BondWorld.it
Intesa SanPaolo Falsh Macro Daily

Intesa Sanpaolo: Eurozona indice composito ulteriore recupero

Intesa Sanpaolo – Nell’Eurozona, l’indice composito della Commissione UE dovrebbe confermare l’ulteriore recupero per le indagini di fiducia a settembre, trainato dall’industria, mentre la risalita appare ben più lenta nei servizi.

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


L’inflazione è vista in ulteriore calo a settembre (a -0,3% nell’Eurozona), e dovrebbe mantenersi in territorio negativo per diversi mesi. La disoccupazione è attesa stabile in Germania ma in aumento in Italia e nell’intera Eurozona. Sempre in Italia, a inizio settimana il Governo è atteso approvare la Nota di Aggiornamento al DEF, con le prime indicazioni di massima sulla manovra 2021 e sull’utilizzo dei fondi dal Recovery Fund. Oggi, la presidente della BCE, Christine Lagarde, terrà l’usuale audizione di fronte alla commissione per gli affari economici e monetari del Parlamento Europeo, che include una sessione di domande e risposte.

La settimana prossima è densa di dati di rilievo negli Stati Uniti. Il focus sarà sull’employment report di settembre, che dovrebbe dare ancora segnali positivi, con una crescita di occupati non agricoli poco sotto 1 mln e un modesto calo del tasso di disoccupazione. L’ISM manifatturiero, la fiducia dei consumatori, il reddito e la spesa personali a settembre dovrebbero aumentare ancora. Sempre a settembre, il deflatore dei consumi, sia totale sia al netto di alimentari ed energia, sono previsti in rialzo solido, di 0,3% m/m.

I dati e gli eventi di venerdì

Area euro. L’andamento dell’epidemia di COVID-19 resta preoccupante in diversi paesi dell’area. In Francia, il tasso di incidenza è calato a 87,52 ogni 100mila abitanti, appena sotto il picco di 93 del 15 settembre, ma resta ben sopra la soglia di allarme di 10. Il tasso di riproduzione Rt è stimato a 1,06, e il tasso di positività resta elevato (5,93%). Sono emersi a livello locale i primi segnali di stress del sistema sanitario, anche se a livello nazionale il tasso di occupazione dei letti di terapia intensiva resta ben sotto la soglia di allarme.

La Spagna è caratterizzata da parametri peggiori (mortalità incrementale più alta, tasso di positività e tasso di incidenza maggiori), ma il tasso di incremento dei casi è in rallentamento. Altri paesi con dinamica recente negativa sono Olanda, Belgio, Lussemburgo e, fuori dall’area dell’euro, Repubblica Ceca, Ungheria. Malta e Romania presentano una mortalità relativa particolarmente elevata, simile a quella della Spagna, che potrebbe riflettere un tasso di incidenza effettivo ampiamente superiore a quello ufficiale.

Italia. Il mese di settembre ha visto un ulteriore recupero per il morale sia delle famiglie che delle imprese. I dati sono risultati più forti del previsto. L’indice composito Istat sulla fiducia delle imprese è salito a 91,1 da 81,4 di agosto, il livello più alto dallo scorso febbraio (98,9). Il rimbalzo è stato trainato dal settore più colpito in precedenza, ovvero i servizi (a 88,8 da 75,1), che restano comunque ben al di sotto dei livelli di febbraio (98,7). Recuperano tutte le componenti: il saldo dei giudizi sugli ordini da -30,1 a -10,4, quello relativo all’andamento del business da -33,3 a -12,3 e, infine, quello delle attese sugli ordini da -2,9 a -1,2.

Il morale è cresciuto anche nelle costruzioni (a 138,6 da 132,6) e nel commercio al dettaglio (a 97,4 da 94,3). Nel settore manifatturiero, l’indice di fiducia è migliorato più del previsto, a 92,1 a settembre dall’87,1 di agosto. La ripresa è stata diffusa tra tutte le componenti principali: non solo gli ordini correnti e gli indicatori di produzione è meno negativo rispetto a un mese fa, ma l’outlook sia sugli ordini che sulla produzione è tornato in territorio positivo per la prima volta dallo scorso febbraio. Le scorte sono calate da 7,7 a 4,1, leggermente al di sopra del livello di marzo (3,9).

Le aspettative delle imprese sull’economia sono migliorate notevolmente, le intenzioni di assunzione in misura molto minore. Il morale delle famiglie è salito, anche in questo caso più del previsto, a 103,4 a settembre da 101 ad agosto, pur rimanendo notevolmente inferiore al livello di febbraio (110,6). Migliorano tutte le componenti: l’aumento è più marcato per il clima economico nazionale che per la situazione personale delle famiglie, e per le aspettative più che per il clima corrente. Le preoccupazioni per la disoccupazione sono diminuite per il quarto mese consecutivo, pur rimanendo a un livello molto alto in termini storici (72 contro una media a lungo termine a 46,7 e 38,1 di febbraio).

In sintesi, le indagini non segnalano che la ripresa sia vicina ad esaurirsi, almeno per il momento. A nostro avviso, i rischi per la nostra previsione sul PIL sono al rialzo per il 3 ° trimestre e al ribasso per il 4 ° trimestre (il nostro scenario di base vede un +10% t/t nel trimestre estivo e un +4,4% t/t nei mesi autunnali). Ad ogni modo, la nostra stima sul PIL 2020 (-9,5%), che fino a pochi mesi fa poteva essere considerata ottimistica, appare ora soggetta a rischi equilibrati. Restano rischi al ribasso per la nostra previsione di PIL per il prossimo anno (6,5%), soprattutto in relazione all’evoluzione della curva dei contagi (non solo in Italia ma in alcuni importanti partner commerciali che vedono un’evoluzione ad oggi meno favorevole, come Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Spagna).

Stati Uniti. Gli ordini di beni durevoli ad agosto aumentano di 0,4% m/m, dopo +11,7% m/m di luglio, e segnano il quarto aumento consecutivo. Al netto dei trasporti, gli ordini sono in rialzo di 0,4% m/m. Gli ordini di beni capitali aumentano di 7,8% m/m; l’aggregato che esclude anche difesa e aeronautica civile aumenta di 1,8% m/m. Le consegne calano di -0,3% m/m, prima correzione dopo tre rialzi consecutivi, ma sono positive per l’aggregato dei beni capitali al netto di aeronautica e difesa.

Nel complesso, i dati sono positivi e riportano ordini e consegne al di sopra dei livelli di febbraio, con indicazioni incoraggianti per gli ordini di macchinari e per i beni capitali e segnali di ripresa degli investimenti non residenziali dopo il crollo del 2° trimestre.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: Germania produzione industriale calata

Redazione

Intesa Sanpaolo: Germania ordini all’industria a febbraio sono cresciuti

Redazione

Intesa Sanpaolo: Area euro PMI servizi revisione al ribasso

Redazione