BondWorld.it
Intesa SanPaolo Indice ISM

Intesa Sanpaolo: Brexit non ottiene l’approvazione

Intesa Sanpaolo – Brexit. Sabato, il governo britannico non è riuscito a ottenere l’approvazione della Camera dei Comuni all’accordo raggiunto con l’Unione Europea:……..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


infatti, l’assemblea ha approvato un emendamento che ha successivamente indotto il governo a sospendere le procedure di voto.

Di conseguenza, il governo ha poi inviato tre lettere all’Unione Europea per adempiere agli obblighi del Benn Act, senza però che Johnson abbia firmato la richiesta formale di proroga dell’art. 50.

In ogni caso, è improbabile che l’Unione Europea contesti la validità legale della richiesta, e anche che risponda a stretto giro alla comunicazione: per ora, il Consiglio attenderà gli sviluppi del dibattito parlamentare.

Infatti, oggi pomeriggio si terrà un nuovo tentativo del governo di vincere il voto significativo sull’accordo, confidando che la pseudo-richiesta di proroga sia sufficiente a convincere chi temeva una no-deal exit a votare a favore.

Il Financial Times stima una possibile maggioranza di 5 seggi; The Guardian calcola che al governo manchi ancora un voto, ma che ben 13 deputati laburisti sono indecisi.

Esponenti del governo si sono detti fiduciosi riguardo all’esito finale.

Tuttavia, non è sicuro che il presidente della Camera consenta la votazione. In alternativa, si potrebbe tenere un altro voto martedì, avente come oggetto se i parlamentari concordano o no con il principio dell’accordo.

Nel caso in cui il voto significativo sia favorevole, rimarrebbe poi da approvare lo EU Withdrawal Agreement Bill.

In generale, però, il rischio di uscita senza accordo sembra ormai ridotto, e i due esiti più probabili sembrano l’approvazione dell’accordo e un rinvio della scadenza seguito da elezioni anticipate.

Intesa Sanpaolo – I market mover della settimana

Nella zona euro, le prime indagini di fiducia di ottobre dovrebbero dare nuovi spunti sulla situazione economica nella parte finale dell’anno.

La stima flash dovrebbe indicare che gli indici PMI sono in risalita, con il composito a 50,8, il manifatturiero a 46,4 e i servizi a 52,0. L’IFO tedesco è atteso nuovamente in calo a 94,3 da 94,6, sui minimi da nove anni.

Infine, l’indice francese INSEE presso le aziende manifatturiere è visto in calo di un punto a 101 a ottobre.

La settimana non ha molti dati di rilievo in uscita negli Stati Uniti e il blackout pre-riunione del FOMC fermerà il flusso informativo dalla Fed.

Per settembre, le vendite di case nuove ed esistenti dovrebbero confermare il tono positivo del settore immobiliare residenziale, invece gli ordini di beni durevoli sono previsti in calo dopo alcuni mesi marginalmente positivi.

Intesa Sanpaolo – I dati e gli eventi di ieri

Italia. Ad agosto, la produzione nelle costruzioni è calata lievemente (-0,1% m/m), dopo essere aumentata di +0,2% in ciascuno dei due mesi precedenti.

La tendenza annua (corretta per gli effetti di calendario) è risalita per il secondo mese, a 2,1% da 1,2% di luglio (settimo mese consecutivo in territorio espansivo).

Nel 3° trimestre, la produzione è in rotta per una variazione solo marginalmente positiva (+0,2% t/t) dopo la decisa flessione dei mesi primaverili (-2,3% t/t): le costruzioni dovrebbero dare un apporto sostanzialmente nullo al valore aggiunto nel trimestre.

In ogni caso, la fiducia dei costruttori è tornata a salire a settembre (al secondo livello più alto dal 2002, dopo il picco toccato lo scorso maggio), segnalando che può continuare la tendenza espansiva nel settore (in controtendenza con l’industria in senso stretto).

Italia. Nel Bollettino Economico Trimestrale, la Banca d’Italia stima che, sulla base delle informazioni disponibili, il PIL sia rimasto pressoché stazionario nel terzo trimestre, ancora frenato dalla debolezza nel settore manifatturiero, ma col rischio che la debolezza congiunturale possa trasmettersi anche agli altri settori dell’economia.

