BondWorld.it
Intesa SanPaolo Indice ISM

Intesa Sanpaolo: Francia indice di fiducia imprese

Intesa Sanpaolo – Francia. L’indice di fiducia delle imprese manifatturiere elaborato dall’INSEE è atteso in calo a novembre a 98 da 99, sulla scia di una correzione dell’attività corrente nel settore trasporti………

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


Il morale nel comparto aveva raggiunto un picco a inizio anno e ora si sta progressivamente deteriorando al di sotto della media storica, pur rimanendo più resiliente rispetto a quello di altri paesi dell’eurozona.

– Area euro. L’indice di fiducia dei consumatori potrebbe risalire a novembre a -7,2, riassorbendo in parte l’ampio calo di ottobre.

Per il momento, la tendenza dovrebbe restare di lieve flessione, come effetto del peggioramento delle condizioni del mercato del lavoro. La correzione di ottobre era stata diffusa a livello geografico, ma più marcata in Spagna, a causa dell’incertezza politica.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti

– L’indice della Philadelphia Fed a novembre è atteso in rialzo a 7 da 5,6 di ottobre.

L’indagine aveva registrato un netto deterioramento il mese scorso, pur restando in territorio espansivo e mantenendo aspettative di crescita moderata sull’orizzonte a 6 mesi.

Il manifatturiero dovrebbe essere in modesto miglioramento nella parte finale del trimestre, grazie alla fine dello sciopero GM e alla tregua sul fronte della guerra dei dazi.

– Le vendite di case esistenti a ottobre dovrebbero aumentare a 5,51 mln di unità ann., da 5,38 mln, alla luce di indicazioni positive dei contratti di compravendita, in rialzo ad agosto e settembre, dopo una contrazione a luglio.

I dati dovrebbero più che compensare la correzione di settembre e confermare il trend positivo delle vendite in atto da fine 2018 sulla scia del calo dei tassi sui mutui.

La ripresa del settore immobiliare residenziale dà indicazioni positive anche per la crescita dei consumi nei prossimi trimestri.

Intesa Sanpaolo – I dati e gli eventi di ieri

La Commissione Europea ha presentato la sua opinione formale sui Documenti Programmatici di Bilancio 2020 presentati dai governi.

Ben otto Paesi sono giudicati a rischio di deviazione significativa dal percorso di aggiustamento verso l’obiettivo di medio termine: Francia, Italia, Spagna, Belgio, Portogallo, Finlandia, Slovenia e Slovacchia.

La distanza dal Medium Term Objective sul saldo strutturale è pari al 3,2% del PIL per la Spagna, al 3% per l’Italia, al 2,4% per il Belgio e al 2,2% per la Francia.

Per questi Paesi, la Commissione rileva anche il rischio di mancato rispetto della regola di riduzione del debito, e la deviazione è ampia nel caso dell’Italia.

Al contrario, Germania e Olanda hanno spazio fiscale e, secondo il Vice Presidente Dombrovskis, dovrebbero usarlo in misura maggiore di quanto non stiano facendo.

I Paesi che rispettano pienamente le regole del Patto di Stabilità e Crescita, oltre a Germania e Olanda, sono Irlanda, Grecia, Cipro, Lituania, Lussemburgo, Malta e Austria, mentre per Estonia e Lettonia si rileva un rispetto “di massima” delle prescrizioni del Patto.

L’opinione della Commissione sarà discussa dall’Eurogruppo il prossimo 4 dicembre.

Intesa Sanpaolo – BCE. Lane (membro del comitato esecutivo BCE), in un’intervista pubblicata ieri ha notato un maggiore ottimismo sull’evoluzione delle guerre commerciali e l’eliminazione dell’incertezza riguardo a Brexit, almeno nel breve termine.

Inoltre, ha sottolineato la resilienza dell’economia europea a fronte della contrazione dell’attività manifatturiera.

Riguardo alle politiche economiche, ha invitato a non concentrarsi esclusivamente su quelle di bilancio, allargando lo sguardo a misure con effetti strutturali di lungo termine.

Lane ha anche argomentato che la diversificazione dei portafogli di titoli di stato delle banche potrebbe fare pochissima differenza per gli emittenti, se tutte le banche dell’Eurozona la perseguissero.

Intesa Sanpaolo – BCE. La Financial Stability Review pubblicata giovedì dalla Banca Centrale Europea rileva che il regime di bassi tassi di interesse potrebbe incoraggiare un’eccessiva assunzione di rischi da parte di operatori finanziari non bancari, delle società non finanziarie più indebitate (che mostrano un forte aumento della leva finanziaria) e nell’intermediazione immobiliare.

La FSR rileva anche un ulteriore peggioramento delle prospettive per la redditività delle banche.

Allo stesso tempo, tuttavia, i bassi tassi di interesse e le ampie riserve di liquidità mantengono su livelli molto contenuti i rischi di insostenibilità del debito delle imprese non finanziarie (con l’eccezione del comparto high-yield) e delle famiglie, sebbene con differenze fra paesi.

Il rapporto stima una sopravvalutazione media del 7% della proprietà immobiliare residenziale nell’Eurozona, con le maggiori vulnerabilità in Olanda, Lussemburgo, e Austria, ma ampia sopravvalutazione anche in Francia, Portogallo e Spagna.

