BondWorld.it

Intesa SanPaolo. Francia. prezzi al consumo aumentati

Intesa SanPaolo – Francia. La stima preliminare dovrebbe indicare che a maggio i prezzi al consumo sono aumentati di 0,3% m/m su entrambe le misure (da 0,3% m/m precedente sull’indice nazionale e 0,4% m/m sull’armonizzato)…….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


L’inflazione annua è vista in rallentamento a 1,1% da 1,3% sull’indice nazionale e a 1,2% da 1,5% su quello armonizzato. Nella parte centrale dell’anno il CPI è atteso accelerare verso 1,5%.

– Francia. La spesa per consumi è vista in stagnazione ad aprile in linea con le indagini di fiducia del mese, che avevano suggerito una stabilità del morale delle famiglie.

Le immatricolazioni di nuove auto sono aumentate dell’1,7% m/m da 0,2% m/m di marzo: i rischi sulla previsione sono quindi verso l’alto. La variazione annua tornerebbe in territorio positivo (a +0,2% da 1,9%).

I consumi risulterebbero in rotta per una contrazione di -0,2% t/t nel 2° trimestre, dopo il +0,2% t/t del 1° trimestre. Tra maggio e giugno ci aspettiamo un’accelerazione dei consumi.

– Francia. La stima finale dovrebbe confermare che nel 1° trimestre il PIL è avanzato di 0,3% t/t, stesso ritmo registrato a fine 2018. La variazione annua dovrebbe essere anch’essa confermata all’1,1% (dall’1% precedente).

Il contributo della domanda interna (0,3) è stato determinante per il dato del 1° trimestre, in quanto la debolezza del canale estero ha agito da contrappeso all’accumulo di scorte.

Per il trimestre in corso prevediamo un’accelerazione del PIL allo 0,4% t/t, grazie all’espansione dei consumi interni. In media annua il PIL è atteso in crescita dell’1,4% (dall’1,6% del 2018).

Intesa SanPaolo – Germania. Il tasso di disoccupazione è sui minimi storici al 4,9%, difficilmente potrà calare ancora. Il mercato del lavoro tedesco è al pieno impiego.

Il rallentamento del manifatturiero potrebbe inoltre cominciare ad avere conseguenze sulla dinamica occupazionale nella seconda metà dell’anno.

– Italia. La fiducia di famiglie e imprese potrebbe calare ancora a maggio. Il morale delle famiglie è visto deteriorarsi per il quarto mese consecutivo, a 110 da 110,5 precedente; sarebbe un minimo da quasi due anni.

L’indagine di aprile mostrava un peggioramento generalizzato; sembrano avere margini di aumento in particolare le attese sulla disoccupazione.

Le prime erogazioni relative a reddito e pensioni di cittadinanza non dovrebbero aver inciso sulla fiducia, vista l’esiguità del numero di nuclei famigliari che ne ha beneficiato.

L’indice composito di fiducia delle imprese potrebbe flettere a 98,5 da 98,7 precedente.

Ci attendiamo un’ulteriore diminuzione, sia pur contenuta, nel manifatturiero (a 100,4 da 100,6) e una correzione più significativa nelle costruzioni (dopo che il mese scorso era stato toccato un massimo da 12 anni), mentre si potrebbe vedere un rimbalzo, dopo il vistoso calo di aprile, nei servizi e nel commercio.

In ogni caso, i livelli delle indagini sono ancora coerenti con una sostanziale stagnazione dell’attività economica.

Intesa SanPaolo – I dati e gli eventi di ieri

Area euro. Dopo mesi di continue ribassi, l’indice ESI della Commissione Europea è inaspettatamente rimbalzato in maggio, salendo di 1,22 punti a 105,1.

Il miglioramento è il risultato di un solido guadagno di fiducia nell’industria (+1,4 punti a -2,9) e di un piccolo aumento nei servizi.

L’indagine evidenzia migliori prospettive per i prossimi mesi, con aspettative che salgono a 7.4 da 3.5.

Tuttavia, gli ordini esteri continuano a scendere rapidamente.

Le imprese hanno segnalato un netto peggioramento dell’andamento della produzione negli ultimi mesi.

Nei servizi il miglioramento dell’umore è ampiamente spiegato dai guadagni in Spagna e Francia che hanno compensato il calo in Germania e Italia.

La domanda dovrebbe migliorare nei prossimi mesi anche in Germania e in Italia.

