BondWorld.it
Intesa SanPaolo Falsh Macro Daily

Intesa Sanpaolo: – Germania indice ZEW dovrebbe migliorare

Intesa Sanpaolo – Germania. L’indice ZEW dovrebbe migliorare nuovamente a gennaio, con l’indice sulle attese stimato a 62 da 55 precedente.

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


L’indicatore sulla situazione corrente è atteso correggere lievemente a -69 rispetto a -66,5 di dicembre. La previsione è soggetta a rischi verso il basso a motivo della prospettiva di estensione delle misure restrittive in Germania.

– Italia. Oggi alle 9:30 il Presidente del Consiglio Conte terrà le sue comunicazioni al Senato, seguite da un dibattito, dalla replica del premier, dalle dichiarazioni di voto dei singoli partiti e dalla votazione finale, che inizierà alle 19:30 e il cui esito sarà noto attorno alle 20:30, che chiarirà se il Governo può ancora contare sulla fiducia del Parlamento.

In base alle attese della vigilia, i voti a favore potrebbero essere nella forchetta 155-158, ovvero al di sotto della maggioranza assoluta teorica richiesta (161), ma al di sopra della maggioranza semplice (almeno se i senatori di Italia Viva manterranno la decisione di astenersi). Ieri alla Camera, il Governo ha incassato la fiducia con 321 voti favorevoli (6 più della maggioranza assoluta), contro 259 no e 26 astenuti.

Nelle sue comunicazioni a Montecitorio, il Premier, oltre a rivendicare i risultati del suo esecutivo, si è rivolto alle forze parlamentari di stampo europeista (di matrice liberale, popolare, socialista), invitandole a collaborare all’azione di governo; nessuna apertura è stata fatta in vista di una possibile riconciliazione con Italia Viva, verso cui anzi i toni sono stati piuttosto duri. Conte ha preannunciato che con le forze che rafforzeranno la maggioranza si darà vita a un patto di fine legislatura e a modiche nella compagine ministeriale.

Il premier ha aggiunto che terrà solo per breve tempo l’interim del Ministero dell’Agricoltura (dopo le dimissioni della ministra Bellanova), e che cederà la delega ai servizi di intelligence. Una significativa novità è che il Governo si farà direttamente promotore di una riforma elettorale in senso proporzionale (favorendo anche gli aggiustamenti costituzionali concordati coi partiti di maggioranza).

– Stati Uniti. Oggi si terranno le audizioni presso le commissioni competenti del Senato per la nomina di 5 ministri dell’amministrazione Trump, fra cui Yellen per la posizione di segretario del Tesoro. Yellen dovrebbe delineare una futura azione di governo estremamente espansiva, necessaria per fronteggiare le emergenze sanitaria ed economica ed evitare una spirale recessiva costosissima. Yellen dovrebbe sostenere che, pur senza sottovalutare il peso del debito, “ora, con i tassi di interesse su minimi storici, la cosa migliore da fare è agire in grande”.

Yellen dovrebbe quindi argomentare a favore del pacchetto di stimolo proposto da Biden la scorsa settimana, con misure per 1,9 tln di dollari, utilizzando l’esperienza economica recente, che mostra l’efficacia di azioni di stimolo ampie e tempestive, con rischi contenuti sul fronte del debito in una fase di tassi di interesse vicini a zero. Il debito/PIL, in aumento dal 50% degli anni ’90 al 100% attuale, non ha generato un analogo rialzo del costo degli interessi.

Al contrario, il costo del debito è passato dal 3% circa degli anni ‘90 a poco più dell’1,5% attuale. Sull’utilizzo del debito per finanziare massiccio stimolo fiscale (peraltro parte della strategia di Trump per l’attuazione della riforma tributaria) Yellen troverà opposizione da diversi senatori repubblicani che faranno riferimento al livello del debito/PIL, ora intorno al 100% e su un trend in aumento costante verso il 200% nel più lungo termine. Oltre ai temi dello stimolo fiscale e del debito, Yellen sarà chiamata a dare il proprio parere sul dollaro.

Come riportato in Flash di ieri, Yellen dovrebbe ribadire una politica di neutralità sul cambio, senza spinte al deprezzamento per guadagni di competitività, e sottolineare che il livello del dollaro deve essere determinato dalle forze di mercato. È probabile che la commissione dia parere favorevole alla nomina di Yellen con una maggioranza che dovrebbe avere anche diversi voti repubblicani.

I dati e gli eventi di ieri

Germania. La seconda lettura ha confermato che a dicembre i prezzi al consumo sono saliti di cinque decimi sull’indice nazionale e sei decimi sull’armonizzato, spinti al rialzo dal rincaro dell’energia (+1,7% m/m).

L’inflazione annua è stata quindi anch’essa confermata a -0,3% sull’indice nazionale e a -0,7% sull’indice armonizzato, rispettivamente. Il 2020 si chiude con una variazione dei prezzi al consumo di 0,5%, dopo l’1,4% registrato nel 2019.

Italia. L’inflazione di dicembre è stata rivista al ribasso di un decimo sul NIC, a -0,2% a/a, ed è stata confermata a -0,3% sull’indice armonizzato (in entrambi i casi stabile rispetto al mese precedente). A dicembre i prezzi sono aumentati di due decimi su entrambe le misure. Sono confermate (sull’indice domestico) le forti pressioni al rialzo sui trasporti (+1,6% m/m) e sulle spese per il tempo libero (+2% m/m), a fronte di un calo dei listini alimentari, nelle comunicazioni e nei servizi ricettivi e di ristorazione.

L’inflazione di fondo è stata anch’essa rivista al ribasso di un decimo, a 0,6% a/a, comunque in salita rispetto allo 0,4% di novembre. Il 2020 ha chiuso con una variazione negativa dei prezzi al consumo (è solo la terza volta che ciò accade da quando sono disponibili le serie storiche ovvero dal 1954), pari a -0,2%. Vediamo solo una moderata risalita, a +0,2%, per la media 2021.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: Area euro produzione industriale è attesa in contrazione

Redazione

Intesa Sanpaolo: Germania ZEW atteso in ulteriore ripresa

Redazione

Intesa Sanpaolo: Area euro vendite al dettaglio dovrebbero mostrare un balzo

Redazione