BondWorld.it
intesa sanpaolo bce

Intesa SanPaolo Flash: Regno Unito e premier May

Intesa SanPaolo – Nel Regno Unito, la premier May è attesa in parlamento per una dichiarazione su come il governo intende gestire il processo della Brexit dopo la bocciatura dell’accordo con l’UE.. …..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


La stampa anticipa che non sarà presentato un vero ‘piano’, ma soltanto una riproposizione dell’accordo già sottoscritto come unica alternativa a una no-deal Brexit, più una promessa di chiedere modifiche al backstop per il confine irlandese.

In seguito, i membri del parlamento potrebbero presentare mozioni potenzialmente molto importanti per gli sviluppi futuri – fra le quali se prospetta una che, se approvata consentirebbe a una diversificata minoranza di richiedere voti indicativi su scenari specifici di rinegoziazione dell’accordo o anche su un nuovo referendum, e un’altra che consentirebbe al Parlamento di esprimersi per un’estensione del periodo negoziale (che dovrebbe però essere richiesta dal governo e quindi approvata dagli altri 27 Stati membri).

La riunione dell’Eurogruppo esaminerà le raccomandazioni della Commissione sulla politica economica.

I market mover della settimana

Nella zona euro il focus sarà sulla riunione BCE che potrebbe introdurre qualche novità sulle operazioni a medio lungo termine. Inoltre è probabile che il Consiglio si soffermi sul rallentamento in atto nella zona euro e che sottolinei i crescenti rischi verso il basso.

Tuttavia, è difficile che riveda la guidance sui tassi e sui reinvestimenti, dal momento che per ora il rallentamento segnalato dai dati di fiducia e produzione industriale a fine 2018 riflette ancora in parte fattori transitori.

Uno sguardo allo stato di salute dell’economia euro zona si avrà con la pubblicazione delle indagini di fiducia di gennaio.

L’indice ZEW sulle attese è previsto circa stabile a -17,5. L’IFO è atteso stabile a 101 dopo quattro mesi di cali.

Altresì ci aspettiamo un recupero del PMI composito a 51,8 da 51,1. In Francia, la fiducia presso le imprese manifatturiere è attesa in calo a 103 da 104.

La pubblicazione dei dati economici degli Stati Uniti è sempre più offuscata dal perdurare della chiusura parziale degli uffici federali.

Le vendite di case esistenti di dicembre dovrebbero correggere dopo due mesi di moderati recuperi, anche se il trend resta debole.

Gli ordini di beni durevoli e le vendite di case nuove di dicembre potrebbero non essere pubblicati per lo shutdown e in ogni caso sono mancanti i dati corrispondenti del mese precedente, che dovevano essere pubblicati a fine dicembre.

I dati e gli eventi di venerdì

Italia. Nel Bollettino Economico di inizio anno, la Banca d’Italia ha rivisto al ribasso le stime di crescita per l’economia italiana, a 0,6% per il 2019 da 1% precedente, e a 0,9% da 1,2% per il 2020.

La revisione per l’anno in corso deriva tra l’altro da una chiusura debole del 2018, quando il PIL potrebbe essersi contratto per il secondo trimestre consecutivo (di -0,1% t/t) nel 4° trimestre.

Secondo Bankitalia, i rischi sulle stime di crescita sono verso il basso, e derivano dall’eventualità di un nuovo rialzo dei rendimenti dei titoli di Stato, di un più rapido deterioramento delle condizioni di finanziamento del settore privato e di un ulteriore rallentamento della propensione a investire delle imprese. Un più accentuato rientro delle tensioni sui mercati finanziari potrebbe invece favorire ritmi di crescita più elevati.

Italia. La produzione nelle costruzioni è salita solo in misura modesta a novembre (+0,2% m/m), dopo l’ampia flessione registrata a ottobre (-1,7% m/m).

Su base annua l’output è rimasto in territorio lievemente negativo, a -0,1% da -0,8% precedente.

Nel trimestre autunnale la produzione è in rotta per una contrazione di -1,2% t/t dopo l’aumento di 0,5% t/t visto in primavera e estate.

