BondWorld.it

Intesa SanPaolo Flash – Euro zona. L’inflazione in aumento?

Intesa Sanpaolo Flash Macro Daily italia

Intesa SanPaolo – Euro zona. L’inflazione dovrebbe essere confermata in aumento di tre decimi all’1,7% ad aprile. La dinamica sottostante è salita all’1,3% da un precedente 1,0% sulla misura preferita dalla BCE…….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Il rialzo dell’inflazione è in larga misura dovuto al rialzo in Germania dei prezzi di abbigliamento e servizi ricreativi, che sembra legato alla Pasqua, normalmente associata a forti variazioni stagionali.

A maggio l’inflazione nell’eurozona è attesa retrocedere di due decimi sulla misura headline e di un decimo sulla misura core .

– La fiducia dei consumatori rilevata dall’Univ. of Michigan a maggio (preliminare) è attesa in marginale calo a 97 da 97,2 di aprile, per via delle rinnovate tensioni sul commercio internazionale.

Il focus sarà sull’andamento delle aspettative di inflazione in questa fase di dinamica dei prezzi debole e di trend modestamente verso il basso delle aspettative sull’orizzonte a 5-10 anni.

Intesa SanPaolo – I dati e gli eventi di ieri

Area euro. Il governatore della Banca d’Italia Visco, membro del consiglio direttivo BCE, ha valutato i rischi per lo scenario europeo di crescita come distorti al ribasso, a motivo di un rallentamento della Cina maggiore delle attese, delle tensioni commerciali e, infine, della possibilità di un’uscita del Regno Unito dall’UE senza accordo.

Riguardo all’Italia, il rallentamento sperimentato nel 2018 è attribuito alle ricadute del rallentamento tedesco, ma anche a una maggiore cautela delle imprese di fronte all’aumentare delle incertezze economiche e politiche.

Perché l’economia ritorni su un sentiero di crescita sostenibile, “l’Italia deve affrontare i due maggiori problemi strutturali: la stagnazione della produttività osservata fina dagli anni ’90, e l’alto livello del debito pubblico”.

Secondo Visco, serve una strategia di crescita che sostenga l’innovazione, migliori la qualità del capitale umano e crei un ambiente più favorevole al fare impresa.

Poiché stanno emergendo segnali di trasmissione del maggior premio per il rischio-paese all’economia, “non è più rinviabile una strategia credibile per ridurre nel medio termine il carico dell’elevato debito pubblico dell’Italia”.

Intesa SanPaolo – Italia. In occasione dell’Eurogruppo di ieri, il ministro dell’economia Tria ha sostenuto che l’indirizzo della politica economica resta quello indicato nel DEF: il Parlamento ha sì approvato una risoluzione che chiede di non aumentare l’IVA, ma senza modificare gli obiettivi di finanza pubblica, che quindi il governo deve perseguire.

Il presidente dell’Eurogruppo, Mario Centeno, ha ricordato che l’Italia si è assunta degli impegni, alla fine dello scorso anno, e che l’Eurogruppo si attende di vedere i risultati.

Il commissario Moscovici ha precisato che il compromesso del novembre 2018 era basato sull’ipotesi cruciale che il debito avesse raggiunto il picco, ipotesi che ora è smentita dalle nuove proiezioni della Commissione e dallo stesso programma di stabilità.

Infine, l’Austria continua a mantenere una posizione aggressiva contro l’allentamento della politica fiscale italiana, con il ministro delle finanze Löger che si aspetta “una posizione ferma da parte della Commissione Europea” quando il 5 giugno presenterà le raccomandazioni per ogni paese.

Italia. L’inflazione di aprile è stata confermata all’1,1% a/a sul NIC (in salita di un decimo rispetto a marzo), ed è stata rivista al ribasso di un decimo sull’indice armonizzato, sempre all’1,1% (stabile rispetto al mese precedente).

I prezzi su base congiunturale sono saliti di due decimi sull’indice domestico e di mezzo punto sull’IPCA. L’inflazione di fondo è aumentata da 0,4% a 0,6%.

I rincari nel mese appaiono in ogni caso dovuti a fattori stagionali e di calendario, visto che la prossimità della Pasqua con la festa della Liberazione ha favorito una crescita congiunturale marcata in particolare nei servizi ricettivi e di ristorazione e nei trasporti, cui si sono sommati gli aumenti dei carburanti.

Pensiamo che l’inflazione possa tornare a calare nei prossimi mesi toccando un minimo attorno a 0,6% nei mesi estivi, per poi risalire sopra l’1% nella parte finale dell’anno.

Intesa SanPaolo – Italia. A marzo si è registrato un moderato aumento sia per le esportazioni (+0,3% m/m, trainate dai Paesi Ue) che per le importazioni (+0,9% m/m).

Entrambi i flussi sono poco variati su base annua (in rallentamento rispetto al mese precedente).

Sempre su base tendenziale, si nota il deciso aumento dei farmaceutici (+17,2%), a fronte del netto calo dei mezzi di trasporto (-15,4%); in flessione, tra gli altri, anche i macchinari (-1,7%) e gli autoveicoli (-5,4%).

