BondWorld.it
Intesa SanPaolo Falsh Macro Daily

Intesa Sanpaolo: Germania crollo produzione

Intesa Sanpaolo – Germania. A marzo, il dato destagionalizzato e corretto per gli effetti di calendario sulla produzione industriale ha registrato un crollo del -9,2% m/m, da +0,3% precedente, il calo più pesante dal gennaio 1991 …

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


Sull’anno, la produzione è diminuita del -11,6% a/a da -1,8% a/a di febbraio. Come già segnalato dal rapporto sugli ordinativi, la contrazione è trainata dal comparto automobilistico (-31,1% m/m) e dai beni di investimento (-16,5%), dati che riflettono la chiusura precauzionale di molti stabilimenti.

La contrazione della produzione è stata più limitata per gli intermedi (-7,4%) e i beni di consumo (-7,5%). Anche la produzione di energia è scesa (-6,4% m/m), mentre le costruzioni hanno registrato, in controtendenza, una crescita del +1,8% m/m. Ad aprile la fiducia economica è caduta a minimi storici, e la produzione dovrebbe essere stata ancora in flessione.

– Francia. La produzione industriale è attesa crollare di oltre il 20% m/m a marzo. La rilevazione di marzo è soggetta a un livello eccezionale di incertezza a seguito delle misure di confinamento adottate dal governo dal 15 marzo.

In media mensile, nell’industria la sospensione dell’attività si sarebbe aggirata attorno a 5 giorni (la forchetta va però da 1 a oltre 8 giorni a seconda dei settori secondo i dati raccolti nell’ultima settimana di marzo). La variazione annua dell’output precipiterebbe a -22,2%, la variazione trimestrale a -7,4% t/t.

– Stati Uniti. Le nuove richieste di sussidio di disoccupazione nella settimana conclusa il 2 maggio dovrebbero essere intorno a 3,2 mln, da 3,8 mln della settimana precedente.

I sussidi continuativi nella settimana conclusa il 25 aprile dovrebbero toccare i 20 mln.

I dati e gli eventi di ieri

Area euro. Il dato finale del PMI servizi di aprile ha segnato un nuovo crollo da 26,4 a 12,0 (tre decimi in più rispetto alla stima flash). Si tratta del peggior risultato dal luglio del 1998, ed ha coinvolto, con riferimento alle componenti dell’indice, soprattutto l’attività corrente, scesa a 11,7 da 24,0 precedente.

Anche l’indice dell’occupazione è diminuito per il secondo mese consecutivo ed al tasso più severo in quasi 22 anni di analisi; al contrario, le aspettative hanno mostrato un aumento, seppur leggero. Lo spaccato per Paesi vede, come nel caso del manifatturiero, Francia, Italia e Spagna registrare un valore al disotto della media dell’Eurozona, mentre la Germania subisce una flessione meno severa.

Inoltre, Italia, Spagna e Francia hanno segnato i valori peggiori sia dell’attività che dei nuovi ordini, mentre la perdita di posti di lavoro è stata particolarmente forte in Spagna. Il PMI composito dell’area euro ha toccato anch’esso il minimo da luglio del 1998, passando a 13,6 da 29,7 precedente, con un rialzo di un decimo rispetto alla stima flash.

L’indagine congiunturale di aprile risente pienamente degli effetti negativi del COVID-19, derivanti dalle azioni intraprese per limitare l’impatto della pandemia.

Area euro. Le vendite al dettaglio di marzo sono crollate del -11,2% m/m, dopo il +0,6% m/m di febbraio, per effetto delle misure restrittive adottate dalla seconda metà del mese per combattere il contagio di COVID-19. 

Il calo ha coinvolto soprattutto i beni non alimentari, che hanno visto una flessione del -23,1% m/m in marzo.

Lo spaccato per Paesi vede Francia (-17,4% m/m) e Spagna (-14,4% m/m) registrare un valore al disotto della media dell’Eurozona, mentre la Germania (-5,6% m/m) ha subito una flessione meno severa. Sull’anno, le vendite sono scese del -9,2% a/a dal +2,5% a/a di febbraio.

I consumi sono visti in drastico calo anche ad aprile, sulla scia dell’impatto negativo sulla domanda della pandemia di COVID-19.

