BondWorld.it

Il Punto : Il rialzo dei tassi non prelude a una mossa imminente

Il rialzo del tasso di sconto attuato dalla Fed è una mossa di normalizzazione, non prelude a una svolta imminente, ma prepara il terreno per il drenaggio di riserve nel 2° trimestre. Grecia: molto bastone e troppo poca carota dall’Ecofin…..

 

_ Il Board della l Fed ha annunciato giovedì sera a mercati chiusi un rialzo di 25pb del tasso di sconto, “alla luce del continuo miglioramento delle condizioni dei mercati finanziari”. Dal 18 marzo la scadenza dei prestiti alla finestra di sconto passerà da 28 giorni a overnight, come prima della crisi. Portando il tasso di sconto a 75pb, la Fed prosegue nella normalizzazione della politica monetaria, preparando il terreno a una strategia caratterizzata da un corridoio di tassi con il tasso di sconto come limite superiore dell’intervallo. Nel testo dell’audizione di Bernanke e nei verbali della riunione FOMC si indicava l’opportunità di iniziare “entro breve” il processo di aumento dello spread fra fed funds e tasso di sconto, da attuare prima dell’inizio della svolta vera e propria di politica monetaria. Il rialzo del tasso di sconto non è giustificato da un cambiamento di outlook, ma segnala che la Banca centrale vuole avere una normalizzazione dei programmi straordinari entro marzo, per essere libera, a partire dal 2° trimestre, di iniziare il drenaggio delle riserve. Interventi di Bullard e Lockhart, che hanno parlato dopo l’annuncio del rialzo del tasso di sconto, hanno confermato che “questa mossa non va interpretata come una restrizione di politica monetaria o nemmeno come un segno che una restrizione sia imminente”, ma piuttosto come “un passo di normalizzazione”. Quello che sorprende nella decisione sono i tempi: benché i mercati fossero stati preparati, una mossa fuori dalle scadenze ordinarie sembra segnalare un certo disordine nelle decisioni sulla strategia di uscita, causato forse anche dall’ampia divergenza di opinioni su tutti gli aspetti importanti della politica monetaria futura. Sull’exit strategy, i verbali segnalano che la “maggior parte dei partecipanti” ritiene appropriato l’utilizzo di operazioni di drenaggio e di depositi a termine prima di eventuali rialzi dei tassi di interesse; tuttavia “diversi” partecipanti ritengono che il drenaggio di riserve debba essere attuato solo poco prima del momento della svolta della politica monetaria. Per quanto riguarda l’attivo di bilancio, nei verbali si conferma che “diversi” ritengono che sia opportuno apprestare un programma di vendite di titoli “in un futuro vicino”.

Plosser addirittura non sarebbe contrario a vendite prima dei rialzi dei tassi. Bernanke invece vedeva le vendite di titoli invece come uno strumento di ultima istanza. _ Bernanke la prossima settimana presenta il Monetary Report alla Camera e cercherà di dare una visione unitaria della strategia di uscita, in linea con il testo per l’audizione già pubblicato. Però il problema centrale per lo scenario USA è quello fiscale: discorsi recenti di Plosser, Hoenig e Kocherlakota indicano seria preoccupazione che l’attuale sentiero della politica fiscale rappresenti una minaccia per l’indipendenza della Fed. L’audizione di Geithner sulla spesa nel 2011 sarà almeno tanto rilevante quanto quella di Bernanke.

 

_ La conclusione dell’Ecofin del 16 febbraio è stata piuttosto deludente. L’aspetto positivo è che finalmente si fa sul serio nel controllo del debito pubblico greco, imponendo al paese un sentiero di convergenza aggressivo che, se sarà realizzato, risolverà il problema di quel paese e, attraverso l’esempio, potrebbe favorire atteggiamenti più sostenibili da parte degli altri Stati nella futura fase di espansione economica. Non bisogna dimenticarsi che l’accumularsi di squilibri finanziari insostenibili nel decennio scorso non è stata una prerogativa della sola Grecia; la recessione ora li sta in parte correggendo, ma occorrerà metter in piedi un meccanismo di coordinamento delle politiche economiche nell’eurozona più efficace del patto di stabilità, troppo focalizzato sul solo debito pubblico. L’aspetto negativo più evidente è che l’assenza di qualsiasi dettaglio sull’eventuale piano di sostegno rende la ‘minaccia’ di intervento poco efficace a contrastare le crisi di fiducia nella fase di avvicinamento alla scadenza del 16 marzo e potrebbe obbligare la Grecia a congelare un costo del debito eccessivo rispetto a quello coerente con la successiva attuazione di piano di austerity fiscale.

