BondWorld.it
Intesa SanPaolo Falsh Macro Daily

Intesa Sanpaolo: Area euro crollo del PIL

Intesa Sanpaolo – Area euro. La stima finale del PIL nel 2° trimestre 2020 dovrebbe confermare il crollo di -12,1% t/t (-15,0% a/a) dovuto alle misure di confinamento rimaste in vigore fino agli inizi di maggio.

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


La caduta dell’attività economica deriverebbe soprattutto dalla forte flessione della domanda interna finale: i consumi privati e gli investimenti potrebbero scendere entrambi di oltre -13% t/t. Anche il commercio estero dovrebbe contribuire negativamente alla crescita del PIL, con entrambi i flussi in netto calo.

I dati ad alta frequenza e le indagini di fiducia indicano che il minimo dell’attività è stato toccato nella prima quindicina di aprile. Stimiamo un calo del PIL nel 2020 di -8,3%.

I dati e gli eventi di ieri

Germania. I dati di luglio sulla bilancia commerciale mostrano un’ulteriore ripresa di esportazioni (+4,7% m/m) e importazioni (+1,1% m/m), anche se i livelli restano inferiori a quelli di un anno prima rispettivamente di 11% e 11,3%. La contrazione dei flussi commerciali è stata maggiore con i paesi extra-UE che con gli altri Stati membri dell’Unione. Giappone.

La seconda stima del PIL del 2° trimestre è rivista verso il basso solo marginalmente a -7,9% t/t (-28,1% t/t ann.), da -7,8% t/t (-27,8% t/t ann.). La domanda domestica corregge di -6,5% t/t (da -4,8% t/t). all’interno della domanda privata, in calo di -4,8% t/t come nella prima stima, si rilevano variazioni di rilievo delle varie componenti rispetto alla prima lettura dei dati. I consumi calano di -7,9% t/t (da -8,2% t/t), gli investimenti fissi non residenziali, come atteso, sono rivisti verso il basso (-4,7% t/t da -1,5% t/t), a fronte di una maggiore accumulazione di scorte (con un contributo di 0,3 pp).

Il contributo del canale estero resta negativo (-3 pp), per via del crollo dell’export (-18,5% t/t) a fronte di una variazione modesta delle importazioni (-0,5% t/t). il contributo della spesa pubblica è nullo, con la variazione degli investimenti compensata dal calo dei consumi. Le manovre di stimolo attuate nella parte centrale dell’anno sono state mirate a sostenere direttamente il reddito delle famiglie. L’accumulo di scorte e la debolezza degli investimenti non residenziali rappresentano freni alla ripresa attesa per la seconda metà dell’anno, che dovrebbe vedere variazioni di 1,55 t/t e 1,1% t/t, rispettivamente.

Nelle prossime settimane la crisi di governo aperta con le dimissioni di Abe per motivi di salute dovrebbe concludersi con la nomina del nuovo segretario dell’LDP, che diventerà primo ministro fino a fine 2021. È probabile che, chiunque sia il successore di Abe, il nuovo governo debba introdurre una nuova manovra di sostegno alla crescita entro fine anno.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: Germania ZEW atteso in ulteriore ripresa

Redazione

Intesa Sanpaolo: Area euro vendite al dettaglio dovrebbero mostrare un balzo

Redazione

Intesa Sanpaolo: Germania produzione industriale calata

Redazione