Area euro. Nelle previsioni economiche pubblicate ieri la Commissione Europea prevede quest’anno una contrazione del PIL di -7,7% a/a, seguita da un rimbalzo di 6,3% a/a nel 2021 se la pandemia resterà sotto controllo malgrado l’allentamento graduale delle restrizioni.

L’impatto sul tasso di disoccupazione è stimato in circa 2 punti percentuali (9,6% nel 2020), riassorbito per circa metà nel 2021.

L’effetto sul saldo di parte corrente è giudicato circa neutrale, mentre il disavanzo del settore pubblico è previsto passare dallo 0,6% del 2019 a 8,5% del PIL nel 2020; anche nel 2021 il saldo aggregato resterebbe sopra la soglia del 3%. La stima 2020 equivale a 942 miliardi di euro di assorbimento di risorse finanziarie, contro i 77 del 2019, di cui 229 in Germania, 222 in Francia e 181 miliardi in Italia.

Per quanto concerne l’inflazione, la Commissione valuta che gli effetti di domanda e il calo del prezzo del petrolio prevalgano su eventuali altre spinte al rialzo legate allo sconvolgimento delle catene del valore e al calo della produttività dovuto alle misure di distanziamento sociale: la stima è di +0,2% nel 2020 e 1,1% nel 2021.

Germania. A marzo, i nuovi ordinativi sono calati di -15,6% m/m e -16,0% a/a, toccando così il minimo storico. Il crollo è dovuto principalmente alla caduta dei beni di investimento (-22,6% m/m), mentre hanno registrato una flessione meno severa i beni intermedi (-7,5% m/m) ed i beni di consumo (-1,3% m/m).

La contrazione degli ordini esteri (-16,1%) è stata di poco superiore a quella degli ordini interni (-14,8%); fra quelli esteri, la contrazione degli ordini dal resto dell’Eurozona è risultata più intensa (-17,9%), perché riflette la maggiore intensità delle misure di contenimento pandemico.

Il calo del fatturato è stato inferiore (-11,5% m/m), ma sempre di proporzioni eccezionali. Da metà marzo la Germania è stata interessata da un confinamento parziale; molte imprese hanno optato per la sospensione volontaria dell’attività produttiva, anche perché la domanda risultava debole. 

Di conseguenza, lo spaccato per settori vede la componente auto subire il peggior calo (-29,4%), seguita dalla produzione di macchinari (-16,4% m/m), mentre il settore farmaceutico ha segnato un aumento dei nuovi ordini del +3,8% m/m. La situazione è migliorata di poco soltanto dopo Pasqua, e quindi anche i dati aprile saranno molto deboli.

Italia. Le stime di crescita della Commissione Ue (contenute nelle “Previsioni Economiche di Primavera”) sono più negative di quelle del governo per il 2020 (-9,5% contro -8%), ma vedono un rimbalzo più marcato l’anno prossimo (6,5% contro 4,7%).

Le proiezioni di finanza pubblica sono più pessimistiche di quelle del DEF sia sul deficit 2020 (visto a 11,1% contro 10,4% del governo, mentre la stima 2021 è quasi allineata), sia sul debito nell’intero biennio (stime contenute nelle “Previsioni Economiche di Primavera”: 158,9% nel 2020 e 153,6% nel 2021; proiezioni governative: 155,7% e 152,7%, rispettivamente). Condividiamo l’idea della Commissione che, rispetto allo scenario delineato dal governo, i rischi sulla crescita siano verso il basso quest’anno e verso l’alto l’anno prossimo, e che i rischi sul debito siano al rialzo su tutto l’orizzonte previsivo.

Italia. L’indice PMI servizi è sceso ulteriormente ad aprile, dopo essere già crollato a marzo, toccando un nuovo minimo storico a 10,8 (da 17,4 precedente). L’indice sui nuovi affari ha raggiunto il livello senza precedenti di 9,1 (da 13,8 di marzo).

Viceversa, le aspettative sui nuovi affari hanno mostrato un recupero, a 44,5 da 35,6. L’occupazione nei servizi è anch’essa ai minimi storici (35,1 da 41,7 precedente).