C’è poi un timore: che lo sfoderare un grosso bastone nascondendo la carota celi in realtà il rifiuto di qualsiasi meccanismo di coordinamento delle politiche economiche nell’eurozona, esattamente il contrario di ciò che servirà nei prossimi anni.


Certificazione degli analisti

Gli analisti finanziari che hanno predisposto la presente ricerca, i cui nomi e ruoli sono riportati nella prima pagina del documento dichiarano che:

  1. Le opinioni espresse sulle società citate nel documento riflettono accuratamente l’opinione personale, indipendente, equa ed equilibrata degli analisti;

  2. Non è stato e non verrà ricevuto alcun compenso diretto o indiretto in cambio delle opinioni espresse.

Comunicazioni importanti

La presente pubblicazione è stata redatta da Intesa Sanpaolo S.p.A. Le informazioni qui contenute sono state ricavate da fonti ritenute da Intesa Sanpaolo S.p.A. affidabili, ma non sono necessariamente complete, e l’accuratezza delle stesse non può essere in alcun modo garantita. La presente pubblicazione viene a Voi fornita per meri fini di informazione ed illustrazione, ed a titolo meramente indicativo, non costituendo pertanto la stessa in alcun modo una proposta di conclusione di contratto o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario. Il documento può essere riprodotto in tutto o in parte solo citando il nome Intesa Sanpaolo S.p.A.

La presente pubblicazione non si propone di sostituire il giudizio personale dei soggetti ai quali si rivolge. Intesa Sanpaolo S.p.A. E le rispettive controllate e/o qualsiasi altro soggetto ad esse collegato hanno la facoltà di agire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi materiale sopra esposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispira prima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione della clientela. Intesa Sanpaolo S.p.A. e le rispettive controllate e/o qualsiasi altro soggetto ad esse collegato possono occasionalmente assumere posizioni lunghe o corte nei summenzionati prodotti finanziari.

Normal 0 14 MicrosoftInternetExplorer4

I market mover della settimana

 

Nell’area euro sono in calendario i primi indici di fiducia riferiti al mese di febbraio. Ci aspettiamo

che l’indice ZEW tedesco (martedì) e la stima flash sui PMI area euro (venerdì) possano mostrare

un minor ottimismo circa le prospettive dell’economia. Viceversa, la fiducia delle imprese francesi

dovrebbe continuare a migliorare, sia pure a un ritmo inferiore rispetto a gennaio.

La settimana è densa di dati ed eventi negli Stati Uniti. La pubblicazione dei verbali della riunione

FOMC confermerà le indicazioni per l’exit strategy contenute nel testo dell’audizione di Bernanke, e potrebbe mostrare opinioni divergenti sui tempi. Le prime indagini di febbraio dovrebbero mostrare ulteriore espansione del settore manifatturiero; per la produzione industriale di gennaio prevediamo una dinamica molto sostenuta, spinta anche dal settore manifatturiero. I prezzi di gennaio (import, CPI, PPI) dovrebbero registrare un’accelerazione spinta anche dall’energia. I cantieri a gennaio dovrebbero recuperare solo in parte il calo di dicembre.

 

Lunedì 15 febbraio

Giappone

_ Il PIL del 4° trimestre dovrebbe essere cresciuto dello 0,8% t/t, dopo il +0,3% t/t nel trimestre precedente. I consumi dovrebbero essere aumentati dello 0,4% t/t (contributo: +0,2 pp), spinti anche dagli incentivi fiscali. Gran parte della crescita dovrebbe essere legata al canale estero (contributo: +0,7 pp), che ha visto una forte accelerazione della dinamica dell’export verso l’Asia. Le scorte dovrebbero aver contribuito marginalmente alla crescita (+0,1 pp).

Ancora negativi gli investimenti fissi delle imprese (-1% t/t) che restano frenati dall’ampia capacità produttiva inutilizzata. La spesa pubblica, sia per consumi sia per investimenti, dovrebbe avere contribuito negativamente alla crescita complessiva, e una ripresa per questa componente si dovrebbe vedere nei prossimi trimestri, con l’implementazione del pacchetto di stimolo del nuovo governo.

 

Martedì 16 febbraio

Area euro

_ Germania. L’indice ZEW, che misura la fiducia di analisti e investitori istituzionali sulle prospettive a 6 mesi dell’economia tedesca, dovrebbe continuare a mostrare minor ottimismo a febbraio, a 42 da 47,2 precedente. Il minor pessimismo potrebbe essere dovuto alle turbolenze in atto nel periodo di rilevazione all’interno dell’area dell’euro. L’indice calerebbe per il quarto mese consecutivo ma rimarrebbe ampiamente improntato a un miglioramento delle prospettive per l’economia tedesca. Viceversa, la valutazione circa la situazione corrente resta assai depressa ed è attesa migliorare a -50 a febbraio da -56,6 precedente, e mantiene ampi margini di miglioramento per i prossimi mesi.

