BondWorld.it

Intesa Sanpaolo: Germania produzione industriale è calata

Intesa Sanpaolo – Germania. La produzione industriale è calata di -0,6% m/m in settembre, calo che si accentua a -1,3% m/m escludendo costruzioni ed energia……….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


La tendenza dell’indice resta perciò negativa, con una contrazione a/a in accelerazione a -4,3% per l’industria nel suo complesso e a -4,6% per il manifatturiero.

Nelle costruzioni, la produzione è cresciuta di 1,8% m/m, più che compensando il calo di agosto.

Il terzo trimestre si chiude con una contrazione di -1,1% t/t per il manifatturiero, inferiore rispetto al 2° trimestre (-1,6%), con una variazione nulla per le costruzioni (che nel 2° avevano registrato una flessione di -0,7%).

L’industria dovrebbe perciò aver tolto circa 2 decimi al PIL tedesco nel 3° trimestre.

– La Commissione Europea pubblica le Previsioni Economiche d’Autunno, che forniranno la base per il giudizio formale di Bruxelles sui Documenti Programmatici di Bilancio inviati dai vari Paesi, che verrà diffuso entro fine mese tenendo conto della risposta dei diversi governi che hanno ricevuto richieste di chiarimenti (Belgio, Finlandia, Francia, Italia, Portogallo, Spagna).

Osservato speciale sarà ancora una volta l’Italia: non dovrebbero esserci grossi scostamenti tra le stime della Commissione e quelle del Governo sul deficit 2020, mentre le differenze saranno rilevanti sulle proiezioni 2021, per le quali Bruxelles non considera le rimanenti clausole di salvaguardia e che pertanto potrebbero mostrare un disavanzo vicino al 3%.

Intesa Sanpaolo – I dati e gli eventi di ieri

Malgrado la marginale ripresa dell’indice manifatturiero, il PMI Globale composito è calato in ottobre da 51,1 a 50,8, il livello più basso dal 2016.

Area euro. Il PMI dei servizi è salito da 51,6 a 52,2 in ottobre, in base ai dati finali pubblicati mercoledì. L’indice è salito in Francia (+1,8 punti a 52,9), Germania (+0,2 punti a 51,6), Italia, mentre è calato in Spagna (-0,6 punti a 52,7).

A seguito delle revisioni di PMI manifatturiero e servizi, il PMI composito risulta ora in aumento di 3 decimi a 51,1.

Il livello dei PMI è coerente con una crescita del PIL dell’Eurozona di 0,1% t/t nel quarto trimestre, con una probabilità di variazione negativa del 25% circa.

Intesa Sanpaolo – Italia. Il PMI servizi è salito per il secondo mese consecutivo a ottobre, a 52,2 da 51,4 di settembre. Si tratta di un massimo da marzo.

Il consenso si attendeva un calo (la nostra previsione era per una salita più moderata, a 51,6). I

l miglioramento riguarda in particolare i nuovi affari, gli affari esistenti e l’occupazione (quest’ultima ai massimi dal 2007).

Di conseguenza il PMI composito è aumentato a sorpresa (anch’esso per il secondo mese), a 50,8 da 50,6 precedente. L’indagine è coerente con il marginale incremento del PIL visto negli ultimi 4 trimestri.

Stati Uniti. La produttività nel 3° trimestre è calata di -0,3% t/t ann. (1,4% a/a), con un aumento di output di 2,1% t/t ann., più che compensato dalla crescita delle ore lavorate (+2,4% t/t ann.).

Il costo del lavoro per unità di prodotto accelera, e aumenta di 3,6% t/t ann., sulla scia di una variazione delle retribuzioni orarie di 3,3% t/t ann.

L’aumento di produttività visto a inizio anno si è dissipato nel 3° trimestre con la ripresa della dinamica occupazionale a fronte di una variazione di output circa in linea con quella della primavera.

Stati Uniti. Informazioni non ufficiali sulla tempistica di un eventuale accordo per la fase 1 dei negoziati USA-Cina indicano che è improbabile una conclusione entro novembre, con uno slittamento di un possibile incontro fra i due presidenti non prima di dicembre, al di fuori degli Stati Uniti, al contrario di quanto era stato affermato recentemente da Trump.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. Altri discorsi dalla Fed segnalano ampio consenso per la pausa sui tassi. Williams (NY Fed) ha affermato che i tagli attuati recentemente sono stati “efficaci nella gestione dei rischi” e ora l’economia è “ben posizionata”, con una politica monetaria moderatamente accomodante.

Secondo Williams al momento non sono previsti altri interventi sulla base dello scenario attuale: da ora in poi la politica monetaria dipenderà dalle informazioni in arrivo e dalle loro implicazioni per lo scenario economico.

Anche Evans (Chicago Fed) concorda sul fatto che la politica monetaria è ora moderatamente accomodante, adeguata ai rischi a cui è soggetta l’economia.

Il presidente della Chicago Fed ritiene che l’economia sia ora “ben posizionata” e non richieda per il momento altri interventi.

Daly (San Francisco Fed) ha affermato che l’economia è “davvero ben posizionata” e che la politica attuale è al “livello giusto”

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: Area euro stima flash HICP

Falco64

Intesa Sanpaolo: Area euro stima PIL senza variazioni

Falco64

Intesa Sanpaolo: Area euro produzione industriale in calo

Falco64