BondWorld.it
Intesa SanPaolo Falsh Macro Daily

Intesa Sanpaolo : Area euro stime flash degli indici PMI di luglio

Intesa Sanpaolo – Area euro. Le stime flash degli indici PMI di luglio potrebbero evidenziare una correzione del morale manifatturiero mentre l’indagine sui servizi è attesa confermare il settore come comparto trainante per la ripresa durante l’estate.

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


L’indice PMI manifatturiero, dopo aver aggiornato i massimi storici per quattro mesi consecutivi, potrebbe correggere a 62,5 da 63,4 precedente, comunque su livelli ampiamente espansivi. Da monitorare con attenzione il grado di stress presente lungo le filiere produttive e i relativi effetti su attività produttiva e prezzi. L’indice PMI dei servizi dovrebbe invece salire a 59,0 da 58,3 precedente, ai massimi dal 2006. I dati ad alta frequenza segnalano un incremento della mobilità a inizio mese, coerente con un miglioramento dell’attività nel settore, così come segnalato dalle prime indagini relative a luglio. Alcuni Paesi stanno facendo i conti con un peggioramento della situazione epidemiologica che, almeno per il momento, non dovrebbe riflettersi in maniera significativa sulle indagini di fiducia. Il PMI composito è visto salire a 60,0 da 59,5 di giugno, confermando lo scenario di robusta crescita a inizio trimestre.

– Oggi la BCE pubblicherà i risultati aggregati della Survey of Professional Forecasters, il sondaggio macroeconomico condotto prima di ogni riunione di politica monetaria.

La prossima settimana sarà invece pubblicata la Survey of Monetary Analysts.

– Stati Uniti. Il PMI Markit flash per il settore manifatturiero a luglio dovrebbe essere poco variato a 62, da 62,1 di giugno. L’indagine dovrebbe continuare a dare segnali di strozzature dal lato dell’offerta, con mancanza di scorte e tempi di consegna lunghi. La chiusura temporanea di alcuni stabilimenti nel settore auto per carenza di semiconduttori dovrebbe frenare parzialmente la produzione, mentre gli ordini dovrebbero mantenersi in territorio espansivo.

Per i servizi, l’indice dovrebbe stabilizzarsi a 64,5 da 64,8 del mese precedente. Gli indicatori ad alta frequenza segnalano che l’attività nei principali servizi sono in netta ripresa, in alcuni casi anche al di sopra dei livelli pre-pandemici (ristoranti, attività ricreative, traffico aereo). Dato che gli indici PMI sono indici di diffusione, un’interruzione del trend verso l’alto non implica necessariamente rallentamento della crescita.

I dati e gli eventi di ieri

BCE. La Banca Centrale Europea ha agganciato le indicazioni prospettiche sui tassi ufficiali (o forward guidance) al nuovo obiettivo simmetrico del 2%. Inoltre, la BCE ha deciso di utilizzare la metà lontana dell’intervallo di previsione come riferimento per valutare se l’obiettivo è conseguito: infatti, l’obiettivo deve essere raggiunto “ben prima” della fine dell’orizzonte di previsione e quindi mantenuto “per il resto del periodo”; inoltre, deve essere confermato dalla dinamica corrente dell’inflazione sottostante.

Si badi, però, che la regola non sarà applicata meccanicamente: resta una valutazione ‘politica’ effettuata del consiglio direttivo. Come la presidente Lagarde ha segnalato, la decisione sulla forward guidance è stata presa a larghissima maggioranza, e non all’unanimità.

Entra nel comunicato l’avvertenza che la BCE sarà paziente nel reagire al conseguimento dell’obiettivo, perché “nessuno di noi vuole stringere prematuramente”, e che quindi l’inflazione potrebbe transitoriamente e moderatamente eccedere il 2%. Secondo la presidente, però, ciò sarà ‘accidentale’ e non deliberato.

Inoltre, anche tale aspetto è lasciato alla discrezione del consiglio, perché non viene indicato alcun riferimento né temporale, né quantitativo sull’entità dello scostamento. Comunque, i paletti per avviare il ciclo di rialzo dei tassi sono stati spostati significativamente rispetto al precedente assetto formale della politica monetaria.

Non ci sono altre modifiche: in particolare, tutto è rimasto immutato su APP, PEPP e TLTRO. L’indicazione prospettica sull’APP resta collegata a quella sui tassi, come prima. PEPP e TLTRO non sono neppure stati oggetto di dibattito in questa occasione. Riteniamo che la discussione sugli acquisti netti PEPP avverrà a settembre sulla base delle nuove previsioni dello staff. Con l’ascesa della variante Delta in pieno sviluppo, diventa più probabile che non sia decisa una riduzione neppure in tale occasione, sebbene la BCE si sia mostrata abbastanza positiva riguardo alla possibilità di osservare un impatto economico contenuto.

In effetti, la BCE prevede un ritorno ai livelli pre-crisi nel primo trimestre 2022, sottolinea che la fiducia nella ripresa sta già generando ricadute sulla domanda di credito per investimenti e ricorda che lo scenario dello staff includeva già un’ipotesi di restrizioni estese fino al quarto trimestre 2021. In effetti, i rischi per lo scenario di crescita sono giudicati “bilanciati”, e non verso il basso.