Tra i Paesi, gli incrementi a due cifre riguardano Regno Unito (+23%, su farmaceutici, abbigliamento e mezzi di trasporto, per via dell’incertezza legata a Brexit) e Svizzera (+17,3%), mentre in deciso calo risultano Stati Uniti (-11,1%) e Turchia (-15%).

Nel 1° trimestre, si è avuta una crescita moderata delle esportazioni (+0,5%), a fronte di una riduzione delle importazioni (-3,4%), il che conferma come gli scambi con l’estero abbiano dato un contributo positivo al PIL anche a inizio 2019, come già accaduto nella seconda metà del 2018.

Stati Uniti. I nuovi sussidi di disoccupazione calano a 212 mila nella settimana conclusa l’11 maggio, da 228 mila della settimana precedente, e danno sostegno all’ipotesi che il modesto rialzo dei sussidi nel mese di aprile sia stato un fenomeno transitorio legato alla data della Pasqua.

Tutti gli indicatori restano coerenti con un mercato del lavoro in fase di eccesso di domanda.

Intesa SanPaolo – Stati Uniti. I nuovi cantieri residenziali ad aprile aumentano a 1,235 mln di unità ann., da 1,168 mln di marzo, con incrementi solidi sia per le unità unifamiliari (+6,2% m/m), sia per quelle multifamiliari (4,7% m/m).

L’attività nel settore edilizio residenziale è stato volatile a inizio anno, ma mostra un trend sottostante moderatamente positivo dopo un anno di contrazioni persistenti.

Le licenze salgono a 1,296 mln ad aprile, poco variate rispetto ai livelli di marzo e febbraio.

Le unità completate sono in aumento rispetto alla media del 1° trimestre e puntano a una ripresa del contributo degli investimenti residenziali alla crescita del PIL del 2° trimestre.

Stati Uniti. L’indice della Philadelphia Fed a maggio aumenta più delle attese, salendo a 16,6 da 8,5 di aprile e riportandosi sui livelli di gennaio.

Lo spaccato dell’indagine è positivo: ordini a 11, da 15,7, comunque ben al di sopra della media dei due mesi precedenti, consegne a 27,6 da 18,4, occupati a 18,2 da 14,7.

Gli indici a 6 mesi sono stabili su livelli elevati e non danno segnali di peggioramento delle prospettive dell’attività delle imprese.

Gli indici dei prezzi proseguono sul trend verso il basso, ma è rilevante notare che i prezzi ricevuti attesi fra 6 mesi rimbalzano.

Le domande speciali del mese riguardano l’inflazione. Le imprese prevedono aumenti dei prezzi di vendita nel prossimo anno pari a 2,8%, circa in linea con la previsione di 2,9% formulata tre mesi fa, mentre si aspettano un’inflazione al 2,5% (da 2,3% atteso tre mesi fa) a livello nazionale e aumenti salariali pari a 3% (come previsto a febbraio).

L’inflazione prevista per il prossimo decennio è stabile a 2,5%.

Le informazioni della Philadelphia Fed sono incoraggianti su entrambi i fronti della crescita e dell’inflazione.

L’indagine punta a una ripresa della crescita nel manifatturiero, a fronte di una stabilizzazione attesa dell’inflazione.

Stati Uniti. A metà febbraio il Commerce Department ha consegnato al presidente Trump il rapporto sul settore auto, concludendo che le importazioni di auto e componenti rappresentano una minaccia per la sicurezza nazionale e offrendo strumenti alternativi per fronteggiare i rischi, con l’analisi di dazi, quote e applicazioni di misure restrittive su diversi aggregati e diversi gruppi di paesi.

Il presidente ha tempo fino al 18 maggio per annunciare eventuali interventi, da individuare fra le opzioni delineate nel rapporto.

Tuttavia, l’amministrazione ha scelto di non pronunciarsi e di rinviare di sei mesi la propria decisione in merito al settore auto. I motivi per questa decisione sono piuttosto evidenti, e non vanno interpretati, a nostro avviso, come una riduzione dei rischi di guerra commerciale, bensì semplicemente come una dilazione dell’aumento di incertezza collegato al capitolo auto.

Da inizio 2018, la promessa di Trump di concentrarsi sul commercio internazionale con una strategia di trattative bilaterali e di ampio utilizzo dell’arma dei dazi è stata mantenuta e non verrà tradita per tutto il resto del mandato presidenziale.

La decisione di rinviare la questione auto non riduce di per sé la probabilità di eventuali futuri interventi dato che, a nostro avviso, è spiegata più che altro dal fatto che al momento ci sono troppi fronti di conflitto aperto per la politica commerciale americana per poterne aggiungere un altro della portata di quello delle auto.

L’amministrazione prevedeva di chiudere entro maggio le trattative con la Cina, ma un accordo USA-Cina è ora incerto nei contenuti e nei tempi.

Nel frattempo, sono in corso i negoziati con l’Unione Europea e con il Giappone, e l’apertura del confronto sulle auto avrebbe effetti negativi per le trattative iniziate da poco.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa SanPaolo Flash. Belgio Indice di fiducia in risalita

Falco64

Intesa SanPaolo Flash Germania il PIL è cresciuto

Falco64

Intesa SanPaolo Flash – Stati Uniti. La Fed pubblica verbali

Falco64