Spagna. Le previsioni economiche della Commissione Europea (contenute nelle “Previsioni Economiche di Primavera”) prevedono quest’anno una contrazione del PIL di -9,4% a/a, seguita da un rimbalzo di +7,0% a/a nel 2021 se la pandemia resterà sotto controllo malgrado l’allentamento graduale delle restrizioni.

L’impatto sul tasso di disoccupazione è stimato in un aumento di +4,8 punti percentuali (18,9% nel 2020), riassorbito per poco meno di 2 punti nel 2021.

Il disavanzo del settore pubblico è previsto passare dal 2,8% del 2019 a 10,1% del PIL nel 2020, con il debito che dovrebbe superare la soglia del 115% del Pil; anche nel 2021 il deficit resterebbe alto, a 6,7%.

Per quanto concerne l’inflazione, la Commissione prevede una stagnazione dei prezzi per il 2020, ed una crescita dell’1,0% per il prossimo anno.

US Covid-19 update

– Contagi 1228603, nuovi contagi 24300, decessi 73431, guarigioni 189910 (Fonte: JHU)

– Barkin (Richmond Fed) ha detto che a suo avviso l’attuale contrazione sarà seguita da una ripresa probabilmente lenta e incerta.

Barkin ha sottolineato che le misure fiscali messe in atto sono indispensabili, ma ha anche indicato i rischi collegati al massiccio rialzo del debito pubblico associato. Secondo Barkin, il trend del debito/PIL, previsto oltre il 100% a fine anno, in futuro dovrà essere invertito attraverso una combinazione di minore spesa, maggiore crescita e maggiori entrate per evitare un eventuale aumento del costo degli interessi.

Kaplan (Dallas Fed) ha detto che la contrazione del PIL nel 2° trimestre potrebbe essere intorno a -25/-30% t/t ann., con la disoccupazione che potrebbe toccare il 20% e calare solo gradualmente verso il 10% a fine anno.

Kaplan ha affermato che in questo contesto la politica monetaria dovrà esser molto accomodante “per un periodo esteso di tempo” e che la Fed farà “quello che deve fare” in termini di allentamento monetario.

– Il Tesoro ha comunicato che aumenterà la dimensione delle aste, in particolare sulle scadenze lunghe, e ha annunciato che emetterà 20 mld del nuovo titolo a 20 anni (in emissione il 20/5/2020), mentre prevede di mantenere un ammontare ampio di liquidità sul conto presso la Fed, pari a circa 800 mld a fine giugno, circa il doppio di quanto atteso a febbraio.

L’indebitamento complessivo dovrebbe aumentare di 2,99 tln nel 2° trimestre. Le indicazioni del Tesoro puntano a un cambiamento della distribuzione delle emissioni nette viste nell’ultimo mese e mezzo, quando le necessità di finanziamento erano state coperte prevalentemente con T-bill (in aumento di 1.37 tln da fine marzo), che hanno superato il 20% del debito totale.

– Un’analisi della NY Fed valuta l’allocazione dei fondi del Paycheck Protection Program (PPP) istituito con il CARES Act e mirato a erogare credito alle piccole imprese per sostenere le spese per il personale e la gestione ordinaria (affitti, utility).

Il programma entro due settimane dall’apertura ha esaurito i fondi (349 mld) e il Congresso ha approvato recentemente un’espansione di 310 mld.

– In che area geografica vanno i prestiti? L’analisi usa il numero di contagi come proxy per l’impatto dell’epidemia per area e rileva che il numero di prestiti erogati non è correlato alla severità dell’epidemia. Per esempio, solo il 20% delle piccole imprese nello stato di NY ha ricevuto prestiti dal PPP, mentre in altri stati meno colpiti la percentuale di imprese con prestiti accettati supera il 40%.

Un risultato analogo si ottiene usando il numero di richieste di sussidi di disoccupazione o i decessi per capita come indicatori della profondità della crisi epidemiologica.

Gli autori rilevano problemi di causalità: il numero di sussidi potrebbe essere più elevato nelle aree in cui i prestiti PPP permettono alle imprese di mantenere attive le buste paga dei loro dipendenti.