Stati Uniti

_ L’indagine Empire di febbraio dovrebbe continuare il recupero dopo il crollo registrato a dicembre (a 4,5 dal picco di 33,44 di ottobre). L’indice dovrebbe salire a 19 da 15,92 di gennaio. Le indagini hanno dato indicazioni contrastanti a gennaio con un forte aumento dell’ISM e un calo del Philly Fed. L’apertura del gap con l’ISM dovrebbe chiudersi con un rialzo dell’Empire e prevalere sulle indicazioni negative del Philly Fed, anche alla luce del livello basso dell’Empire dopo il crollo di dicembre, non giustificato dall’andamento del settore manifatturiero. Rischi verso il basso sulla previsione vengono dalle condizioni climatiche straordinariamente avverse di gennaio sulla costa Est e sull’area coperta dall’indagine. La componente occupazione dovrebbe ulteriormente migliorare anche alla luce dei dati positivi dell’employment report nel mese di gennaio.

 

_ L’indice di fiducia dei costruttori NAHB a febbraio dovrebbe stabilizzarsi a 15, dopo due mesi

consecutivi in calo. Il mercato delle costruzioni residenziali potrebbe tornare ad avere una ripresa a ridosso della scadenza degli incentivi fiscali ad aprile

 

Mercoledì 17 febbraio

Stati Uniti

_ I prezzi all’import dovrebbero essere in aumento dell’1% m/m a gennaio (+10,6% a/a), spinti dall’aumento del prezzo del petrolio registrato nella prima parte del mese. Il rafforzamento del dollaro nel mese dovrebbe permettere un rallentamento della dinamica dei prezzi al netto del petrolio da +0,5% m/m di dicembre.

_ I nuovi cantieri a gennaio dovrebbero aumentare del 2,5% m/m, salendo a 570 mila da 557 mila di dicembre. Il trend dei cantieri è modestamente negativo e gennaio non dovrebbe recuperare completamente il calo visto a dicembre, anche per via di effetti climatici avversi, più intensi rispetto a quanto visto a dicembre. Gli occupati nel settore costruzioni hanno registrato un netto peggioramento a dicembre, dando indicazioni negative per i cantieri. Le nuove licenze dovrebbero essere in calo dell’8% m/m (dopo +10,9% m/m a dicembre) a 600 mila (da 653 mila).

_ La produzione industriale a gennaio dovrebbe essere aumentata dell’1% m/m, dopo +0,6% m/m a dicembre. Il settore manifatturiero dovrebbe riprendere dopo una contrazione di -0,1% m/m a dicembre. Le ore lavorate nell’industria sono aumentate dello 0,8% m/m e dello 0,7% m/m nel settore manifatturiero. Con l’effetto base del fortissimo 4° trimestre, il 2010 si apre in modo molto positivo, anche se gli effetti del clima avverso di febbraio dovrebbero portare a un’inversione temporanea di tendenza. Nel 1° trimestre, con la variazione attesa per gennaio, la produzione industriale registrerebbe un aumento dell’1,72% t/t (con febbraio e marzo invariati), dopo +1,69% t/t del 4° trimestre 2009. L’utilizzo della capacità produttiva dovrebbe salire a 73% da 72 di dicembre

_ La pubblicazione dei verbali della riunione del FOMC di fine gennaio diventa un evento meno rilevante dopo la diffusione del testo dell’audizione di Bernanke con le indicazioni per l’exit strategy. Informazioni ulteriori che possono emergere dai verbali sull’exit strategy riguardano la dispersione delle opinioni all’interno del Comitato su modi e tempi dell’uscita: probabilmente ci sono divergenze su entrambi i punti, soprattutto fra una fascia di presidenti e i membri del Board. Inoltre, i verbali daranno le nuove proiezioni macroeconomiche, che non dovrebbero comunque cambiare il quadro della politica monetaria per i prossimi trimestri.

 

Giovedì 18 febbraio

Stati Uniti

_ Il PPI a gennaio dovrebbe essere aumentato dello 0,8% m/m, con aumenti trainati da alimentari ed energia. Il PPI core dovrebbe aumentare dello 0,1% m/m. Gli indici dei prezzi, sia al consumo sia alla produzione, hanno registrato ampie variazioni nel settore auto: nel PPI leauto hanno registrato un aumento dello 0,3% m/m e a gennaio la variazione dovrebbe essere più contenuta. L’energia dovrebbe aumentare del 3,5% m/m, mentre la variazione per glialimentari dovrebbe essere più contenuta che a dicembre (+1,4% m/m), ma sostenuta da condizioni climatiche avverse.

