BondWorld.it
Intesa SanPaolo Falsh Macro Daily

Intesa Sanpaolo: CPI ad aprile è previsto in calo

Intesa Sanpaolo – Il CPI ad aprile è previsto in calo di -0,6% m/m (0,6% a/a), dopo -0,4% m/m di marzo, con un ulteriore calo del prezzo della benzina contrastato in parte dall’aumento dei prezzi degli alimentari …

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


Il CPI core dovrebbe invece registrare una variazione di -0,1% m/m (1,8% a/a), come a marzo, sulla scia di incrementi dei prezzi dei farmaci e dei beni di prima necessità. I dati del CPI, come quelli delle altre variabili basati su indagini campionarie, continueranno a essere meno accurati del normale per via della chiusura di molti esercizi commerciali durante il lockdown.

Inoltre, il CPI ha pesi fissi che non riflettono lo spostamento di spesa da alcuni settori (servizi, beni durevoli) ad altri (alimentari, prodotti sanitari) e sottostima quindi il peso del cambiamento dei prezzi basati su variazioni ampie di domanda come quelle di questo periodo.

I dati e gli eventi di ieri

Italia. La produzione industriale è crollata di -28,4% m/m a marzo. L’aspettativa di consenso era per un calo del -20%: il dato è stato più negativo della previsione più pessimistica. Su base annua, l’output è precipitato a -29,3% (da -2,3% precedente). Sia per la variazione mensile che per quella annua si tratta di gran lunga del calo più ampio mai registrato da quando l’Istat diffonde le serie (1990).

La caduta è diffusa a tutti i raggruppamenti principali di industrie (particolarmente colpiti i beni di investimento, in calo di quasi il -40%) e a tutti i settori: i mezzi di trasporto e il comparto tessile fanno segnare un calo di oltre il 50% nel mese; sono risultati in diminuzione su base annua anche l’alimentare e il farmaceutico, sia pure su ritmi meno drammatici rispetto a quelli degli altri settori (-6,5% e -9,1%, rispettivamente).

Nei primi tre mesi dell’anno, la produzione è calata di 8,4% t/t. Considerando che i servizi potrebbero essere stati colpiti almeno tanto quanto l’industria a marzo, ciò suggerisce una possibile revisione al ribasso dei dati sul PIL, che ha registrato in Italia una contrazione di -4,7% t/t (meno che in Francia o Spagna, nonostante un lockdown più lungo e più stringente). La seconda lettura dei dati sui conti trimestrali è attesa il 29 maggio. In prospettiva, la produzione è destinata a calare ulteriormente ad aprile, in misura almeno altrettanto ampia che a marzo: il calo nei due mesi dovrebbe dunque superare il 50%.

Una ripresa graduale inizierà a maggio, che lascerà comunque i livelli produttivi ben al di sotto di quelli preshock. Confermiamo la nostra opinione secondo cui i rischi sulle previsioni del governo quest’anno (PIL in calo di -8%) sono senz’altro al ribasso.

Cina. L’inflazione dei prezzi al consumo è scesa da 4.3% a/a in marzo a 3,3% a/a in aprile, spinta al ribasso dal calo dei prezzi del comparto alimentari (-3,0% m/m) e dei trasporti (-1,2% m/m), di cui in particolare, dei carburanti (-7,3% m/m).

Altri comparti hanno registrato prezzi in calo rispetto al mese precedente e una variazione tendenziale negativa (abbigliamento, elettrodomestici, utenze domestiche) riflettendo la debolezza della domanda interna.

L’inflazione core, al netto di alimentari ed energia, è scesa da 1,2% in marzo a 1,1% in aprile, mentre l’inflazione dei prezzi alla produzione ha registrato un calo dell’3,1% a/a, da -1,5% a/a in marzo, toccando il minimo degli ultimi quattro anni, trainata al ribasso dal calo dei prezzi delle materie prime ma anche dei beni industriali e dei beni di consumo durevoli.