Area euro. L’indice di fiducia dei consumatori della Commissione Europea ha registrato un inatteso calo a luglio (-4,4 da -3,3 precedente, consenso -2,5). Il morale delle famiglie potrebbe aver iniziato a risentire delle preoccupazioni circa l’evoluzione della situazione epidemiologica ma l’indice rimane comunque al di sopra dei livelli di maggio e superiore alla media di lungo periodo.

La propensione al consumo potrebbe risentire della maggiore incertezza prospettica ma al momento continuiamo a ritenere che le spese delle famiglie possano contribuire positivamente alla crescita del PIL nel 2° semestre. Lo scenario rimane espansivo ma la diffusione della variante Delta, che sta spingendo i governi nazionali a rallentare il processo di riapertura delle economie, rappresenta comunque un rischio al ribasso per la ripresa nei prossimi mesi.

Francia. L’indice INSEE di fiducia economica di luglio ha corretto di un punto a 113 rimanendo comunque ben al di sopra dei livelli pre-crisi e della media di lungo periodo. Su base settoriale si registrano progressi per l’industria (110 da 108 precedente) a fronte di una stabilizzazione per i servizi (112) e di un contenuto calo per il commercio al dettaglio (a 115 da 116), entrambi comunque su livelli ampiamente espansivi e al di sopra delle medie di lungo periodo. L’ottavo rialzo consecutivo dell’indice manifatturiero, che si porta sui massimi da aprile 2018, è sintesi di un’accelerazione degli ordinativi a fronte di segnali di stress lungo le filiere produttive. Dai risultati dell’indagine trimestrale emerge infatti come la percentuale di imprese che lamenta problematiche all’offerta (circa il 40%) sia salita ai massimi da fine 2000, con il comparto auto (dove la proporzione sale al 77%) tra i più penalizzati per la difficoltà di reperire input produttivi (in particolare semiconduttori). La stabilizzazione registrata nei servizi riflette invece una valutazione per l’attività nel settore leggermente meno ottimistica (ma ancora al di sopra della media di lungo periodo).

Al momento non sembrerebbero però ancora emergere indicazioni che la risalita dei contagi dovuta alla diffusione della variante Delta stia frenando in maniera significativa la ripresa: al contrario si registra un netto miglioramento del morale nei servizi ricettivi e ristorativi, il comparto che potenzialmente potrebbe risultare il più colpito. Sul fronte dei prezzi invece si registrano attese di incremento dei listini nei prossimi mesi diffusi a tutti i settori, che confermano i rischi al rialzo per l’inflazione nel secondo semestre. Infine, risulta in miglioramento anche l’indice relativo all’occupazione (108 da 105), sui massimi dalla primavera del 2019, sostenuto da valutazioni incoraggianti sulle assunzioni nei servizi: un segnale positivo per la ripresa del mercato del lavoro. In sintesi, le indagini di luglio confermano il quadro di solida espansione per l’economia francese nei mesi centrali dell’anno. Nel 2° trimestre la crescita dovrebbe essere tornata in positivo, e potrebbe irrobustirsi durante l’estate.

Italia. Il Governo ha deciso ieri di prorogare lo stato di emergenza sino a fine anno e di modificare i criteri per la “colorazione” delle Regioni, e ha definito le modalità di utilizzo del “Green Pass”. I criteri-guida per la definizione dei “colori” delle Regioni saranno, dal 1° agosto, non più l’incidenza dei contagi ma il tasso di occupazione dei posti letto in area medica e in terapia intensiva per pazienti affetti da Covid-19. Dal 6 agosto, sarà richiesta certificazione verde Covid19 comprovante l’inoculamento almeno della prima dose vaccinale Sars-CoV-2 o la guarigione dall’infezione (con validità 6 mesi), oppure l’effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus (con validità 48 ore), per svolgere o accedere alle seguenti attività o ambiti: servizi per la ristorazione per consumo al tavolo al chiuso; spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportive; musei, luoghi di cultura e mostre; piscine, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso; sagre e fiere, convegni e congressi; centri termali, parchi tematici e di divertimento; centri culturali, sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, dei centri estivi e delle relative attività di ristorazione; attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò; concorsi pubblici.

Nel frattempo, il Senato ha approvato la fiducia chiesta dal Governo al Decreto “Sostegni Bis” (con 213 sì, 28 no e un astenuto), dando così il via libera definitivo al provvedimento che vale 40 miliardi e prevede un nuovo e più esteso pacchetto di indennizzi alle imprese e proroghe fiscali; il DL ha assorbito il decreto legge con lo sblocco graduale dei licenziamenti e la sospensione del cashback.

Stati Uniti. I dati sulle nuove richieste di sussidio sono inaspettatamente saliti di 51mila unità a 419mila, smentendo le attese di calo.

Molta della sorpresa potrebbe riflettere problemi di destagionalizzazione dei dati, ma forse anche la ripresa dei contagi potrebbe aver giocato un ruolo in alcuni stati.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo : Area euro stima finale dell’indice dei prezzi al consumo

Redazione

Intesa Sanpaolo : Italia dati sulla bilancia commerciale

Redazione

Intesa Sanpaolo : Spagna Dato finale prezzi al consumo

Redazione