_ L’indice della Philadelphia Fed a febbraio dovrebbe salire a 17 da 15,2 di gennaio. Il forte aumento dell’ISM a gennaio, a fronte di una correzione del Philly Fed, indicherebbe un recupero più consistente del Philly Fed a febbraio, ma lo spaccato dell’indagine a gennaio era debole (ordini a 3,2) e le condizioni climatiche nella regione dall’inizio di febbraio ad oggi sono state particolarmente negative.

 

Venerdì 19 febbraio

Area euro

_ Francia. L’indice sintetico dell’INSEE è stimato ancora in aumento a febbraio, anche se il ritmo di incremento potrebbe essere inferiore a quello registrato a gennaio. Stimiamo l’INSEE a 93 da 92 precedente. L’ulteriore miglioramento sarebbe coerente con le indicazioni venute da indici di fiducia analoghi come survey della Banca di Francia e PMI manifatturiero. L’industria francese sembra uscire dalla recessione in condizioni migliori rispetto a quella italiana e tedesca.

_ La stima flash per il mese di febbraio degli indici PMI potrebbe vedere per il secondo mese un arretramento nel settore dei servizi (a 52,3 da 52,6) e viceversa un ulteriore incremento nel comparto manifatturiero (a 52,7 da 52,4). L’indice composito è atteso calare a 53,5 da 53,7.

In sostanza, il livello del PMI è ancora coerente con ritmi di crescita dell’ordine di 0,3/0,4% t/t, ma l’andamento recente delle survey (specie nel settore dei servizi, più sensibile all’anemicadomanda interna rispetto a un manifatturiero maggiormente trainato dal rimbalzo delladomanda mondiale) segnala che la ripresa potrebbe perdere slancio con il passare dei mesi nelcorso del 2010.

Stati Uniti

_ Il CPI a gennaio dovrebbe aumentare dello 0,3% m/m; l’indice core dovrebbe registrare un aumento dello 0,2% m/m. L’energia dovrebbe registrare un aumento dell’1,3% m/m. I prezzi dell’abbigliamento dovrebbero restare sul trend negativo degli ultimi mesi, ma si dovrebbero registrare variazioni consistenti per i servizi medici, i trasporti e i servizi erogati a livello statale.

La variazione tendenziale dell’indice headline dovrebbe scendere a 2,6% da 2,7% a/a di dicembre, mentre per l’indice core l’inflazione dovrebbe passare da 1,8% a/a di dicembre a 1,7% a/a a gennaio.

 

Appendice

Certificazione degli analisti

Gli analisti finanziari che hanno predisposto la presente ricerca, i cui nomi e ruoli sono riportati nella prima pagina del documento dichiarano che:

(1) Le opinioni espresse sulle società citate nel documento riflettono accuratamente l’opinione personale, indipendente, equa ed equilibrata degli analisti;

(2) Non è stato e non verrà ricevuto alcun compenso diretto o indiretto in cambio delle opinioni espresse.

 

Comunicazioni importanti

La presente pubblicazione è stata redatta da Intesa Sanpaolo S.p.A. Le informazioni qui contenute sono state ricavate da fonti ritenute da Intesa Sanpaolo S.p.A. affidabili, ma non sono necessariamente complete, e l’accuratezza delle stesse non può essere in alcun modo garantita.

La presente pubblicazione viene a Voi fornita per meri fini di informazione ed illustrazione, ed a titolo meramente indicativo, non costituendo pertanto la stessa in alcun modo una proposta di conclusione di contratto o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario. Il documento può essere riprodotto in tutto o in parte solo citando il nome Intesa Sanpaolo S.p.A.

La presente pubblicazione non si propone di sostituire il giudizio personale dei soggetti ai quali si rivolge. Intesa Sanpaolo S.p.A. e le rispettive controllate e/o qualsiasi altro soggetto ad esse collegato hanno la facoltà di agire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi materiale sopra esposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispira prima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione della clientela. Intesa Sanpaolo S.p.A. e le rispettive controllate e/o qualsiasi altro soggetto ad esse collegato possono occasionalmente assumere posizioni lunghe o corte nei summenzionati prodotti finanziari.

Articoli Simili

Edmond de Rothschild AM – Le opportunità sui corporate bond

Falco64

Obbligazionario governativo in bolla finanziaria

Falco64

NN IP: Obbligazionario opportunità per i gestori attivi

Falco64