BondWorld.it

Flash Daily Mercati

germania b

Nessuno dato in uscita in Europa e negli Stati Uniti._ Aste – Offerta a breve termine in Francia (8,5 miliardi) e Germania (4 miliardi). Il Belgio riapre per 2,5-3,5 miliardi tre titoli, il 3,5% 03/2015, il 3,75% 09/2020 e infine il 4% 03/2022.Nuovo titolo 3,50% 02/2016 per la Slovacchia……

Nell’area euro, le indagini di clima di febbraio dovrebbero confermare la fase di graduale ripresa del manifatturiero, al di là della volatilità dei dati trimestrali esacerbata dalla dinamica delle scorte e dall’effetto fine incentivi a dicembre scorso. L’indice IFO (96,3 da 95,8) e l’indagine della Banca del Belgio (-6,5 da -7) sono visti guadagnare ulteriore quota rispetto alla media di lungo termine, mentre il clima rimarrà più depresso in Italia (83,7 da 83,2). L’indice di fiducia economica della Commissione UE è atteso a 96,2, da un precedente 95,7, ancora al di sotto di 100. La dinamica della massa monetaria M3 potrebbe risultare stabile a gennaio dopo due mesi in calo. L’inflazione tedesca è vista ancora in frenata a febbraio a 0,7% a/a da 0,9% a/a. La stima finale dovrebbe confermare l’inflazione area euro all’1,0% a/a a gennaio.

I dati in pubblicazione in settimana negli Stati Uniti non dovrebbero modificare il quadro congiunturale. La revisione della stima del PIL del 4° trimestre dovrebbe essere modesta. La fiducia delle famiglie a febbraio dovrebbe rimanere sui livelli storicamente bassi degli ultimi mesi.

Le vendite immobiliari (case esistenti e nuove) dovrebbero aumentare in misura contenuta a gennaio. Gli ordini di beni durevoli dovrebbero proseguire sul trend al rialzo visto a fine 2009. Il Chicago PMI a febbraio è previsto ancora in territorio espansivo, se pure su livelli meno elevati rispetto al dato di gennaio. Di rilievo le audizioni alla Camera sulla politica economica: Bernanke presenta il Monetary Policy Report e Geithner testimonia sull’andamento della spesa pubblica nel2011.

Venerdì sui mercati

Ripresa dell’appetito per il rischio, stimolata anche da voci (peraltro smentite dal ministero delle finanze tedesco) di un piano da 20-25 miliardi di euro per sostenere la Grecia in caso di necessità. Bund debole, in calo fino a 122,56; spread sovrani in restringimento. Euro in ripresa da 1,3529 fino a 1,3630; nuovo calo della sterlina, che ha toccato anche 1,5445 dollari prima di assestarsi a 1,547. Il cambio effettivo del dollaro ha raggiunto il nuovo massimo dell’anno a 80,64, ma ciò non ha impedito al petrolio e ad altre materie prime di chiudere in rialzo.

Area Euro

La stima flash da il PMI composito area euro stabile a 53,7 e rimane coerente con una crescita positiva a inizio 2010 e più sostenuta che a fine dello scorso anno. Si noti che il PMI negli ultimi mesi è risultato più positivo di quanto non lo siano stati i dati effettivi al di là della volatilità trimestrale. L’indice della Commissione Europea, sebbene su di un trend di recupero da oltre 10 mesi, segnala un quadro di ripresa più modesta. Il PMI manifatturiero è salito a 54,1 (da 52,4) al traino del PMI tedesco che è balzato a 57,1 da un precedente 53,7. Sono gli ordini dall’estero in

Germania che stanno sostenendo l’industria area euro, un segnale moderatamente incoraggiante sulla tenuta della ripresa. In Francia, il manifatturiero sta attraversando una fase di pausa dopo la performance discreta durante e nel post crisi. L’indice PMI è calato a 54,6 da un precedente 55,4 anche l’indice INSEE è rimasto stabile (a 91 da un gennaio rivisto al ribasso) su livelli ancora al di sotto della media di lungo termine. Il calo del PMI servizi in Germania, Francia e area euro (52 da 52,5) non è un segnale particolarmente incoraggiante per il tanto indispensabile recupero della domanda interna.

