BondWorld.it
Intesa SanPaolo Indice ISM

Intesa Sanpaolo: Area euro tasso di inflazione scende

Intesa Sanpaolo – Area euro. Ci attendiamo che a novembre il tasso di inflazione passi a 1% a/a da 0,7% a/a del mese di ottobre. Sul mese l’indice armonizzato dei prezzi al consumo……..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


dovrebbe calare a -0,3% m/m in novembre dopo il +0,1% di ottobre.

Entrambi i valori dovrebbero perciò mantenersi in linea con le stime preliminari.

L’indice core (cioè al netto di energia e alimentari freschi) è atteso al 1,5% a/a.

– Germania. L’indice Ifo è atteso a 95,3 punti a dicembre, con un miglioramento di tre decimi rispetto a novembre.

L’indice sulle aspettative potrebbe passare a 92,4 da 92,1 di novembre, un aumento meno forte rispetto ai due mesi precedenti.

L’indice della situazione corrente dovrebbe salire a 98,1 da 97,9 di novembre.

La fiducia è attesa in graduale recupero dopo il trend di calo visto tra l’inizio del 2018 e lo scorso mese di agosto.

Gli indici anticipatori sono coerenti con una crescita intorno allo zero nel 4° trimestre.

Intesa Sanpaolo – I dati e gli eventi di ieri

BCE. Il governatore della Banca d’Italia, Visco, ha dichiarato al Financial Times che la prossima revisione strategica della BCE dovrà anche affrontare il tema del dissenso.

Secondo Visco, la BCE dovrebbe puntare alla massima trasparenza, e che non avrebbe obiezioni a rendere chiare le posizioni individuali dei membri del consiglio direttivo.

Tuttavia, il governatore ha ammesso che in un organismo decisionale numeroso come quello della BCE (25 membri) il dissenso sarebbe più probabile rispetto a quanto accade con la Fed, il che potrebbe aumentare “rumore e incertezza”.

Coeuré, il cui mandato come consigliere esecutivo cessa il 31 dicembre, ha dichiarato che sarebbe necessario un processo di consolidamento transfrontaliero nel sistema bancario europeo.

Riguardo ai rischi dei tassi negativi, Coeuré non ritiene che vi siano ancora bolle speculative nel mercato immobiliare, anche se ci sono “tensioni locali”, e tocca alle autorità nazionali intervenire in tali casi.

Tuttavia, ha detto, “vorrei che la BCE sviluppasse un approccio che consenta un migliore confronto tra i benefici per l’economia reale dei bassi tassi di interesse e i rischi creati attraverso il settore finanziario”, perché “al momento, non è chiaro a che punto i rischi iniziano a superare i benefici”.

Intesa Sanpaolo – Italia. In ottobre, si registra un aumento delle esportazioni (+3,1% m/m) a fronte di un calo delle importazioni (-2,3% m/m).

Su base annua, l’export è in crescita per il secondo mese (+4,3% a/a), mentre l’import tocca un minimo da luglio del 2016 a -5,8% a/a.

L’aumento dell’export è però dovuto quasi interamente alla consegna di una nave negli Stati Uniti, al netto della quale la variazione sarebbe pari a -0,1% m/m e +1,4% a/a.

Oltre ai mezzi di trasporto(+56,1%), risultano in progresso nel confronto annuo anche gli articoli in pelle (+11%), l’abbigliamento (+8,3%), i farmaceutici (+8,3%) e gli alimentari (+6,2%), mentre restano in forte calo gli autoveicoli (-9,7%), i prodotti chimici (-6,2%) e i macchinari (-2,2%).

Oltre agli Stati Uniti (+24,5%), il contributo maggiore all’aumento tendenziale dell’export viene da Svizzera (+14,6%), Francia (+6,5%) e Regno Unito (+8,7%), mentre un apporto negativo deriva non solo dai Paesi OPEC (-16,9%) ma anche dalla Germania (-2,8%).

Nei primi dieci mesi dell’anno l’avanzo commerciale ha superato 43 miliardi (75,8 al netto dei prodotti energetici), in aumento dai 32,5 mld dello stesso periodo dello scorso anno (66,9 al netto dell’energia).

In sintesi, il commercio estero è stato debole (ed ha frenato il PIL) nel 3° trimestre, ma i dati di settembre e ottobre confermano i segnali di ripresa della domanda in particolare dai Paesi extra-UE, che potrebbe favorire un recupero nell’ultimo trimestre del 2019.

Tuttavia, la consegna di una nave di ottobre non avrà effetto sul PIL in quanto si rifletterà in un decumulo di scorte.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. Il rappresentante al commercio Lighthizer ha dichiarato che l’amministrazione, avendo raggiunto una parte dei propri obiettivi nei negoziati con la Cina e aperto la strada alla ratifica dell’USMCA intende concentrare la propria attenzione sugli squilibri commerciali con l’UE.

Lighthizer ha sottolineato che la relazione commerciale con l’UE è “molto squilibrata”, con un deficit americano di circa 180 mld di dollari, e ha aggiunto che per restringere il deficit globale è indispensabile ridurre quello con l’Europa.

Il rappresentante al commercio ha ribadito l’intenzione di procedere con l’utilizzo di dazi a questo scopo.

Secondo Lighthizer, un trattato bilaterale con il Regno Unito resta una priorità e gli USA procederanno su questo fronte non appena il nuovo governo inglese avrà definito la propria strategia.

Il raggiungimento di una tregua sulla fase 1 dei negoziati con la Cina ha ridotto senz’altro l’incertezza di breve termine sulla politica commerciale americana, ma non ha rimosso i rischi di medio termine, anche in considerazione del fatto che il WTO è definitivamente bloccato dal veto USA alla nomina di nuovi giudici.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. La produzione industriale a novembre rimbalza di 1,1% m/m, dopo due variazioni negative (-0,9% m/m a ottobre e -0,4% m/m a settembre).

Il manifatturiero recupera con un aumento di 1,1% m/m (dopo -0,7% m/m sia a settembre sia a ottobre), spiegato in parte dalla crescita nel segmento auto post-sciopero di GM (+12,4% m/m) e in parte di comparti (+0,5% m/m al netto delle auto, in particolare l’elettronica) a eccezione dei macchinari.

I segnali moderatamente positivi del manifatturiero anche al netto dello sciopero saranno probabilmente interrotti dalle conseguenze destabilizzanti del blocco a partire da gennaio della produzione degli aerei 737 Max annunciato da Boeing.

Le utility hanno registrato un aumento dii 2,9% m/m sulla scia del clima particolarmente avverso, mentre l’estrattivo prosegue sul trend negativo visto da metà anno (che però dovrebbe essere in via di stabilizzazione).

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. I cantieri residenziali a novembre aumentano più del previsto, salendo a 1,365 mln di unità ann. (consenso: 1,345 mln) da 1,323mln di ottobre, con incrementi diffusi sia alle unità monofamiliari sia a quelle multifamiliari.

Le licenze aumentano a 1,482 mln da 1,461 mln, con indicazioni di ulteriore espansione attesa dell’attività di costruzione nel settore residenziale.

Il trend dei cantieri e delle licenze resta positivo e dà indicazioni di contributo positivo degli investimenti residenziali alla crescita complessiva del PIL nel 4° trimestre.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: Area euro produzione industriale è attesa in contrazione

Redazione

Intesa Sanpaolo: Germania ZEW atteso in ulteriore ripresa

Redazione

Intesa Sanpaolo: Area euro vendite al dettaglio dovrebbero mostrare un balzo

Redazione