BondWorld.it

Geopolitica e dati macro pesano sui mercati

Geopolitica e dati macro pesano sui mercati. Abbiamo regolarmente segnalato, dall’inizio dell’anno, la dicotomia in atto sui mercati che vede, da un lato, il netto rimbalzo dei grandi indici a seguito della svolta accomodante delle banche centrali…….


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter settimanale gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Olivier De Berranger, Chief Investment Officer di La Financière de l’Echiquier


e della correzione di alcune sottovalutazioni eccessive e, dall’altro, una serie di dati macroeconomici globali poco entusiasmanti, addirittura depressi.

È bastato il cambio di passo dei governatori centrali perché i mercati nascondessero per più di quattro mesi questi dati poco edificanti, anche se si è trattato di un fragile ottimismo come dimostra l’evidente divario di performance tra stili e settori, dove i titoli difensivi e di crescita visibile sono stati ampiamente favoriti.

Un ottimismo smorzato dalla ripresa delle tensioni commerciali ad opera degli Stati Uniti.

Quando hanno riacquisito consapevolezza dei rischi, gli investitori hanno iniziato a soffermarsi sui dati macroeconomici e ad avere paura.

Benché di entità tutto sommato ancora moderata sui mercati azionari (i principali indici sono in calo del 5-6% circa rispetto ai punti massimi dell’anno), il dato è palese per il reddito fisso e nel caso, ovviamente, dei tassi a lungo termine.

Il decennale americano ha chiuso la settimana al 2,124%, toccando il minimo da settembre 2017, e quello tedesco al -0,213%, vale a dire il minimo storico.

Lo è altrettanto nel caso della struttura delle curve dei tassi di interesse, tra l’altro negli Stati Uniti, dove l’inversione di tendenza è sempre più netta.

Geopolitica – In un mese, il tasso a tre mesi è passato dal 2,418% al 2,340% e quello a 10 anni dal 2,503% al 2,124%!

Ora, il differenziale tra il tre mesi e il decennale sulla curva USA è un indicatore attentamente monitorato per anticipare le prossime recessioni.

A -0,38% si attesta su livelli (raggiunti, ad esempio, nell’estate del 2006 e poi nell’estate del 2007) sinonimi, negli ultimi 20 anni, di una recessione alle porte, ancorché non immediata.

Storicamente sono trascorsi diversi altri trimestri tra il raggiungimento di questi livelli e la recessione vera e propria.

Il dato, tuttavia, rimane preoccupante a maggior ragione visto che il divario sembra essere addirittura più ampio* al netto delle ripercussioni del Quantitative Easing e poi del Quantitative Tightening della Fed.

Questo fenomeno, evidente da tempo, ha subito una netta accelerazione nel corso dell’ultima settimana. In effetti, le tensioni commerciali non accennano a diminuire.

Geopolitica – La Cina starebbe preparando un piano per utilizzare il suo monopolio delle terre rare come arma nei confronti degli Stati Uniti mentre il vicepresidente USA, Mike Pence, ha dichiarato che i dazi sulle importazioni cinesi potrebbero, se necessario, “più che raddoppiare”.

Inoltre, Donald Trump ha comunicato di voler assoggettare tutti i prodotti messicani a dazi al 5% accusando il vicino meridionale di lassismo sulla questione dell’immigrazione clandestina.

Gli stessi dazi potrebbero salire al 10% a partire dal 1° luglio e aumentare poi del 5% al mese (fino al 25%) in attesa che il problema venga risolto.

A prescindere dai conflitti geopolitici i dati economici continuano però a non essere rassicuranti.

È nuovamente peggiorato il PMI manifatturiero cinese, passato da 50,1 a 49,4.

Geopolitica – Negli Stati Uniti, l’indicatore dell’attività manifatturiera della Fed di Dallas è risultato in netta flessione e ben al di sotto delle stime.

In Europa, infine, la crescita del PIL italiano nel primo trimestre è stata deludente con un +0,1% nel trimestre rispetto al +0,2% atteso e, soprattutto, una flessione di -0,1% su base annua (contro il +0,1% atteso).

Sono tutti elementi che possono deporre soltanto a favore dei mercati dei tassi il cui comportamento sta prefigurando uno scenario in netto deterioramento.

Geopolitica – A questo punto, sembra proprio inevitabile che prosegua l’effetto contagio sui mercati degli asset a rischio.

Solo la prospettiva di un intervento delle banche centrali, e in particolare della Fed, impedisce per ora una vera e propria resa.

Rimane però da capire chi si arrenderà per primo: la Federal Reserve o gli investitori?


*Ricerca Morgan Stanley

Fonte: BONDWorld.it

Articoli Simili

La Financière de l Echiquier Francia: Maglia Gialla

Falco64

Mirabaud AM: Perché puntare su settori ciclici

Falco64

Hermes IM: la nuova frontiera della politica fiscale

Falco64