Grecia – Secondo Financial Times Deutschland e Der Spiegel si starebbero consolidando i dettagli di un piano europeo di sostegno alla Grecia di 20-25 miliardi, di cui il 20% forniti dalla Germania attraverso KfW e Soffin. Il portavoce del ministero delle finanze tedesco ha però definito “speculazione infondata” tali voci. Anche secondo il FT la Grecia si appresta a collocare un’emissione decennale per un ammontare di 3-5 miliardi. Il primo ministro Papandreou ha dichiarato che le esigenze finanziarie sono coperte fino a metà marzo, affermando allo stesso tempo l’impegno ad adottare nuove misure correttive se ciò fosse necessario a garantire un taglio di 4 punti del rapporto deficit/PIL.

Stati Uniti

Il CPI a gennaio registra un aumento dello 0,2% m/m (2,6% a/a) per l’indice headline e un calo di -0,1% m/m (1,6% a/a) per l’indice core. Sull’indice headline pesa la componente energia che vede un aumento di 2,8% m/m (+19,1% a/a), con un aumento di 4,4% m/m per la benzina. Il calo dell’indice core è spiegato dal calo dei servizi, spiegato della componente abitazione (-0,3% m/m). All’interno del capitolo abitazione la contrazione è dovuta alla voce “shelter” che segna -0,5% m/m. Questo calo deriva da affitti figurativi (-0,1% m/m) e da “lodging away from home” (-2,1% m/m). Quest’ultima voce è molto volatile e probabilmente tornerà ad aumentare il mese successivo. In calo anche la componente abbigliamento (-0,1% m/m). In aumento, invece, i prezzi delle auto (+0,2% m/m, +5,3% a/a), la sanità (+0,5% m/m), che vede +0,7% m/m per i beni e +0,5% m/m per i servizi, l’istruzione, +0,3% m/m e il tabacco (+0,4% m/m). La pressione verso il basso sulla componente affitti e affitti figurativi potrebbe restare, ma gli altri servizi dovrebbero continuare a registrare aumenti significativi per via della necessità degli stati di chiudere i deficit. Nel complesso i dati confermano che il trend dell’inflazione core nel 2010 sarà verso il basso, ma non ci sono rischi di deflazione.


Certificazione degli analisti

Gli analisti finanziari che hanno predisposto la presente ricerca, i cui nomi e ruoli sono riportati nella prima pagina del documento dichiarano che:

  1. Le opinioni espresse sulle società citate nel documento riflettono accuratamente l’opinione personale, indipendente, equa ed equilibrata degli analisti;

  2. Non è stato e non verrà ricevuto alcun compenso diretto o indiretto in cambio delle opinioni espresse.

Comunicazioni importanti

La presente pubblicazione è stata redatta da Intesa Sanpaolo S.p.A. Le informazioni qui contenute sono state ricavate da fonti ritenute da Intesa Sanpaolo S.p.A. affidabili, ma non sono necessariamente complete, e l’accuratezza delle stesse non può essere in alcun modo garantita. La presente pubblicazione viene a Voi fornita per meri fini di informazione ed illustrazione, ed a titolo meramente indicativo, non costituendo pertanto la stessa in alcun modo una proposta di conclusione di contratto o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario. Il documento può essere riprodotto in tutto o in parte solo citando il nome Intesa Sanpaolo S.p.A.

La presente pubblicazione non si propone di sostituire il giudizio personale dei soggetti ai quali si rivolge. Intesa Sanpaolo S.p.A. E le rispettive controllate e/o qualsiasi altro soggetto ad esse collegato hanno la facoltà di agire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi materiale sopra esposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispira prima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione della clientela. Intesa Sanpaolo S.p.A. e le rispettive controllate e/o qualsiasi altro soggetto ad esse collegato possono occasionalmente assumere posizioni lunghe o corte nei summenzionati prodotti finanziari.