La debolezza della domanda interna e il calo dei prezzi delle materie prime favorirà un ulteriore discesa dell’inflazione nel corso dell’anno, lasciando spazio ad un maggiore allentamento della politica monetaria.

US Covid-19 update

– Contagi 1347881nuovi contagi 18600, decessi 80682, guarigioni 232733 (Fonte: JHU)

– La NY Fed ha annunciato che a partire da oggi inizierà ad acquistare ETF di corporate bond, con l’apertura dell’attività della nuova facility a sostegno del mercato secondario dei corporate bond, la Secondary Market Corporate Credit Facility (SMCCF). La Fed ha optato per acquisti di ETF invece di acquisti di titoli specifici per agire in modo più rapido. Il programma sarà gestito da BlackRock e acquisterà ETF prevalentemente esposti a corporate bond USA con rating investment grade, ma anche ETF con titoli USA high-yield.

Nell’acquisto di ETF, la Fed considererà la composizione in base al livello di rating dei titoli sottostanti, la liquidità il tipo di gestione e la distribuzione.  Il programma di acquisto di titoli sul mercato primario, annunciato insieme al SMCCF, non è ancora operativo. Gli acquisti del SMCCF avverranno attraverso uno Special Purpose Vehicle con una garanzia di 75 mld di fondi del Tesoro.

– La NY Fed ha annunciato che questa settimana gli acquisti di Treasury saranno pari a circa 35 mld (circa 7 mld al giorno), in calo da 40 mld della settimana scorsa e dal picco di 300 mld dell’ultima settimana di marzo.

Prosegue quindi il tapering degli acquisti, che probabilmente continuerà fino ad assestarsi su annunci di acquisti mensili intorno a 60 mld nella seconda metà dell’anno.

– La leadership democratica ha segnalato che il disegno di legge per la fase 4 dello stimolo fiscale non sarà pronto prima di venerdì.

Il pacchetto dovrebbe includere circa 750 mld di fondi per stati ed enti locali oltre a un probabile secondo round di “recovery check” mirati a sostenere il reddito delle famiglie.

– Evans (Chicago Fed) ha detto che “come scenario centrale, è ragionevole ipotizzare un ritorno alla crescita nel secondo semestre 2020 e nel 2021”. Tuttavia, secondo Evans, alla luce dell’enorme incertezza e delle difficoltà esistenti, la probabilità dello scenario centrale potrebbe essere solo marginalmente superiore a quella degli altri possibili scenari, più pessimistici.

Evans ha anche affermato che si comincia a vedere qualche effetto positivo derivante dall’erogazione del credito attuata attraverso i nuovi programmi della Fed a sostegno di imprese e consumatori. Evans prevede un tasso di disoccupazione intorno a 9% a fine anno, e la necessità di mantenere tassi bassi per un periodo prolungato, insieme a continua necessità di supporto da parte della politica fiscale.

– La Survey of Consumer Expectations della NY Fed ad aprile registra diffuso peggioramento delle aspettative su tutte le variabili economiche, con un aumento dell’aspettativa di perdere il lavoro (20,9%), un calo della probabilità di trovare un’occupazione e un peggioramento della propria situazione finanziaria (per il 40,2% degli intervistati).

Per quanto riguarda le aspettative su salari e inflazione, le prime sono in calo e le secondo in rialzo. Sull’inflazione c’è un modesto rialzo dell’inflazione attesa, sia a 1 anno sia a tre anni, ma anche un aumento di incertezza sullo scenario dei prezzi. L’indagine segnala probabile cautela nelle decisioni di spesa anche dopo la fine del lockdown.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: – Area euro inflazione stabile

Redazione

Intesa Sanpaolo: – Germania indice ZEW dovrebbe migliorare

Redazione

Intesa Sanpaolo: – Italia stima sui prezzi al consumo di dicembre

Redazione