Italia. La produzione nelle costruzioni è calata per il secondo mese a settembre, di -0,3% m/m dopo il -0,2% m/m di agosto.

Su base annua (corretta per gli effetti di calendario) l’output è aumentato di 0,3%, in rallentamento da 2,1% precedente.

Si tratta dell’ottavo mese consecutivo di espansione, ma al rimo più basso dallo scorso gennaio.

Nel trimestre la produzione è comunque crescita, sia pure lievemente (0,1% t/t), dopo il forte calo dei mesi primaverili (-2,4% t/t).

In sintesi, dopo il balzo d’inizio anno, legato anche a fattori meteorologici, e la correzione successiva, il settore appare in una fase di sostanziale stagnazione.

I livelli della fiducia dei costruttori, sia pure in calo a ottobre, restano comunque coerenti con una ripresa della fase espansiva.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. Trump ha affermato ieri che la Cina non ha ancora offerto le condizioni necessarie a concludere un accordo per la fase 1 dei negoziati.

Il presidente ha detto che in caso di rialzo dei dazi annunciati per il 15 dicembre, potrebbe esentare i cellulari prodotti da Apple in modo da non penalizzare la società rispetto ai suoi concorrenti (in particolare Samsung) che hanno delocalizzato la produzione di cellulari fuori dalla Cina.

Il vice-premier cinese Liu He ha dichiarato di essere “cautamente ottimista” sulla possibilità di raggiungere un accordo con gli USA.

Stati Uniti. I verbali della riunione del FOMC di ottobre sono in linea con le informazioni già emerse nei discorsi dell’ultimo mese e confermano la presenza di opinioni miste riguardo al taglio attuato a ottobre.

Oltre ai due dissensi espliciti nel voto, un paio di partecipanti hanno sollevato dubbi sulla decisione e “alcuni” erano preoccupati per possibili ricadute negative sulla stabilità finanziaria.

Come atteso, i verbali riportano invece ampio consenso sullo scenario per i tassi futuri: pausa e bias espansivo. I punti principali sono due.

– Da un lato, “la maggior parte dei partecipanti riteneva che la stance di politica monetaria, dopo la riduzione di 25 pb a quella riunione, fosse ben calibrata per supportare lo scenario di crescita moderala, mercato del lavoro forte e inflazione stabile”.

Quindi, l’implicazione è che i tassi entrano in una fase di pausa.

– Dall’altro, i rischi per lo scenario associati alla crescita economica globale e al commercio internazionale erano ancora ritenuti “significativi”, nonostante alcuni sviluppi incoraggianti sia sul fronte geopolitico e su quello del commercio.  “

Molti” partecipanti continuavano a ritenere i rischi per lo scenario “elevati”. Pertanto, il bias è per tassi potenzialmente in calo. I verbali riportano opinioni diverse.

– I verbali dedicano spazio a due altri temi di medio termine: la gestione delle tensioni sulla liquidità e la discussione sugli strumenti di politica monetaria.

Sul primo punto, lo staff ha riportato due possibili approcci.  Il primo, in linea con gli interventi attuati finora, prevede l’utilizzo di regolari operazioni temporanee di rifinanziamento, il secondo è basato invece sull’introduzione di una “standing repo facility” che offrirebbe un accesso continuo alla liquidità e permetterebbe un controllo più preciso sui tassi.

Questo approccio trova “molti” partecipanti favorevoli (per esempio Bullard), ma anche alcuni dubbiosi nel timore che si possa associare all’utilizzo di questo meccanismo di finanziamento uno stigma analogo a quello associato alla finestra di sconto.

Inoltre, “molti” ritenevano che una standing facility potesse essere inutile una volta raggiunto un livello adeguato di riserve.

Per ora non è stata presa nessuna decisione al riguardo e le discussioni proseguiranno, senza indicazioni di una data per una eventuale decisione definitiva.

La scelta di intervenire con acquisti di 60 mld al mese di T-bills fino a metà 2020 per aumentare rapidamente le riserve è stata condivisa da molti partecipanti, anche se altri avrebbero preferito acquisti più contenuti.

– Per quanto riguarda la revisione degli strumenti di politica monetaria, si mantiene un ampio consenso sull’efficacia di diverse forme di forward guidance.

La discussione ha riguardato anche diversi tipi di politica del bilancio, con un generale consenso sul fatto che potrebbero essere efficaci.

Intesa Sanpaolo – Il Comitato appare unito nel ritenere non opportuno l’utilizzo di tassi negativi.

Si sono anche discussi i pro e contro del controllo della curva dei rendimenti, con obiettivi sui tassi a breve e/o a lungo termine.

Anche se alcuni considerano positivamente la possibilità di annunciare obiettivi sui tassi a breve, molti sottolineano gli aspetti negativi del controllo dei tassi a lungo termine.

– In conclusione, dai verbali emerge consenso per la pausa in corso e per il monitoraggio dei rischi, prevalentemente verso il basso.

Per quanto riguarda le questioni più strutturali (gestione della liquidità, revisione della politica monetaria) le discussioni proseguiranno probabilmente per tutto il primo semestre 2020.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: Germania inflazione in  drastico  calo

Redazione

Intesa Sanpaolo: Francia indice di fiducia in crescita

Redazione

Intesa Sanpaolo: Stati Uniti fiducia dei consumatori corregge

Redazione