BondWorld.it
intesa sanpaolo bce

Intesa SanPaolo Flash: – Germania. Gli ordini all’industria dovrebbero segnano un ampio calo a dicembre

Intesa SanPaolo – Germania. Gli ordini all’industria dovrebbero segnano un ampio calo a dicembre, con una correzione di -1,6% m/m, mitigata dalla revisione verso l’alto del dato di novembre, a -0,2% m/m da -1% m/m……..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Le aspettative di consenso erano per un aumento di 0,3% m/m. Su base tendenziale, gli ordini sono in calo di -7% a/a. La debolezza è maggiore per gli ordini dall’estero (-2,3% m/m), che per quelli domestici (-0,6% m/m, dopo +3% m/m a novembre).

I dati registrano debolezza nell’elettronica, ma rialzi su base mensile per l’auto e la chimica. Per tipologia di beni, sono negativi i beni intermedi e quelli capitali, mentre rimbalzano quelli relativi ai beni di consumo.

Gli ordini di dicembre confermano i segnali negativi delle indagini di fiducia, che continuano a segnalare un rallentamento della domanda estera rivolta al manifatturiero tedesco, ma danno anche indicazioni positive per quanto riguarda il trend del settore auto.

Stati Uniti

– La produttività nel 4° trimestre è prevista in aumento di 1,7% t/t ann., dopo +0,9% del 3° trimestre. I dati saranno basati su informazione limitata per via dello shutdown.

– Il deficit commerciale a novembre dovrebbe ridursi a -53 mld da -55,5 mld di ottobre.

Non essendoci i dati preliminari sulla bilancia dei beni, la previsione è legata ai dati degli altri paesi, che hanno registrato un minore avanzo con gli USA, in particolare il Canada.

I dati dovrebbero mostrare contrazioni sia per le importazioni sia per le esportazioni.

I dati e gli eventi di ieri

Area euro. La seconda stima ha rivisto il PMI composito al rialzo a 51 da una precedente stima di 50,7.

L’indice per i servizi risulta difatti stabile a 51,2 e non in calo a 50,8, come da stima preliminare., dal momento che l’indice è salito in Spagna a 54,7 da 54,0. In Germania l’indice è circa fermo a 53,0.

Sotto la fatidica soglia di 50 ci sono Italia e Francia.

La seconda lettura mostra un calo meno marcato dell’indice servizi in Francia a 47,8 da 49 e non a 47,5. In Italia, il PMI servizi è calato a 49,7 da 50,5 per la prima volta da maggio 2016.

L’indagine PMI suggerisce una crescita del Pil euro zona non superiore a 0,2% t/t a inizio 2019 e forse anche più debole.

Il rallentamento non sembra essere confinato più solo al manifatturiero ma si è esteso ai servizi in parte per fattori idiosincratici (proteste in Francia) ma in parte per effetto della frenata dell’industria.

Area euro Le vendite al dettaglio hanno corretto più delle attese a dicembre (-1,6% m/m) dopo due mesi in crescita di 0,8% m/m.

Il calo è diffuso al tessile elettronica e risulta meno marcato solo negli alimentari.

Il dato lasica la dinamica trimestrale comunque in aumento di 0,6% t/t grazie alla crescita solida nei due mesi precedenti, ma condiziona la dinamica di vendite e consumi nei primi mesi del 2019, e supporta i nostri timori che la crescita eurozona possa restare debole anche nel 1° trimestre.

Stati Uniti. L’ISM non manifatturiero a gennaio corregge a 56,7 da 58 di dicembre. Lo spaccato dell’indagine resta positivo: attività a 59,7 da 61,2, ordini a 57,7 da 62,7, ordini inevasi a 52,5 da 50,5, occupazione a 57,8 da 56,6.

L’unica correzione davvero consistente è quella degli ordini all’estero, a 50,5 da 59,5. In alcuni settori il rallentamento dell’attività viene attribuito dalle imprese allo shutdown (servizi alle imprese, costruzioni, pubblica amministrazione), mentre in altri settori si segnala ancora l’impatto negativo dei dazi e dei vincoli alla capacità produttiva.

Nel complesso però le imprese restano ottimiste sulle condizioni economiche. Secondo le stime dell’ISM, il livello dell’indice di gennaio sarebbe coerente con una crescita del PIL di 2,8%.

Stati Uniti. Una delegazione americana, guidata dal US Trade Representative Lighthizer e dal segretario del tesoro Mnuchin, sarà a Pechino la prossima settimana per proseguire i negoziati sul commercio USA-Cina.

Sembra che la Cina abbia acconsentito a discutere alcuni temi prima esclusi dalle trattative per motivi ufficialmente collegati alla “sicurezza nazionale”.

La scadenza della tregua sui dazi è il 1° marzo, ma Trump ha detto che potrebbe essere posposta. L’incontro a Pechino segnala dei passi avanti nei negoziati, e riduce la probabilità di una rapida escalation sui dazi dopo il 1° marzo.

Stati Uniti. Kaplan (Philadelphia Fed) ha detto che ritiene “prudente per la Fed esercitare pazienza ed evitare di agire ancora” sui tassi fino a quando il quadro non sarà più chiaro.

A suo avviso entro la prima metà del 2019 ci sarà maggior chiarezza.

I recenti discorsi dei partecipanti al FOMC hanno evidenziato un totale consenso sulla fase di “pazienza e flessibilità” aperta con la riunione di gennaio.

Fonte: BONDWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: – Italia Premier comunicherà intenzione di dimettersi.

Redazione

Intesa Sanpaolo: – Germania correzione IFO

Redazione

Intesa Sanpaolo: – Area euro stima flash del PMI manifatturiero

Redazione