BondWorld.it
il punto

Il Punto : Recupero del commercio mondiale

Il Punto : Nel 3° trimestre, il commercio mondiale ha in parte recuperato la flessione del secondo. Tuttavia, una contrazione su base tendenziale caratterizzerà sicuramente anche la parte finale del 2019 …….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostre Newsletters gratuite. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


a cura dell’ Ufficio Studi Banca Intesa SanPaolo


Le indagini congiunturali per ora segnalano al massimo una stabilizzazione del ritmo di calo, ma non ancora una ripresa.

Un ritorno a tassi di crescita positivi sembra però probabile fra il 1° e il 2° trimestre 2020, anche per motivi di mero confronto statistico, purché siano evitati nuovi shock sui dazi.

– Secondo i dati compilati dal CPB, nel 3° trimestre 2019, il volume del commercio mondiale ha registrato un incremento di 0,5% t/t, compensando in parte il calo del periodo precedente (0,8%).

Il miglioramento non è sufficiente a riportare in territorio positivo la variazione tendenziale di esportazioni e importazioni globali, che restano rispettivamente a -1,4% a/a e -0,9% a/a.

A livello geografico, i dati mostrano un andamento della domanda di importazioni contrastato: in crescita nei paesi avanzati, ma con variazioni tendenziali ancora negative per l’Eurozona, e in calo fra i paesi emergenti (ma con segnali di ripresa in Cina).

In termini di origine, a riprendersi sarebbe soprattutto l’export dai paesi emergenti.

– Le indagini PMI, il cui indice di ordini all’esportazione si è rivelato un ottimo indicatore coincidente della variazione tendenziale dell’export mondiale, segnala che la fase di contrazione si è estesa anche al 4° trimestre.

Allo stesso tempo, tuttavia, potremmo aver toccato il minimo in termini di tassi di contrazione. In ottobre, la media mobile trimestrale si è stabilizzata a 48,4, livello compatibile con una contrazione tendenziale di circa 1,0%.

Il ritorno a una modesta crescita del commercio mondiale appare probabile a inizio 2020 anche per un motivo di mero confronto statistico: infatti, fra il 1° e il 2° trimestre usciranno dal calcolo i mesi caratterizzati dal maggiore aggiustamento dell’interscambio globale all’aumento dei dazi americani sulla Cina.

– Nell’Eurozona, le indicazioni sono analoghe.

L’indagine di fiducia della Commissione Europea mostra che il giudizio delle imprese sugli ordini esteri resta peggiore della media e vicino ai minimi di settembre; inoltre, è leggermente peggiorato rispetto a ottobre.

L’indice degli ordini esteri nell’indagine PMI manifatturiera ha toccato il minimo a luglio a 44,2 e attualmente si colloca a 46: anche in questo caso, quindi, il tasso di contrazione sembra destinato a ridursi.

– Le prospettive di ripresa potrebbero ancora essere compromesse dal riacutizzarsi della guerra dei dazi fra Stati Uniti e Cina, o da sviluppi inaspettatamente negativi dell’economia cinese a inizio 2020.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Federal Reserve: i verbali del FOMC

Falco64

Il Punto : Financial Stability Review e la BCE

Falco64

Il Punto : Prime indicazioni sugli effetti delle misure decise dalla BCE

1admin