Pertanto, anche le costruzioni, come l’industria in senso stretto, dovrebbero aver dato un contributo negativo alla crescita del valore aggiunto nel trimestre finale del 2018: c’è il rischio di una recessione “tecnica”, ovvero di una seconda contrazione su base congiunturale del PIL dopo il -0,1% t/t visto nel 3° trimestre.

Stati Uniti. La produzione industriale a dicembre aumenta di 0,3% m/m (4% a/a), in linea con le attese. Dietro la variazione dell’aggregato totale c’è un’ampia correzione delle utility (-6,3% m/m) legata al clima particolarmente mite, ma anche un balzo di 1,1% m/m del manifatturiero, dopo due mesi relativamente deboli (+0,1% e -0,2% m/m a novembre e ottobre, rispettivamente) e di 1,5% m7m dell’estrattivo.

Il manifatturiero è trainato al rialzo dalle auto (+4,8% m/m), in ripresa dopo due mesi deboli. La semi-stagnazione delle vendite di auto fa prevedere che nei prossimi mesi il trend della produzione nel comparto debba rallentare.

Tuttavia, l’output del manifatturiero ex-auto ha segnato un ampio incremento (+0,8% m/m), dando indicazioni comunque positive per il manifatturiero, pur in presenza di moderato rallentamento come segnalato dalle indagini.

Per quanto riguarda l’estrattivo, la correzione del prezzo del petrolio sta già determinando un calo delle trivelle in attività e fa prevedere moderazione dell’output nei prossimi trimestri.

Nel complesso i dati sono comunque positivi e moderano i timori di indebolimento preoccupante dell’attività a inizio anno. Sarà poi da vedere quanto incideranno gli effetti di un ulteriore prolungamento della chiusura degli uffici federali.

Stati Uniti. La fiducia dei consumatori rilevata dall’Univ. of Michigan a gennaio (prel.) crolla a 90,7 da 98,3 di dicembre, con ampie correzioni sia della componente coincidente (a 110 da 116,1) sia delle aspettative (a 78,3 da 87).

La fiducia torna sui livelli di fine 2016. I consumatori sono preoccupati da un insieme di fattori negativi: dazi, chiusura degli uffici federali, volatilità dei mercati, incertezza sulla politica monetaria e indebolimento della crescita mondiale.

Più della metà dei partecipanti all’indagine ritiene che questi elementi impediranno al presidente di occuparsi della crescita economica. Probabilmente il fattore preponderante nel risultato dell’indagine è ora lo shutdown e il conflitto politico in corso.

Le famiglie intendono aumentare il loro risparmio precauzionale per fare fronte a un eventuale peggioramento congiunturale.

Le aspettative di inflazione a 12 mesi sono invariate e quelle a 5-10 anni sono in rialzo marginale, tale da non destare alcuna preoccupazione alla Fed.

Stati Uniti. Trump ha presentato una proposta di compromesso sull’immigrazione mirata a interrompere lo shutdown. In una conferenza stampa, il presidente ha delineato un insieme di misure che a suo avviso dovrebbero trovare l’accordo dei democratici. Le proposte ricalcano un disegno di legge presentato da un gruppo di repubblicani nella primavera 2018 e mai approvato.

I punti salienti del piano di Trump sono:

estensione per tre anni della protezione per i “Dreamers” (individui entrati illegalmente negli USA da adolescenti) e per gli individui con necessità di protezione da eventi catastrofici nel loro paese (programma Temporary Protection), 800 mln per confine, aumento di giudici per casi di immigrazione, istituzione di una procedura di richiesta di asilo per i minorenni dai paesi dell’America centrale. Il team della Casa Bianca che ha elaborato il piano, guidato da Kushner e Pence, ritiene che un accordo sui termini proposti sarebbe la base per una discussione più ampia sull’immigrazione dopo la riapertura degli uffici federali.

La presidente della Camera, Pelosi, ha reagito negativamente alla proposta, affermando che ricalca un piano già bocciato per la mancanza di una soluzione permanente per i Dreamers.

Il presidente del Senato Mc Connell ha in programma di mettere al voto la proposta del presidente questa settimana.

I democratici voteranno alla Camera questa settimana disegni di legge per finanziare le agenzie chiuse e aumentare i fondi per la sicurezza dei confini con misure analoghe a quelle di Trump (a parte il muro) e propongono di aprire un dibattito sull’immigrazione dopo la riapertura degli uffici. Un primo test dell’unità del fronte democratico si vedrà con il voto di questa settimana in Senato.