Anche il numero di contagi potrebbe essere un indicatore fuorviante della situazione economica, perché in stati, come la California, con misure molto restrittive (e costose economicamente) i contagi potrebbero essere stati tenuti maggiormente sotto controllo.

– Caratteristiche delle imprese che ricevono il credito. Un altro risultato che emerge dall’analisi è che i prestiti sono stati erogati in percentuale maggiore a imprese che avevano già linee di credito bancario, suggerendo che le banche (che poi trasmettono le domande alla Small Business Administration) tendano a privilegiare i clienti esistenti rispetto a quelli nuovi. 

– In quali settori operano le imprese che ricevono i fondi? I dati mostrano un’allocazione prevalente dei fondi a imprese che operano in settori apparentemente più protetti, come le costruzioni (considerate “essenziali” in molti stati), i servizi alle imprese e la sanità, mentre ricevono meno assistenza i settori maggiormente colpiti dall’epidemia (ospitalità e ristoranti).

È possibile che gli operatori nel settore dell’ospitalità ritengano che la contrazione non sia temporanea e abbiano deciso di licenziare e/o chiudere l’attività, oppure ancora che la dimensione del monte salari sia mediamente inferiore a quella di altri settori.

Gli autori concludono che non si può escludere una misallocazione dei fondi del PPP sulla base delle informazioni disponibili, con implicazioni rilevanti per l’efficienza della distribuzione del credito fra imprese e settori. 

– La stima ADP dei nuovi occupati non agricoli privati ad aprile è di -20,236 mln, dopo -27 mila a marzo, in linea con le previsioni. Il calo degli occupati è diffuso a tutte le dimensioni di impresa: piccole imprese,6 mln, medie imprese –5,26 mln, grandi imprese –8,96 mln.

La disaggregazione per settore mostra una contrazione di -4,23 mln per l’industria (-1,67 mln manifatturiero, -78 mila estrattivo, -2,48 mln costruzioni) e un collasso di –16,01 mln nei servizi. All’interno dei servizi, il crollo principale riguarda il comparto di ospitalità e ricreazione (-8,61 mln), ma ampi cali si registrano anche per istruzione/sanità (-971 mila), servizi alle imprese (1,17 mln), finanza (-216 mila), con -1,3 mln negli altri segmenti.

Nella rilevazione ADP sono considerati occupati tutti coloro che risultano dipendenti nel mese, anche se non hanno ricevuto un compenso. Pertanto, potrebbero essere inclusi fra gli occupati anche gli individui “temporaneamente disoccupati” nella definizione dell’indagine dell’employment report, cioè coloro che sono stati messi in aspettativa ma non licenziati.

Il calo degli occupati rilevato dal BLS e in pubblicazione questo venerdì potrebbe essere maggiore rispetto a quello emerso dalla stima AFP, dato che la definizione di occupato richiede un compenso, anche parziale.

Cina. Il PMI del settore dei servizi rilevato da Caixin-Markit è salito da 43 in marzo a 44,4 in aprile, rimanendo in territorio di contrazione, a differenza di quello rilevato dal NBS, salito a 52,1. Le componenti dell’occupazione e degli ordini sono rimaste al di sotto di 50, mentre le aspettative sono salite per il terzo mese consecutivo, portandosi a 57,9, poco al di sotto del livello di dicembre (58,3).

Il dato segnala una debolezza del settore dei servizi molto maggiore di quella del manifatturiero. L’indice composito è salito di quasi un punto portandosi a 47,6.

Cina. Le esportazioni, dopo il calo del 6,6% registrato a marzo, sono salite del 3,5% a/a in aprile mentre le importazioni sono scese di -14,2% dopo il calo limitato all’1% registrato in marzo. In termini cumulati le esportazioni sono scese di -9% a/a nei primi quattro mesi dell’anno mentre le importazioni sono scese del -5,2% a/a.

Le prospettive del commercio estero restano comunque negative data la debolezza della domanda interna che si somma a quella della domanda estera, come si evince dal calo delle componenti degli ordini esteri in tutti i maggiori partner commerciali.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo : Area Euro Rallentamento crescita M3

Redazione

Intesa Sanpaolo : Germania Correzione Indice Ifo

Redazione

Intesa Sanpaolo : Area Euro riunione di politica monetaria

Redazione