BondWorld.it
Intesa SanPaolo Indice ISM

Intesa Sanpaolo Germania indice ZEW in recupero

Intesa Sanpaolo – Germania. L’indice ZEW sulle attese per i prossimi mesi è visto in recupero a 3 a giugno dopo il calo del mese precedente -2,1……….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


L’indice sulla situazione corrente è atteso invariato a 8,2. Il messaggio dovrebbe essere di pausa dopo una fase di rallentamento prolungata del manifatturiero.

– Area euro. La seconda stima dovrebbe confermare il calo dell’inflazione a 1,2% a maggio dopo la fiammata all’1,7% ad aprile causata dal rialzo dei prezzi dei servizi ricreativi.

L’inflazione core dovrebbe essere confermata in calo di tre decimi all’1,0%.

Nei prossimi mesi, l’inflazione si muoverà lateralmente intorno a 1,2/1,3%. In autunno, è probabile che scenda sotto l’1,0% su di un effetto base sfavorevole.

Altresì a fine anno dovrebbe vedersi un temporaneo aumento dell’inflazione core verso l’1,5%. L

a tendenza di fondo dei prezzi core rimane debole e non prevediamo aumenti significativi neppure nella prima parte del 2020.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. I nuovi cantieri residenziali a maggio dovrebbero essere poco variati a 1,230 mln di unità ann., 1,235 mln di aprile.

I dati di maggio dovrebbero essere influenzati negativamente dal clima avverso del mese scorso, ma mantenere i cantieri sui livelli medi degli ultimi due trimestri, che sono stati caratterizzati da ampia volatilità.

Le licenze di maggio dovrebbero correggere a 1,280 mln da 1,290 mln di aprile, registrando però un recupero nel comparto delle unità monofamiliari.

Intesa Sanpaolo – I dati e gli eventi di ieri

Area euro. Forse, dopo tutto, la bassa disoccupazione ha qualche effetto sulla dinamica salariale.

La variazione del costo orario del lavoro è risalita al 2,4% a/a nel 2019T1, dopo il 2,5% e 2,3% registrati rispettivamente nel terzo e nel quarto trimestre dello scorso anno.

Era dal 2011-12 che non si vedevano livelli così alti.

Per la prima volta da un anno, la crescita è maggiore per la componente salariale (2,5%) e minore per quella non salariale (2,2%), cioè contributi e imposte.

Fra le maggiori economie, la dinamica del costo del lavoro è superiore alla media in Francia, Italia, Spagna e Germania; inferiore in Belgio e, soprattutto, Olanda.

Non si riscontra una significativa differenza settoriale. T

uttavia, l’indicatore ha meno rilevanza in una fase di rallentamento prolungato come quella in corso, e che inizia a incidere sulla crescita dell’occupazione.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. L’indagine Empire della NY Fed a giugno sorprende verso il basso, con un calo in territorio negativo, a -8,6 da +17,8 di maggio.

Tutta l’indagine mostra ampia debolezza: nuovi ordini a -12 da 9,7, ordini inevasi a -15,8 da 2,1, consegne a 9,7 da 16,3, occupati a -3,5 da +4,7.

Anche sull’orizzonte a 6 mesi, gli indici correggono rispetto a maggio, ma restano ampiamente positivi, con quello di attività a 25,7 da 30,6, gli ordini a 27,8, le consegne a 29,2 e gli occupati a 15,6.

La discrepanza fra i dati negativi coincidenti e la relativa tenuta di quelli a 6 mesi può essere dovuta ai timori per l’escalation delle tensioni commerciali con la Cina e il Messico e segnala quanto le preoccupazioni per i dazi possano diventare self-fulfilling , anche prima dell’effettiva entrata in vigore di nuove misure restrittive.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: – Area euro stima flash del PMI manifatturiero

Redazione

Intesa Sanpaolo: – Francia indice fiducia in crescita

Redazione

Intesa Sanpaolo: – Area euro inflazione stabile

Redazione