BondWorld.it
Intesa SanPaolo Falsh Macro Daily

Intesa Sanpaolo: Germania seconda stima del PIL conferma la variazione

Intesa Sanpaolo – Germania. La seconda stima del PIL conferma la variazione di 0,0% t/t e 0,3% a/a (non corretto per i giorni lavorativi, 0,4% a/a sulla serie destagionalizzata)………..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


Per quanto riguarda le componenti della domanda, si segnala un ristagno dei consumi privati, un incremento di 0,3% t/t di quelli pubblici e un incremento di 0,6% t/t degli investimenti in costruzioni. Di contro, gli investimenti in macchinari sono scesi di 2,0% t/t.

Negativo il contributo delle esportazioni nette, in quanto le esportazioni sono calate di 0,2% t/t e le importazioni sono cresciute di 1,3% t/t. Nel primo trimestre è atteso un ritorno a una crescita positiva del PIL, pur con le numerose incertezze legate alle conseguenze della COVID-19 sul commercio mondiale.

– Francia. L’indice di fiducia delle imprese manifatturiere elaborato dall’INSEE è visto in marginale crescita a febbraio, stimiamo a 101 da 100 precedente.

In gennaio la produzione industriale potrebbe essersi contratta nuovamente, in particolare nel settore aeronautico, ma il morale delle aziende resta ben impostato, e potrebbe essere coerente con un rimbalzo di attività nel mese corrente.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti

– La fiducia dei consumatori rilevata dal Conference Board a febbraio è prevista in rialzo a 132,5 da 131,6 di gennaio, sulla scia dell’andamento sempre positivo del mercato del lavoro e dei mercati.

Le risposta degli intervistati sono raccolte fino a metà mese, pertanto non includono gli sviluppi recenti legati alla diffusione del COVID-19 al di fuori della Cina e la conseguente correzione dei mercati. L’indagine della Univ. of Michigan ha registrato un rialzo della fiducia nella stima preliminare di febbraio, spinto da un aumento delle aspettative.

L’indice aspettative del Conference Board ha interrotto il calo visto fra agosto e ottobre 2019 ed è tornato su un sentiero di moderata ripresa da novembre, con la riduzione delle tensioni commerciali con la Cina. Le indagini di fiducia recenti non segnalano preoccupazione né per l’epidemia di COVID-19 né per l’incertezza politica pre-elettorale.

Tuttavia, nell’ultimo anno le famiglie hanno mantenuto un tasso di risparmio elevato e al di sopra dei livelli associati in passato con il mercato del lavoro al pieno impiego e con la ricchezza netta in aumento. Pertanto, le informazioni congiunte ricavate dalle indagini, dalla dinamica del reddito da lavoro e dal risparmio indicano un sentiero previsto per la crescita dei consumi compreso fra 2 e 2,5% t/t ann. nel 2020.

Intesa Sanpaolo – I dati e gli eventi di ieri

Germania. Il clima di fiducia misurato dall’Ifo è salito a 96,1 in febbraio, da 96,0 (dato rivisto al rialzo da 95,9) di gennaio.  L’aumento è guidato dal miglioramento delle aspettative, passate a 93,4 da 92,9, mentre l’indice della situazione corrente è sceso a 98,9 da 99,2 (dato rivisto al rialzo da 99,1).

La fiducia nei settori dei servizi, del commercio e delle costruzioni è lievemente diminuita; il manifatturiero ha mostrato un comportamento meno pessimistico rispetto alle altre componenti, come si deduce dal grafico per la Germania.

I valori degli ultimi mesi dell’indice Ifo sono coerenti con un’espansione dell’attività economica nel 1° trim. del 2020, dopo una stagnazione nel quarto trimestre dell’anno precedente.

Inoltre, l’andamento positivo è supportato dagli ultimi dati sul PMI. Il miglioramento è guidato dalla fase1 dell’accordo sui dazi tra Cina ed USA, anche se la ripresa potrebbe rivelarsi di breve durata, spiazzata in parte dagli effetti negativi dell’epidemia di COVID-19. Ci aspettavamo che l’economia riprendesse la crescita dello 0,2% t/t nel 1 ° trim. e dello 0,3% nel secondo, ma i rischi sono fortemente al ribasso.

L’esplosione di casi di COVID-19 in Italia ha dimostrato che il rischio di contagio è elevato anche in Europa; pertanto, allo shock negativo esterno, legato al calo dell’attività economica in Cina, potrebbe aggiungersi una componente interna, legata alla diffusione del COVID-19 nei paesi del vecchio continente.

Il contagio potrebbe trasferirsi dal manifatturiero al settore dei servizi, con un’alta probabilità che il declino e la successiva ripresa seguano un andamento a “V”.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. Mester (Cleveland Fed) ha detto che a suo avviso ora i tassi sono a un livello appropriato, ma monitorerà attentamente gli sviluppi derivanti dalla nuova fonte di incertezza, Mester ha sottolineato che non è opportuno reagire in modo eccessivo alla volatilità dei mercati, che vanno seguiti senza però estrapolare i movimenti di un giorno soltanto.

La Fed valuterà l’evoluzione degli eventi per determinare se eventuali rallentamenti saranno permanenti o temporanei. Kashkari (Minneapolis Fed) ha affermato che al momento la politica monetaria è ben posizionata, pur con gli sviluppi di mercato attuali. Kashkari non vede “urgente necessità” per cambiamenti di policy fino a quando non ci saranno maggiori informazioni.

Per ora i discorsi della Fed si sono mantenuti cauti, ma riteniamo che al prossimo aggiornamento delle proiezioni, alla riunione di metà marzo, il sentiero dei tassi potrebbe spostarsi ancora verso il basso, eliminando almeno il rialzo per il 2021.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: Stati Uniti vendite al dettaglio previste in aumento

Redazione

Intesa Sanpaolo: Stati Uniti PPI ad aprile è atteso in rialzo

Redazione

Intesa Sanpaolo: Area euro rimbalzo della produzione industriale

Redazione