BondWorld.it
Intesa SanPaolo Indice ISM

Intesa Sanpaolo: Area euro prevista riunione Vertice euro

Intesa Sanpaolo – Area euro. Nell’ambito del Consiglio europeo, è prevista una riunione del Vertice euro in formato allargato, in cui si farà il punto sui progressi compiuti……..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


nell’attuazione della dichiarazione del vertice euro del giugno 2019, e in particolare sulla revisione del trattato che istituisce il meccanismo europeo di stabilità (MES), sullo strumento di bilancio per la convergenza e la competitività (BICC) e sui lavori tecnici relativi al rafforzamento dell’unione bancaria.

I leader della UE a 27 discuteranno anche della Brexit e dei preparativi per i negoziati sulle future relazioni dopo il ritiro del Regno Unito dall’Unione Europea.

– Stati Uniti. I prezzi all’import a novembre sono attesi in aumento dello 0,1% m/m. La persistente forza del dollaro contiene eventuali spinte verso l’alto legate ai dazi.

– Stati Uniti. Le vendite al dettaglio sono previste in riaccelerazione, con una variazione attesa dello 0,4% m/m (dopo +0,3% m/m), in parte spinta dalla ripresa dei prezzi della benzina e in parte dall’aumento nel comparto auto.

Al netto delle auto, le vendite dovrebbero aumentare dello 0,3% m/m, dando indicazioni di stabilizzazione dei consumi su un sentiero di crescita moderata, intorno al 2% t/t ann.

Intesa Sanpaolo – I dati e gli eventi di ieri

Brexit. Si profila un’ampia vittoria per il Partito Conservatore e, quindi, un percorso rapido e tranquillo verso la ratifica del Trattato di Recesso dall’Unione Europea.

Con 9 seggi ancora da assegnare, i Conservatori hanno già conquistato 359 seggi, oltre la maggioranza assoluta di 326, con un incremento di 66. I Laburisti ne hanno persi 42, scendendo a 202.

Male anche i Liberaldemocratici (11). L’unica altra formazione politica in ascesa è lo Scottish National Party (48).

Il nuovo voto sul trattato di recesso dovrebbe svolgersi il 20 dicembre, e il suo esito si può dare per scontato.

L’uscita formale del Regno Unito dall’UE si verificherà il 31 gennaio. Grazie al periodo di transizione previsto dall’accordo, tuttavia, gli effetti pratici del recesso sull’interscambio commerciale e in generale sul quadro normativo sono rinviati al 31 dicembre 2020.

Ci saranno quindi 11 mesi per ratificare l’accordo sulla relazione a regime, in assenza del quale i rapporti commerciali dell’UE con il Regno Unito sarebbero basati sulla tariffa WTO, come in uno scenario di no-deal exit.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. Il presidente Trump ha dichiarato che l’amministrazione è molto vicina a concludere un accordo parziale con la Cina.

L’accordo includerebbe una riduzione dei dazi introdotti in precedenza, oltre al rinvio degli aumenti previsti questa domenica (15 dicembre) su circa 156 miliardi di beni di consumo importati dalla Cina.

Quest’ultima garantirebbe importazioni di prodotti agricoli statunitensi, oltre a misure valutarie e di tutela della proprietà intellettuale.

Nel frattempo, l’amministrazione ha anche raggiunto un’intesa con i democratici per garantire la ratifica del trattato USMCA con Canada e Messico, bloccato da un anno.

Intesa Sanpaolo – BCE. Il consiglio direttivo ha lasciato invariata la politica monetaria, come atteso.

Le previsioni dello staff sono state riviste nella direzione da noi attesa: sono stati annunciati una lieve limatura alla proiezione di crescita 2020, scesa a 1,1%, e un lieve rialzo della previsione di inflazione per il 2020 a 1,1%.

Le previsioni di inflazione salgono nel 2021 e 2022, toccando l’1,6% nel 2022 (2022T4: 1,7%). La presidente Lagarde ha comunque precisato che tale rialzo non è ritenuto sufficiente a soddisfare la condizione di robusta convergenza all’obiettivo di medio termine.

Con riferimento ai rischi per lo scenario, la presidente ha detto che le prospettive sul fronte delle guerre commerciali sono migliorate rispetto a qualche mese fa.

Lagarde ha anche annunciato che la revisione strategica della politica monetaria inizierà a gennaio e si concluderà entro il 2020.

