BondWorld.it
Intesa SanPaolo Indice ISM

Intesa Sanpaolo: Area euro crescita M3 stabile in ottobre

Intesa Sanpaolo – Area euro. La crescita di M3 dovrebbe essere circa stabile in ottobre a 5,5% a/a. La dinamica di M1 potrebbe riaccelerare ancora, mentre ci attendiamo che salga il contributo negativo di M3-M2……..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


Nei prossimi mesi, gli acquisti netti APP e le TLTRO III daranno nuovo impulso alla base monetaria, inducendo un’ulteriore accelerazione anche degli aggregati monetari M1, M2 e M3 – a maggior ragione se il miglioramento del clima di fiducia si tradurrà in una ripresa della domanda di credito.

– Area euro. L’indice ESI di fiducia economica elaborato dalla Commissione Europea è atteso recuperare a novembre a 101,5 da 100,8 dopo il calo del mese scorso.

Le indagini nazionali di fiducia fin qui pubblicate hanno offerto indicazioni contrastanti, anche se coerenti con un miglioramento dell’indice complessivo per l’Eurozona.

L’indice per l’industria è previsto in lieve recupero a -9,0 da -9,5 mentre quello per i servizi potrebbe restare intorno a 9,0.

Infine, la seconda stima dell’indice di fiducia delle famiglie dovrebbe confermare la stima flash a 7,6. Il livello dell’indice ESI rimane coerente con una crescita del PIL nell’ultimo trimestre al più di un decimo.

– Germania. A novembre, si prevede che i prezzi al consumo siano calati di -0,4% m/m.

L’inflazione tendenziale salirà però per una questione di confronto statistico.

Il CPI dovrebbe aumentare di 1,4% a/a, contro l’1,1% di ottobre. L’IPCA dovrebbe aumentare dell’1,6% a/a rispetto allo 0,9% a/a di ottobre.

Ci attendiamo un aumento transitorio dell’inflazione verso il 2%, seguito da un ritorno nel corso del 2020 di nuovo verso livelli modesti.

Intesa Sanpaolo – I dati e gli eventi di ieri

Italia. A novembre, la fiducia dei consumatori è calata per il secondo mese consecutivo, a 108,5 da 111,5 di ottobre (dato rivisto al ribasso di due decimi).

Si tratta di un minimo dal luglio del 2017. Ci aspettavamo un calo (a fronte di previsioni di consenso per una stabilità), ma la diminuzione è stata più marcata delle nostre attese.

La flessione è dovuta soprattutto alle valutazioni delle famiglie sul clima economico generale, in calo di oltre 10 punti (non accadeva da luglio del 2015).

Viceversa, gli intervistati hanno segnalato un miglioramento del clima personale.

Le famiglie manifestano anche maggiori timori occupazionali (ai massimi dal 2014).

Viceversa, l’indice composito sul morale delle aziende è salito lievemente, a 99,1 da 98,9 di ottobre (rivisto al ribasso di un decimo rispetto alla prima stima).

Tuttavia, il dettaglio per settore è decisamente meno incoraggiante: il clima di fiducia è risultato poco variato nei servizi e nel commercio al dettaglio, mentre è calato sia nelle costruzioni, sia nel manifatturiero.

In particolare, nel manifatturiero, il morale delle aziende è tornato a calare dopo il rimbalzo del mese scorso, tornando al livello di settembre (98,9), che rappresenta il minimo da oltre 5 anni.

Le attese sia nostre che di consenso erano per un recupero.

Le imprese segnalano soprattutto una flessione degli ordini e della produzione corrente, mentre salgono per il secondo mese le attese sugli ordini futuri.

In netto calo le aspettative sia sull’economia che sull’occupazione.

In sintesi, le indagini dipingono un quadro più fosco rispetto a quello del mese scorso.

In settembre e ottobre si era registrato un maggior ottimismo sia delle famiglie che delle aziende sulle prospettive dell’economia, probabilmente sulla scia sia del miglioramento delle condizioni finanziarie domestiche che dei primi segnali di ripresa del commercio estero.

Tale recupero sembra essere stato di breve durata. In generale, le indagini di recente non sono state un buon previsore della crescita del PIL, che è stata superiore a quella segnalata dalle survey.

In ogni caso, ad oggi, il livello degli indici anticipatori resta coerente con una sostanziale stagnazione dell’economia (in un intervallo tra -0,1% e +0,1% t/t) anche a cavallo tra fine 2019 e inizio 2020.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. La seconda stima del PIL del 3° trimestre registra una crescita di 2,1% t/t ann. da 1,9% t/t ann. della stima advance, con una revisione verso l’alto concentrata sulla spesa in strutture delle imprese.

