BondWorld.it
Intesa SanPaolo Indice ISM

Intesa SanPaolo Flash: Eurozona con pochi indicatori

Intesa SanPaolo – Calendario povero di indicatori macroeconomici per l’Eurozona: il focus sarà sulla riunione della BCE, sugli sviluppi di Brexit e sulla presentazione del DEF in Italia…

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


I dati di produzione industriale dovrebbero vedere un deciso ridimensionamento a febbraio dopo il balzo del primo mese dell’anno (ci aspettiamo un brusco calo, intorno al punto percentuale, sia in Francia che in Italia).

Infine, la seconda stima dell’inflazione di marzo dovrebbe confermare il rallentamento visto sia in Germania (a 1,4% da 1,7%) sia in Francia (a 1,3% da 1,6%).

In settimana i dati negli Stati Uniti riguarderanno i prezzi di marzo, ma il focus sarà sui verbali della riunione del FOMC di marzo.

Il CPI dovrebbe registrare un aumento di 0,3% m/m, mentre il core dovrebbe aumentare di 0,2% m/m, in linea con il trend.

Anche il PPI e i prezzi all’import dovrebbero riaccelerare sulla scia del rialzo del prezzo del petrolio, senza però intaccare lo scenario di assenza di pressioni inflazionistiche.

Dai verbali della riunione del FOMC dovrebbe emergere un consenso unanime per la fase attuale di “pazienza” sui tassi e per la preparazione alla svolta sul sentiero del bilancio, in linea con la conferenza stampa di Powell e i molti discorsi di queste settimane.

I verbali dovrebbero riportare la discussione sul futuro dei tassi confermando la centralità dei dati in uscita, ma mostrando anche due campi in termini di rischi: uno più numeroso che prevede scarsa risposta dell’inflazione e tassi fermi anche più avanti nell’orizzonte previsivo e un altro invece più propenso a prevedere ancora modesti interventi verso l’alto.

La discussione non dovrebbe aver considerato come rilevante la possibilità di un taglio dei tassi, come invece sconta il mercato.

Per quanto riguarda Brexit, il 10 aprile si terrà una riunione straordinaria del Consiglio Europeo per valutare la richiesta di proroga fino al 30 giugno trasmessa dal Regno Unito.

Il fatto nuovo a supporto della richiesta è l’apertura di negoziati con l’opposizione laburista per trovare una soluzione di compromesso che non richieda modifiche al trattato di recesso.

Si attende nei prossimi giorni un’offerta formale del governo al Partito Laburista. In assenza di proroga, il Regno Unito lascerebbe l’Unione Europea alla fine della giornata del 12 aprile.

I dati e gli eventi di ieri

– Stati Uniti. L’ employment report di marzo è particolarmente importante, dopo la debolezza registrata a febbraio.

Gli occupati non-agricoli a marzo aumentano di 196 mila, dopo due mesi estremamente volatili (+312 mila a gennaio, +33 mila a febbraio).

Gli occupati privati crescono di 182 mila (media a 3 mesi: 169 mila). Nell’industria, i segnali sono misti: manifatturiero, -6 mila (prima correzione in 2 anni), costruzioni, +16 mila, estrattivo, +2 mila.

Nei servizi, la variazione è di 170 mila, (media a 3 mesi: 148 mila), con crescita solida per sanità e istruzione (+70 mila), servizi alle imprese (+37 mila) e ospitalità (+33 mila).

Invece nel commercio al dettaglio gli occupati calano di -12 mila. L’occupazione rilevata con l’indagine presso le famiglie, tipicamente volatile, cala di -201 mila (media a 3 mesi: -66 mila, media a 6 mesi: +113 mila).

– Il tasso di partecipazione corregge a 63% da 63,2% di gennaio e febbraio. Il tasso di disoccupazione resta a 3,8%, vicino al minimo ciclico e sempre al di sotto della stima del tasso di più lungo termine (mediana Fed: 4,4%).

Anche il tasso di disoccupazione allargato (U-6) a individui marginalmente attaccati alla forza lavoro e occupati part-time per motivi economici, resta a 7,3%, sui minimi dal 2001, confermando la costante riduzione di risorse inutilizzate.

I salari orari aumentano di 0,1% m/m (+3,2% a/a), dopo 0,4% m/m di febbraio. Le ore lavorate sono in rialzo di 0,3% m/m, indicando crescita solida delle retribuzioni.

– Il mercato del lavoro è ormai in una fase matura, caratterizzata da eccesso di domanda e risorse disponibili in calo.

La moderazione della crescita del PIL rispetto al 2018 e la difficoltà a reperire manodopera riportata dalle indagini presso le imprese e dal Beige Book, dovrebbero ridurre la dinamica occupazionale nel 2019 rispetto a quella del 2018 (media 2018: 223 mila, media ultimi 6 mesi: 207 mila).

Una variabile cruciale per l’equilibrio del mercato del lavoro (e per i tassi Fed) sarà la partecipazione. Con la partecipazione al 63% (media 2018: 62,9%), una crescita di occupati di 197 mila porterebbe il tasso di disoccupazione a 3% a fine anno, in area di potenziale surriscaldamento e di rischi di rialzo dei tassi.

Una crescita di occupati più moderata rispetto al dato di marzo sarebbe positiva per la sostenibilità della ripresa.

Per ora, le informazioni disponibili indicano che il mercato del lavoro resta un solido supporto per la crescita.

Italia. Secondo quanto riportato da Reuters e Repubblica , il Documento di Economia e Finanza che sarà pubblicato nei prossimi giorni rivedrà la stima del rapporto deficit/PIL dal 2,0 al 2,4% nel 2019, mentre il rapporto debito/PIL si collocherebbe al 132,6% invece del 130,7% stimato a dicembre.

Per quanto riguarda il 2020, gli obiettivi di deficit e PIL sarebbero fissati rispettivamente a 2,1% e 131,7%. Il MEF ipotizzerebbe una correzione strutturale di 0,1-0,2%, ma deve fare i conti anche con la necessità di sostituire i 23 miliardi di gettito IVA che sarebbero persi qualora (come ripetutamente promesso dai partiti di governo) fosse bloccato l’aumento delle aliquote IVA ora previsto nel gennaio 2020.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: – Francia inflazione è calata di tre decimi

Redazione

Intesa Sanpaolo: – Francia indice fiducia dei consumatori in calo

Redazione

Intesa Sanpaolo: – Germania stima finale crescita del PIL

Redazione