Il riesame interesserà sia la definizione di stabilità dei prezzi, sia gli strumenti di politica monetaria.

Sempre nel 2020, dovrebbero concludersi i lavori della task force sulle monete digitali emesse dalle banche centrali, con l’intenzione di definire anche gli obiettivi della loro introduzione (riduzione dei costi dei pagamenti, erogazione di credito inclusivo a basso costo o altro), oltre che gli aspetti tecnici.

Riguardo al risultato dell’asta TLTRO III, la BCE avrebbe preferito una richiesta superiore ai circa 97,7 miliardi osservati, che si confrontano con 146,8 mld di rimborsi dei precedenti programmi, ma la domanda potrebbe essere stata negativamente influenzata dalla fine d’anno.

Riteniamo certo che la BCE manterrà invariati i tassi ufficiali e il ritmo degli acquisti nell’ambito dell’APP anche alla prossima riunione. Valutiamo altresì come molto probabile che non sia più adottata alcuna misura espansiva nel corso del 2020.

Intesa Sanpaolo – Area euro. La produzione industriale è diminuita di -0,5% m/m in ottobre (-2,2% a/a) dopo il +0,1% m/m di settembre (rivisto al rialzo rispetto alla precedente stima).

Il dato è in linea con le attese, che erano orientate su una variazione negativa a causa del brusco calo osservato in Germania (-1,7% m/m).

Il dato di ottobre conferma che il trend negativo dell’attività industriale si estenderà anche al 4° trimestre, in linea con i due trimestri precedenti.

Tuttavia, il ritmo di contrazione, tendenziale e trimestrale, è destinato a ridursi significativamente in novembre e dicembre.

Germania. I dati finali sull’inflazione di novembre hanno confermato le rispettive stime preliminari. L’indice armonizzato ha registrato un +1,2% a/a in novembre, superiore al suo minimo su tre anni (+0,9%) toccato ad ottobre.

L’indice nazionale (CPI) è rimasto stabile a 1,1% a/a.

L’inflazione è stata frenata dai prezzi dell’energia (-3,7% a/a), in particolare dal gasolio da riscaldamento (21,9% a/a e -1,7% m/m) e dal carburante (-10,3% a/a e -0,2% m/m).

Escludendo i prezzi dell’energia, infatti, l’inflazione sarebbe stata di +1,6% a/a in novembre. Sia l’indice armonizzato, che l’indice nazionale, inoltre, hanno registrato un -0,8% su base mensile.

Per l’inizio del nuovo anno, ci aspettiamo un aumento del livello generale dei prezzi, legato agli effetti statistici, seguito da una discesa nei mesi successivi. Al momento non osserviamo spinte inflazionistiche nell’economia tedesca.

Intesa Sanpaolo – Italia. Nel 3° trimestre, il tasso di disoccupazione è calato come atteso a 9,8%, da 9,9% dei tre mesi precedenti.

L’occupazione è risultata poco variata nel trimestre (l’aumento dei dipendenti, soprattutto a termine, è compensato dal calo degli indipendenti), in un contesto di diminuzione non solo dei disoccupati ma anche degli inattivi.

Sono però aumentate le ore lavorate (+0,4% t/t). Il calo dei disoccupati riguarda solo gli individui in cerca di prima occupazione, a fronte del lieve aumento di quanti avevano precedenti esperienze di lavoro. Torna a crescere il tasso di occupazione tra i giovani di 15-34 anni.

Nei dati di flusso si nota un aumento della permanenza nell’occupazione, soprattutto tra le donne e tra i giovani. Tra i dipendenti, in aumento le transizioni dai contratti a termine al tempo indeterminato.

Dal lato delle imprese, prosegue la crescita della domanda di lavoro, con un aumento delle posizioni lavorative dipendenti di +0,5% t/t e delle ore lavorate per dipendente di +0,2% t/t.

Il costo del lavoro è cresciuto di appena 0,1% rispetto al trimestre precedente ma di 1,8% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente (sull’anno ha pesato soprattutto l’aumento degli oneri sociali +3%). Ci aspettiamo che il tasso dei senza-lavoro resti vicino al 10% nei prossimi trimestri.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: Germania gli ordini all’industria sono cresciuti

Redazione

Intesa Sanpaolo: Area euro disoccupazione è prevista in crescita

Redazione

Intesa Sanpaolo: Area euro PMI servizi dovrebbe confermare il calo

Redazione