Analisi Macro

Focus Giappone – BoJ

giappone boj

BoJ – Lo “stimolo quantitativo e qualitativo con il controllo della curva” esteso e rafforzato…

A cura di Intesa Sanpaolo S.p.A.

L’ uscita non è in vista prima del 2020

La ripresa giapponese prosegue a un ritmo moderato, con un output gap positivo e il mercato del lavoro al pieno impiego.

Lo scenario per il 2019 resta di crescita moderata, nonostante i timori di ricadute dalla politica dei dazi degli Stati Uniti.

Tuttavia il prossimo anno sarà caratterizzato da elevata volatilità per via dell’atteso aumento dell’imposta sui consumi, previsto per ottobre.

Il 2020 dovrebbe quindi poi iniziare su una nota debole, in seguito alla prevista contrazione del PIL a fine 2019, ma poi essere sostenuto da stimolo fiscale temporaneo e dalla spesa per le Olimpiadi.

L’inflazione continua a restare lontana dall’obiettivo della BoJ e nelle proiezioni della Banca centrale non raggiunge il 2% su tutto l’orizzonte previsivo (fino al 2020).

Le condizioni cicliche non lasciano spazio per un’inversione della politica monetaria prima del 2020 avanzato, a nostro avviso.

Il timore che una svolta della BoJ in concomitanza con il rialzo dell’imposta sui consumi possa portare a una recessione come in passato, resta dominante.

Nonostante l’assenza di inflazione, che punta a una politica monetaria ancora ben lontana dall’uscita, la BoJ appare in una fase di transizione.

Alla riunione di fine luglio, la BoJ ha annunciato modifiche al “QQE con controllo della curva” che sono state lette in modo hawkish dai mercati.

In realtà le novità, a nostro avviso, sono adeguamenti della strategia a sviluppi dell’economia e dei mercati, ma non sono assolutamente una svolta verso l’uscita.

Questo è il messaggio che dovrebbe emergere dalla riunione del prossimo 19 settembre.

La BoJ si sforzerà di mantenere invariato lo stimolo monetario almeno fino al 2020, cercando di contenere l’usura degli strumenti disponibili. La svolta resta molto lontana, almeno quanto lo è l’inflazione dal 2%

Disclaimer

Il presente documento è stato preparato da Intesa Sanpaolo S.p.A. e distribuito da Banca IMI S.p.A. Milano, Banca IMI SpA-London Branch (membro del London Stock Exchange) e da Banca IMI Securities Corp (membro del NYSE e del FINRA). Intesa Sanpaolo S.p.A. si assume la piena responsabilità dei contenuti del documento. Inoltre, Intesa Sanpaolo S.p.A. si riserva il diritto di distribuire il presente documento ai propri clienti. Banca IMI S.p.A. e Intesa Sanpaolo S.p.A. sono entrambe società del Gruppo Intesa Sanpaolo. Intesa Sanpaolo S.p.A. e Banca IMI S.p.A. sono entrambe banche autorizzate dalla Banca d’Italia ed entrambe sono regolate dall’FCA per lo svolgimento dell’attività di investimento nel Regno Unito e dalla SEC per lo svolgimento dell’attività di investimento negli Stati Uniti. 

Le opinioni e stime contenute nel presente documento sono formulate con esclusivo riferimento alla data di redazione del documento e potranno essere oggetto di qualsiasi modifica senza alcun obbligo di comunicare tali modifiche a coloro ai quali tale documento sia stato in precedenza distribuito. Le informazioni e le opinioni si basano su fonti ritenute affidabili, tuttavia nessuna dichiarazione o garanzia è fornita relativamente all’accuratezza o correttezza delle stesse. 

Le performance passate non costituiscono garanzia di risultati futuri. 

Gli investimenti e le strategie discusse nel presente documento potrebbero non essere adatte a tutti gli investitori. In caso di dubbi, suggeriamo di consultare il proprio consulente d’investimento. 

Lo scopo del presente documento è esclusivamente informativo. In particolare, il presente documento non è, né intende costituire, né potrà essere interpretato, come un documento d’offerta di vendita o sottoscrizione di alcun tipo di strumento finanziario. Inoltre, non deve sostituire il giudizio proprio di chi lo riceve. 

Né Intesa Sanpaolo S.p.A. né Banca IMI S.p.A. assume alcun tipo di responsabilità derivante da danni diretti, conseguenti o indiretti determinati dall’utilizzo del materiale contenuto nel presente documento.  

Related posts

UBP: Russia, azione Banca centrale peserà su istituti di credito

1admin

Flash: La riunione di marzo della BCE dovrebbe comportare una revisione al rialzo delle stime di inflazione

1admin

Mirabaud AM: Usa, Fed ottimista per inflazione al 2%

1admin