BondWorld.it
Intesa SanPaolo Indice ISM

Intesa SanPaolo Flash: Francia. L’indice di fiducia dei consumatori è atteso in correzione a marzo

Intesa SanPaolo – Francia. L’indice di fiducia dei consumatori è atteso in correzione a marzo, stimiamo a 94 da 95. Le proteste dei “gilet gialli”, dopo una fase di parziale rientro, stanno tornando a occupare la scena politica alimentando il clima di incertezza economica percepito dalle famiglie. ……

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Italia. La fiducia di imprese e famiglie potrebbe mostrare una ripresa a marzo.

Il morale dei consumatori è visto a 113 da 112,4 precedente, quello delle aziende a 99 da 98,3 di febbraio. In particolare si dovrebbe vedere un recupero nel settore dei servizi; nel manifatturiero la fiducia è attesa a 101,9 da 101,7 precedente, sulla scia di un possibile rimbalzo degli ordinativi esteri.

Gli indici di fiducia restano coerenti con una sostanziale stagnazione dell’attività economica.

Stati Uniti. La bilancia commerciale a gennaio dovrebbe registrare una chiusura del deficit a 56 mld di dollari, da -59,8 mld di dicembre.

Non sono disponibili i dati preliminari sulla bilancia dei beni, tuttavia alla luce delle informazioni di attività dei porti e del trasporto, si dovrebbe vedere una correzione dell’export, e un calo anche più ampio dell’import, che riporterebbero il deficit su un livello vicino a quelli di settembre/ottobre.

Il deficit è stato estremamente volatile a partire da fine 2017, in risposta all’annuncio e all’imposizione dei nuovi dazi, ma con un trend di costante ampliamento.

Brexit. Dopo il question time della prima ministra May, previsto a partire dalle h. 12:00, la Camera dei Comuni sperimenterà il metodo dei voti indicativi per verificare il livello di supporto di cui godono vari esiti del processo di ritiro dall’UE.

Il dibattito dovrebbe iniziare alle 14:00 ora locale, mentre il voto dovrebbe svolgersi dalle h. 19:00 GMT. Non è ancora chiaro se il governo lascerà libertà di voto alla maggioranza.

Qualsiasi deliberazione del parlamento non sarà vincolante per il governo. In effetti, si parla insistentemente di una terza riproposizione del voto sull’accordo, anche se gli euroscettici chiedono in cambio del proprio appoggio un cambio alla guida del governo.

I dati e gli eventi di ieri

Francia. L’indice di fiducia presso le imprese manifatturiere elaborato dall’INSEE è calato a marzo a 102 da 103 deludendo le attese di consenso che erano per una stabilizzazione. Lo spaccato indica un calo della produzione attuale ma un aumento di quella attesa.

La domanda è andata contraendosi nel mese e le scorte sono aumentate. La lettura del dato di marzo è coerente con l’indice PMI manifatturiero, che nel mese è calato a 49,8 da 51,5. In media trimestrale, il morale nel manifatturiero si è attestato a 102,7 da 104,1 di fine 2018 e rimane quindi ancora al di sopra della media storica. Nei prossimi mesi dovrebbe vedersi un recupero dell’attività nel comparto.

Stati Uniti. La fiducia dei consumatori rilevata dal Conference Board a marzo corregge a 124,1 da 131,4 di febbraio. Il calo è diffuso alle aspettative (99,8 da 103,8) e alla situazione corrente (160,6 da 172,8).

La valutazione del mercato del lavoro ritorna sui livelli di luglio 2018 dopo sei mesi di miglioramenti, e si assesta comunque sui massimi dal 2001, se si esclude la seconda metà del 2018. I dati sono in linea con la moderazione della crescita attuale e prevista, ma non dovrebbero essere l’inizio di un netto trend verso il basso della fiducia, visto lo stato positivo del mercato del lavoro e l’accelerazione della dinamica salariale.

Stati Uniti. I nuovi cantieri residenziali a febbraio calano a 1,162 mln da 1,273 mln (rivisto da 1,230 mln). La correzione era attesa, sia perché il dato di gennaio aveva registrato un ampio rimbalzo, sia perché il clima di febbraio è stato particolarmente avverso.

Le indicazioni dell’indice di fiducia dei costruttori di case sono di moderata ripresa, spinta dal calo dei tassi sui mutui e dall’andamento sempre positivo del mercato del lavoro. Le licenze restano elevate, e al di sopra dei cantieri, pur correggendo modestamente a 1,296 mln da 1,317 mln di gennaio.

Stati Uniti. Daly (San Francisco Fed) si è detta in linea con la posizione del resto del FOMC e ha ripetuto che “la politica appropriata ora è essere pazienti”.

Secondo Daly i dati saranno determinanti per decidere se la prossima mossa dei tassi sarà verso l’alto o verso il basso, e questa sarà la sua visione fino a quando non ci saranno informazioni chiare. Daly ritiene che i tassi siano a un passo dalla neutralità.

Fonte: ETFWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: – Francia crescita zero dell’inflazione

Redazione

Intesa Sanpaolo: – Stati Uniti prezzi import in rialzo

Redazione

Intesa Sanpaolo: – Italia produzione industriale torna a contrarsi

Redazione