I consumi sono in aumento di 2,9% t/t ann., dopo 4,6% t/t ann. della primavera, gli investimenti fissi non residenziali sono in contrazione di -3% t/t ann. e quelli residenziali segnano un rialzo di 5,1% t/t ann.

Le scorte sottraggono 0,2 pp e il canale estero dà un contributo nullo alla crescita complessiva.

I dati confermano che il ciclo USA rimane sostenuto dai consumi e frenato dagli investimenti fissi.

Il 4° trimestre dovrebbe registrare un rallentamento dovuto a una normalizzazione della dinamica dei consumi e a una crescita meno brillante dell’edilizia residenziale, con gli investimenti non residenziali sempre deboli, ma in miglioramento rispetto al 3° trimestre. La crescita nel 2020 è prevista a 1,7%.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. Gli ordini di beni durevoli a ottobre sorprendono verso l’alto con un aumento di 0,6% m/m, dopo -1,4% m/m di settembre.

Anche al netto dei trasporti, gli ordini sono in rialzo di 0,6% m/m.

Gli ordini di beni capitali sono spinti verso l’alto dalla componente difesa (+16,6% m/m), ma è importante il rimbalzo degli ordini di beni capitali al netto di difesa e aerei, in crescita di 1,2% m/m, con indicazioni di miglioramento degli investimenti delle imprese nel 4° trimestre.

I dati sono migliori delle attese, ma saranno necessarie ulteriori conferme di una possibile riaccelerazione degli investimenti fissi non residenziali vista la volatilità della serie.

Stati Uniti. I nuovi sussidi di disoccupazione nella settimana conclusa il 23 novembre calano a 213 mila da 228 mila della settimana precedente e invertono il recente trend verso l’alto dei sussidi, mantenendo indicazioni di mercato del lavoro al pieno impiego.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. La spesa personale a ottobre aumenta di 0,3% m/m dopo 0,2% m/m di settembre, con un rallentamento della dinamica dei consumi in termini reali (0,1% m/m) e indicazioni di un ritmo di crescita intorno al 2% t/t ann. nel 4° trimestre, da 2,9% t/t ann. del 3°.

La spesa per beni durevoli di ottobre è frenata dagli effetti dello sciopero GM, che avevano ridotto le scorte di auto, e probabilmente sarà seguita da un rimbalzo a novembre; sono invece in aumento la spesa per utility e benzina.

Il reddito personale è invariato su base mensile (consenso: +0,3%m/m), con due forze contrastanti: un incremento solido del reddito da lavoro (0,4% m/m) e una contrazione dei redditi agricoli, dopo l’aumento determinato dai sussidi agli agricoltori.

Il reddito disponibile reale corregge di -0,3% m/m. I dati del 2° trimestre sono rivisti verso il basso, ma la crescita del reddito disponibile reale si mantiene solida, a 2,8% a/a a ottobre.

Il tasso di risparmio cala a 7,8%, ma resta su livelli storicamente elevati. Il deflatore dei consumi core aumenta di 0,1% m/m (1,6% a/a) come atteso e indica stabilizzazione della dinamica mensile dei prezzi vicino a 0,2%, in linea con le previsioni del FOMC di inflazione core intorno al 2% nel 2020.

I dati nel complesso indicano un moderato indebolimento dei consumi dopo la crescita forte della parte centrale dell’anno.

Stati Uniti. Il Beige Book preparato per la riunione del FOMC di dicembre riporta crescita “a ritmi modesti” fino a metà novembre, in linea con il mese precedente.

I consumi sono indicati stabili o in crescita moderata, mentre nel manifatturiero in alcuni distretti si rileva espansione dell’attività, ma nella maggior parte delle aree si riporta stagnazione.

Agricoltura ed estrattivo restano deboli. Le imprese riportano comunque aspettative generalmente positive per il prossimo anno.

L’occupazione è in aumento contenuto, frenata dalla scarsità di manodopera disponibile.

Prezzi e salari sono in aumento moderato.

Il Beige Book non modifica il quadro di quasistagnazione nel manifatturiero e moderato incremento dei consumi, senza pressioni inflazionistiche, restando coerente con la fase di pausa del sentiero dei tassi.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: – Area euro inflazione in salita

Redazione

Intesa Sanpaolo: – Germania miglioramento dell’IFO

Redazione

Intesa Sanpaolo: – Area euro stima flash del PMI manifatturiero in diminuzione

Redazione