Nel commercio al dettaglio, la fiducia è rimasta invariata con l’aumento delle scorte e le aspettative per i prossimi mesi sono diminuite.

Il morale delle costruzioni è diminuito di 2,4 punti, ma rimane ampiamente al di sopra della media a lungo termine.

Nel 2019T2, il valore medio dell’indice di fiducia (105,4) è in lieve flessione rispetto al primo trimestre (106), segnalando un possibile rallentamento della crescita.

Intesa SanPaolo – Area euro. La crescita di M3 è lievemente accelerata in aprile da 4,6 a 4,7% a/a.

Fra le contropartite di M3, la BCE segnala un’accelerazione dei crediti alle imprese non finanziarie da 3,6 a 3,9%, e alle famiglie da 3,3 a 3,4%.

Il contributo all’espansione del credito che viene dalle passività del settore pubblico è calato ulteriormente.

Italia. Il leader della Lega, Salvini, ha indicato che il partito intende richiedere nell’ambito della manovra 2020 una riforma dell’imposta sui redditi, con introduzione di un’aliquota unica del 15% sui redditi fino a 50mila euro, il cui costo ha indicato in 30 miliardi di euro.

Le coperture arriverebbero da non precisati “tagli di spesa”.

Nei giorni scorsi, altri esponenti della Lega avevano prospettano il taglio di deduzioni e detrazioni fiscali.

Tuttavia, per evitare un aumento del deficit il governo avrebbe dovuto anche o aumentare le imposte indirette per 23 miliardi, o trovare coperture alternative. Il programma di riforma tributaria, quindi, più che raddoppia le esigenze di copertura.

È facile prevedere che una parte arriverà da ottimistiche proiezioni di accelerazione della domanda interna come effetto dello stimolo fiscale.

Salvini ha detto anche di non capire perché i tassi sul debito della Germania sono negativi, mentre quelli sul debito italiano sono al 2%, sostenendo che la BCE dovrebbe avere il ruolo di “garante del debito”.

Intanto, potrebbe arrivare già questa settimana una lettera di avvertimento della Commissione Europea per grave violazione delle regole fiscali; in tal modo, l’Italia avrebbe due giorni di tempo per rispondere; quindi, mercoledì della prossima settimana la Commissione pubblicherebbe la raccomandazione specifica e potrebbe anche proporre l’avvio di una procedura di infrazione (che però non è ancora scontata).

Unione Europea. Non c’è accordo fra i governi sulla scelta del prossimo presidente della Commissione Europea. Mentre il governo tedesco sostiene Weber, leader del PPE, Macron ha fatto i nomi di Vestager, Barnier o Timmermans.

Francia. A maggio, la fiducia dei consumatori è migliorata oltre le attese, a 99 da 96 di aprile. L’indagine indica un miglioramento della condizione futura attesa e una nuova risalita della propensione al consumo.

Anche la capacità di risparmio è giudicata in aumento.

Cala sensibilmente il timore di un aumento della disoccupazione, così come calano anche i timori di un’inflazione eccessiva.

Nel complesso nel trimestre in corso l’indice di fiducia dei consumatori sta migliorando a 97,5 da 94,3, confermando che il periodo passeggero di rallentamento dei consumi è stato un fenomeno temporaneo.

Stati Uniti. La fiducia dei consumatori rilevata dal Conference board a maggio aumenta più delle attese a 134,1da 129,2 di aprile, confermando la netta ripresa vista con la stima preliminare della fiducia nell’indagine dell’Univ. of Michigan.

I dati de Conference Board mostrano un solido rialzo delle aspettative da 102,7 a 106,6, massimo da novembre 2018.

La spinta all’aumento dell’indice complessivo è in gran parte dovuta anche al balzo della situazione corrente, da 169 a 175,2,

La valutazione del mercato del lavoro migliora a maggio, e le aspettative di inflazione segnano un ritracciamento, a 4,4% da 4,6%.

I dati sono in linea con la previsione di netta riaccelerazione dei consumi nel 2° trimestre, verso ritmi di crescita marginalmente al di sopra del 3% t/t ann., e indicano che per ora le famiglie non risentono delle tensioni commerciali con la Cina.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: Area euro stima flash HICP

Falco64

Intesa Sanpaolo: Area euro stima PIL senza variazioni

Falco64

Intesa Sanpaolo: Area euro produzione industriale in calo

Falco64