di supervisione delle banche dai compiti della Fed.   

La stima ADP degli occupati non agricoli del settore privato registra un calo di 20 mila unità a febbraio, dopo
-60 mila (rivisto da -22 mila) di gennaio. Il rapporto segnala che il clima avverso della settimana di rilevamento dei dati dell’employment report ha avuto un effetto limitato sui dati ADP, “per via della metodologia usata per costruirli”. Pertanto è probabile che i dati BLS in pubblicazione venerdì siano più negativi di quanto rilevato da ADP, nonostante la presenza dell’effetto positivo degli occupati per il censimento.

L’ISM del settore non manifatturiero a febbraio sale più del previsto a 53, il livello più alto da dicembre 2007, da 50,5 di gennaio. In aumento tutte le componenti, eccetto i prezzi e le scorte. L’aumento dell’indice composito è particolarmente positivo alla luce delle condizioni climatiche particolarmente avverse del mese scorso, ma il livello dell’indice e delle sotto-componenti resta relativamente basso vista la fase ciclica ed è coerente con una crescita intorno al 2%.

Il Beige Book mostra che le condizioni economiche hanno continuato ad espandersi, anche se le severe nevicate di inizio febbraio hanno bloccato l’attività in molti distretti. Nel complesso il Beige Book conferma un quadro coerente con una crescita positiva ma modesta e decisamente più debole rispetto al ritmo visto nel 4° trimestre 2009.


Certificazione degli analisti

Gli analisti finanziari che hanno predisposto la presente ricerca, i cui nomi e ruoli sono riportati nella prima pagina del documento dichiarano che:

  1. Le opinioni espresse sulle società citate nel documento riflettono accuratamente l’opinione personale, indipendente, equa ed equilibrata degli analisti;

  2. Non è stato e non verrà ricevuto alcun compenso diretto o indiretto in cambio delle opinioni espresse.

Comunicazioni importanti

La presente pubblicazione è stata redatta da Intesa Sanpaolo S.p.A. Le informazioni qui contenute sono state ricavate da fonti ritenute da Intesa Sanpaolo S.p.A. affidabili, ma non sono necessariamente complete, e l’accuratezza delle stesse non può essere in alcun modo garantita. La presente pubblicazione viene a Voi fornita per meri fini di informazione ed illustrazione, ed a titolo meramente indicativo, non costituendo pertanto la stessa in alcun modo una proposta di conclusione di contratto o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario. Il documento può essere riprodotto in tutto o in parte solo citando il nome Intesa Sanpaolo S.p.A.

La presente pubblicazione non si propone di sostituire il giudizio personale dei soggetti ai quali si rivolge. Intesa Sanpaolo S.p.A. E le rispettive controllate e/o qualsiasi altro soggetto ad esse collegato hanno la facoltà di agire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi materiale sopra esposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispira prima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione della clientela. Intesa Sanpaolo S.p.A. e le rispettive controllate e/o qualsiasi altro soggetto ad esse collegato possono occasionalmente assumere posizioni lunghe o corte nei summenzionati prodotti finanziari.

NYSE Euronext announces dividend detachments on the following ETFs:

iShares – iShares AEX
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0392 EUR
Trading name: ISHARES AEX
Symbol: IAEX
ISIN: IE00B0M62Y33
Euronext code: IE00B0M62Y33

iShares – iShares DJ Asia/Pacific Select Dividend
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,1301 USD
Trading name: ISHARES AS PAC
Symbol: IAPD
ISIN: IE00B14X4T88
Euronext code: IE00B14X4T88

iShares – iShares DJ Euro STOXX Growth
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0495 EUR
Trading name: ISHARES ESTOXX GRO
Symbol: IDJG
ISIN: IE00B0M62V02
Euronext code: IE00B0M62V02

iShares – iShares DJ EuroSTOXX MidCap
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0862 EUR
Trading name: ISHARES DJ MIDCAP
Symbol: DJMC
ISIN: IE00B02KXL92
Euronext code: IE00B02KXL92