NYSE Euronext announces dividend detachments on the following ETFs:

iShares – iShares AEX
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0392 EUR
Trading name: ISHARES AEX
Symbol: IAEX
ISIN: IE00B0M62Y33
Euronext code: IE00B0M62Y33

iShares – iShares DJ Asia/Pacific Select Dividend
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,1301 USD
Trading name: ISHARES AS PAC
Symbol: IAPD
ISIN: IE00B14X4T88
Euronext code: IE00B14X4T88

iShares – iShares DJ Euro STOXX Growth
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0495 EUR
Trading name: ISHARES ESTOXX GRO
Symbol: IDJG
ISIN: IE00B0M62V02
Euronext code: IE00B0M62V02

iShares – iShares DJ EuroSTOXX MidCap
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0862 EUR
Trading name: ISHARES DJ MIDCAP
Symbol: DJMC
ISIN: IE00B02KXL92
Euronext code: IE00B02KXL92

iShares – iShares DJ Euro STOXX Select Dividend
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0264 EUR
Trading name: ISHARES ESTOXX DIV
Symbol: IDVY
ISIN: IE00B0M62S72
Euronext code: IE00B0M62S72

iShares – iShares DJ EuroSTOXX SmallCap
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0211 EUR
Trading name: DJ EUROSTOXX SMALL
Symbol: DJSC
ISIN: IE00B02KXM00
Euronext code: IE00B02KXM00

iShares – iShares DJ Euro STOXX Value
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,1007 EUR
Trading name: ISHARES DJX VALUE
Symbol: IDJV
ISIN: IE00B0M62T89
Euronext code: IE00B0M62T89

iShares – iShares FTSE 100
Page 7 of 11
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0274 GBP
Trading name: FTSE 100 FUND
Symbol: ISFA
ISIN: IE0005042456
Euronext code: IE0005042456

iShares – iShares FTSE/EPRA European Property Index
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0035 EUR
Trading name: ISHARES PR EUR
Symbol: IPRP
ISIN: IE00B0M63284
Euronext code: IE00B0M63284

iShares – iShares MSCI AC Far East ex-Japan
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0432 USD
Trading name: ISHARES EAST EX-JP
Symbol: IFFF
ISIN: IE00B0M63730
Euronext code: IE00B0M63730

iShares – iShares MSCI Brazil
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,2743 USD
Trading name: ISHARES BRASIL
Symbol: IBZL
ISIN: IE00B0M63516
Euronext code: IE00B0M63516

iShares – iShares MSCI Emerging Markets
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0712 USD
Trading name: ISHARES EM MARKETS
Symbol: IEMM
ISIN: IE00B0M63177
Euronext code: IE00B0M63177

iShares – iShares MSCI Europe ex-UK
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,049 EUR
Trading name: ISHARES EUROP EXUK
Symbol: IEUX
ISIN: IE00B14X4N27
Euronext code: IE00B14X4N27

iShares – iShares MSCI Korea
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0568 USD
Trading name: ISHARES KOREA
Symbol: IKRA
ISIN: IE00B0M63391
Euronext code: IE00B0M63391

iShares – iShares MSCI North America
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0729 USD
Trading name: ISHARES N-AM
Symbol: INAA
ISIN: IE00B14X4M10
Euronext code: IE00B14X4M10

iShares – iShares MSCI World
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0772 USD
Trading name: ISHARES WORLD
Symbol: IWRD
ISIN: IE00B0M62Q58
Euronext code: IE00B0M62Q58

iShares – iShares SP 500
Ex date: 24/02/2010
Page 9 of 11
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,0363 USD
Trading name: ISHARES SP 500
Symbol: ISSP
ISIN: IE0031442068
Euronext code: IE0031442068

iShares – iShares Corporate Bond
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 1,1865 EUR
Trading name: ISHARE EUR CORP BD
Symbol: IBXLQ
ISIN: IE0032523478
Euronext code: IE0032523478

iShares – iShares Corporate Bond
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 1,3849 USD
Trading name: ISHARES USD CRP BD
Symbol: LQDA
ISIN: IE0032895942
Euronext code: NSCNL00LQDA9

iShares – iShares Treasury Bond 1-3
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 0,607 USD
Trading name: ISHARES T 1-3
Symbol: IBTS
ISIN: IE00B14X4S71
Euronext code: IE00B14X4S71

iShares – iShares Government Bond 1-3
Ex date: 24/02/2010
Record date: 26/02/2010
Payment date: 24/03/2010
Net dividend: 1,1216 EUR
Trading name: ISHARES E1-3
Symbol: IBGS
ISIN: IE00B14X4Q57
Euronext code: IE00B14X4Q57

 

Articoli Simili

Vontobel : Commento sull accordo Brexit-Ue

Falco64

Schroders: Brexit una possibilità per evitare la recessione?

Falco64

Mirabaud AM: FED pronta ad altro taglio. L’inflazione delude

Falco64