Il terreno per i negoziati è ora aperto e concentrato, ma il risultato resta difficile da ottenere. La chiusura degli uffici federali è entrata nel 30° giorno e pesa in misura crescente sullo scenario di crescita del 1° trimestre.

Al contrario di quanto ha affermato Trump, i sondaggi mostrano una crescente disapprovazione del Presidente, con il 55,2% degli intervistati che disapprova l’operato di Trump (in costante aumento da 52,4% del 20 dicembre), contro il 40% che lo approva (media corretta per l’affidabilità delle principali indagini calcolata da FiveThirtyEight).

Stati Uniti. Brainard (Board Fed) ha sottolineato i rischi derivanti dall’aumento dell’incertezza politica che, a suo avviso, potrebbero pesare sulla fiducia e sulla crescita, nonostante l’andamento estremamente solido del mercato del lavoro.

Secondo Brainard c’è un insieme di rischi che potrebbe risolversi “in modo molto positivo”, ma che, se resterà irrisolto a lungo, potrebbe tradursi in un rallentamento dell’attività.

Cina. La crescita del PIL è lievemente rallentata nel 4° trimestre a 1,5% t/t da 1,6% t/t nel 3°, ciò ha portato la crescita tendenziale a 6,4% a/a da 6,5% nel trimestre precedente, e la crescita del 2018 a 6,6%, in linea con l’obiettivo governativo.

La riaccelerazione del settore industriale (a 5,8% a/a da 5,3% nel 3° trimestre) non è riuscita a compensare il rallentamento del settore agricolo e soprattutto dei servizi (a 7,4% a/a da 7,9% a/a nel 3° trimestre). Maggiori dettagli sulla scomposizione del PIL saranno disponibili da domani.

Alcuni dati mensili hanno comunque registrato un miglioramento in dicembre. La produzione industriale è aumentata del 5,7% a/a, in accelerazione rispetto al 5,4% registrato in novembre, verosimilmente spinta dalla produzione delle imprese private. Le vendite al dettaglio sono salite dell’8,2%, leggermente al di sopra dell’8,1% in novembre (il minimo della serie), sostenute da diverse categorie di spesa (elettronica, alimentari, medicinali) che hanno in parte bilanciato il calo delle vendite di automobili (-13% a/a).

La fiducia dei consumatori rilevata dal NBS ha registrato il 4° aumento consecutivo dopo la stabilizzazione dei mesi estivi mentre, al contrario, quella rilevata da Unionpay ha registrato nello stesso periodo una dinamica meno marcata ma in calo.

Gli investimenti fissi sono saliti del 5,9% a/a nel 2018, in rallentamento rispetto al 7,2% nel 2017) con un tasso di crescita cumulato stabile tra novembre e dicembre e una crescita tendenziale (che non viene pubblicata) che potrebbe però essere rallentata da 7,7% a/a in novembre a 5,9% in dicembre, frenata dalla decelerazione degli investimenti in edilizia residenziale e del settore manifatturiero.

Nonostante il lieve miglioramento dei dati mensili in dicembre le prospettive rimangono di rallentamento. La dinamica dello stock di credito bancario è migliorata salendo da 13,1% a/a in novembre a 13,5% a/a in dicembre ma quella dell’aggregato della finanza sociale o AFRE (Aggregate Financing to the Real Economy) ha registrato un altro lieve rallentamento toccando un minimo a 9,8% a/a da 9,9% in novembre a causa del continuo calo dei prestiti in valuta estera e delle altre categorie di finanziamenti non bancari.

L’impulso del credito è stato ancora in calo e negativo nel 4° trimestre prefigurando un rallentamento dell’economia nel 1° trimestre e al massimo una stabilizzazione nel 2° trimestre. Gli stimoli monetarie e fiscali annunciati a cavallo d’anno dovrebbero poi favorire una moderata ripresa nella seconda metà dell’anno.

Fonte: BONDWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: – Francia indice di fiducia dei consumatori in calo

Redazione

Intesa Sanpaolo: – Italia Premier comunicherà intenzione di dimettersi.

Redazione

Intesa Sanpaolo: – Germania correzione IFO

Redazione