iShares – iShares DJ Euro STOXX Select Dividend
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0264 EUR
Trading name: ISHARES ESTOXX DIV
Symbol: IDVY
ISIN: IE00B0M62S72
Euronext code: IE00B0M62S72

iShares – iShares DJ EuroSTOXX SmallCap
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0211 EUR
Trading name: DJ EUROSTOXX SMALL
Symbol: DJSC
ISIN: IE00B02KXM00
Euronext code: IE00B02KXM00

iShares – iShares DJ Euro STOXX Value
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,1007 EUR
Trading name: ISHARES DJX VALUE
Symbol: IDJV
ISIN: IE00B0M62T89
Euronext code: IE00B0M62T89

iShares – iShares FTSE 100
Page 7 of 11
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0274 GBP
Trading name: FTSE 100 FUND
Symbol: ISFA
ISIN: IE0005042456
Euronext code: IE0005042456

iShares – iShares FTSE/EPRA European Property Index
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0035 EUR
Trading name: ISHARES PR EUR
Symbol: IPRP
ISIN: IE00B0M63284
Euronext code: IE00B0M63284

iShares – iShares MSCI AC Far East ex-Japan
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0432 USD
Trading name: ISHARES EAST EX-JP
Symbol: IFFF
ISIN: IE00B0M63730
Euronext code: IE00B0M63730

iShares – iShares MSCI Brazil
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,2743 USD
Trading name: ISHARES BRASIL
Symbol: IBZL
ISIN: IE00B0M63516
Euronext code: IE00B0M63516

iShares – iShares MSCI Emerging Markets
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0712 USD
Trading name: ISHARES EM MARKETS
Symbol: IEMM
ISIN: IE00B0M63177
Euronext code: IE00B0M63177

iShares – iShares MSCI Europe ex-UK
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,049 EUR
Trading name: ISHARES EUROP EXUK
Symbol: IEUX
ISIN: IE00B14X4N27
Euronext code: IE00B14X4N27

iShares – iShares MSCI Korea
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0568 USD
Trading name: ISHARES KOREA
Symbol: IKRA
ISIN: IE00B0M63391
Euronext code: IE00B0M63391

iShares – iShares MSCI North America
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0729 USD
Trading name: ISHARES N-AM
Symbol: INAA
ISIN: IE00B14X4M10
Euronext code: IE00B14X4M10

iShares – iShares MSCI World
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0772 USD
Trading name: ISHARES WORLD
Symbol: IWRD
ISIN: IE00B0M62Q58
Euronext code: IE00B0M62Q58

iShares – iShares SP 500
Ex date: 24/02/2010
Page 9 of 11
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0363 USD
Trading name: ISHARES SP 500
Symbol: ISSP
ISIN: IE0031442068
Euronext code: IE0031442068

iShares – iShares Corporate Bond
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 1,1865 EUR
Trading name: ISHARE EUR CORP BD
Symbol: IBXLQ
ISIN: IE0032523478
Euronext code: IE0032523478

iShares – iShares Corporate Bond
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 1,3849 USD
Trading name: ISHARES USD CRP BD
Symbol: LQDA
ISIN: IE0032895942
Euronext code: NSCNL00LQDA9

iShares – iShares Treasury Bond 1-3
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,607 USD
Trading name: ISHARES T 1-3
Symbol: IBTS
ISIN: IE00B14X4S71
Euronext code: IE00B14X4S71

iShares – iShares Government Bond 1-3
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 1,1216 EUR
Trading name: ISHARES E1-3
Symbol: IBGS
ISIN: IE00B14X4Q57
Euronext code: IE00B14X4Q57

 

Articoli Simili

La Financière de l’Echiquier – Il Passamura

Redazione

T. Rowe Price: Economia, ombre sulla ripresa

Redazione

DPAM : Ripresa economica, servirebbe un bagno di realismo

Redazione