Secondo l’indagine della Banca d’Italia sulle aspettative di inflazione e crescita, la quota di imprese che prevede di espandere i piani di investimento nell’anno in corso rispetto al 2018 è aumentata, soprattutto nel comparto delle costruzioni.

La Banca d’Italia sottolinea più volte nel bollettino il ruolo svolto dagli incentivi del pacchetto “Industria 4.0” nel favorire un recupero degli investimenti a partire dal trimestre primaverile.

Secondo Bankitalia, l’ammontare di esportazioni italiane direttamente colpite dai nuovi dazi annunciati dagli Usa su alcuni prodotti della filiera agroalimentare ammonta a quasi 400 milioni di euro, corrispondenti a meno dell’1% del complesso dell’export; tuttavia, più rilevanti potrebbero essere gli effetti indiretti, trasmessi attraverso l’interscambio con i partner commerciali dell’area o mediante una revisione dei piani delle imprese europee.

Sul versante inflazione, il rapporto evidenzia come il nuovo pacchetto di misure adottate dal Consiglio direttivo della BCE lo scorso 12 settembre sia giustificato dal rischio di una diminuzione permanente delle aspettative di inflazione.

Sul fronte finanziario, Banca d’Italia ricorda come tra giugno e agosto si sia registrato un forte aumento della domanda estera di titoli di debito italiani (81 miliardi in titoli pubblici nei primi 8 mesi dell’anno, pari all’ammontare delle emissioni nette del Tesoro nello stesso periodo).

Di questi afflussi netti di capitale ha beneficiato la posizione debitoria della Banca d’Italia sul sistema dei pagamenti europeo TARGET2 che, dopo una sostanziale stabilità a inizio anno (486 miliardi a maggio), si è ridotta nei mesi centrali dell’anno, fino a 444 miliardi ad agosto.

Il nuovo aumento a 468 miliardi registrato in settembre riflette secondo Bankitalia l’effetto stagionale dei consistenti rimborsi netti di titoli del Tesoro nel mese.

Stati Uniti. Gli ultimi discorsi dalla Fed prima del blackout pre-FOMC, confermano il consenso ampio, ma non unanime, per i tagli preventivi già attuati e per la disponibilità a valutare se sarà opportuno a agire ancora in tempi ravvicinati.

Clarida (vice-president4e Board) ha ribadito quanto affermato dai suoi colleghi, riguardo al fatto che la politica monetaria non è su un sentiero predeterminato, ma verrò definita “riunione per riunione” valutando lo scenario e i rischi.

Al momento, l’economia è “ben posizionata” ma secondo Clarida è di fronte ad “alcuni rischi evidenti”. Kaplan (Dallas Fed) ha detto di essere stato favorevole ai tagli già attuati e di essere indeciso riguardo alla necessità di un altro intervento a ottobre, sottolineando che c’è una riunione anche a dicembre.

Secondo Kaplan potrebbe essere opportuno prendere un po’ di tempo per valutare l’evoluzione delle informazioni e in ogni caso la Fed non dovrebbe dare indicazioni precise sul sentiero dei tassi visto che la situazione è “fluida”.

Kaplan ha detto che a suo avviso l’attuale sequenza di interventi per ora non è l’inizio di un vero e proprio ciclo di tagli, ma piuttosto un aggiustamento “limitato e contenuto” della politica monetaria.

Sarà da vedere, a suo avviso, se effettivamente questo sarà effettivamente il quadro. Kaplan ha anche aggiunto che non è particolarmente preoccupato dalle aspettative di mercato per tagli ancora aggressivi, dato che le aspettative possono cambiare velocemente.

Nonostante le affermazioni di Kaplan, il fatto che non ci sia stato un freno da parte della Fed per il radicarsi di attese per un taglio a ottobre è un ulteriore motivo per prevedere un intervento alla prossima riunione, in un contesto in cui i rischi collegati al commercio internazionale non recedono, mentre i dati di attività danno segnali di trend in rallentamento, aggravato nel breve termine dal probabile effetto negativo sul manifatturiero dello sciopero di GM, ormai in corso da quasi due mesi.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: Germania ordinativi all’industria deludono

Falco64

Intesa Sanpaolo: Area euro PMI dei servizi in calo

Falco64

Intesa Sanpaolo: Stati Uniti nuove tensioni sui dazi

Falco64