BondWorld.it
Intesa SanPaolo Falsh Macro Daily

Intesa Sanpaolo: Germania ZEW in ulteriore ripresa

Intesa Sanpaolo – Germania. A marzo lo ZEW è atteso in ulteriore ripresa, sulla scia dell’allentamento delle pesanti misure restrittive.

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


L’indice generale è visto a 75,0 da 71,2 punti, mentre l’indice sulla situazione corrente è atteso in miglioramento a -62,5 da -67,2 punti.

– Francia. La stima finale dovrebbe confermare che a febbraio l’inflazione è scesa a +0,4% a/a sull’indice nazionale e a +0,7% a/a sull’armonizzato. Il ribasso deriverebbe dal calo dei prezzi dei beni manifatturieri (-0,5% a/a), per via dei saldi invernali, e dal rallentamento dei servizi e degli alimentari.

Sul mese i prezzi dovrebbero essere confermati in calo di un decimo sull’indice domestico e a crescita zero sull’armonizzato.

– Italia. La seconda stima dei prezzi al consumo di febbraio dovrebbe confermare la lettura preliminare, con un’inflazione in salita a +0,6% a/a da +0,4% precedente sul NIC (con prezzi in aumento di un decimo nel mese) e a +1% da +0,7% sull’indice armonizzato Ue (con listini in calo di -0,2% m/m).

A pesare sul dato di febbraio sarebbe soprattutto la componente energetica, per via dei rincari dei carburanti. Anche l’inflazione “di fondo” dovrebbe essere confermata in salita, a 1% a/a da 0,8% precedente. In prospettiva, l’inflazione è attesa poco variata o in lieve calo nei prossimi mesi (solo nell’ultima parte dell’anno si dovrebbe vedere una ulteriore accelerazione).

– Stati Uniti. Le vendite al dettaglio a febbraio dovrebbero essere in frenata, in parte per via della debolezza del comparto auto (anche a causa del calo di produzione) e in parte per compensare il forte rialzo di gennaio. La variazione attesa è di -0,5% m/m, dopo 5,3% m/m di gennaio. Al netto delle auto, le vendite sono previste stabili su base mensile, dopo 5,9% m/m del mese precedente, grazie a un contributo positivo della benzina e del comparto della ristorazione.

Il previsto rallentamento di febbraio non è preoccupante, alla luce del livello già record del risparmio (20,5% a gennaio) e dell’arrivo entro marzo dei nuovi trasferimenti approvati con l’American Rescue Plan, pari a più del doppio rispetto agli assegni accreditati a gennaio in seguito alla manovra di fine 2020.

– Stati Uniti. La produzione industriale a febbraio è prevista in aumento di 0,2% m/m, dopo 0,9% m/m di gennaio. Il manifatturiero dovrebbe registrare un calo di -0,3% m/m, alla luce dei dati dell’employment report che hanno mostrato un calo delle ore lavorate e del persistente calo di output nel settore auto.

L’estrattivo dovrebbe essere in modesta flessione, mentre le utilities dovrebbero segnare un incremento solido, più che recuperando l’attività persa nella parte centrale del mese per via del maltempo e dei blackout in molte aree del paese.

I dati e gli eventi di ieri

Area euro. Germania, Francia, Italia e Spagna hanno sospeso la somministrazione del vaccino Oxford/AstraZeneca in attesa di valutazioni in merito agli sporadici casi di eventi tromboembolici mortali segnalati nelle ultime settimane in diversi paesi europei. La sospensione rappresenta un altro passo indietro per una campagna vaccinale partita lentamente e condizionata da problemi significativi di approvvigionamento.

L’EMA, che sta indagando sulle segnalazioni, scrive in un comunicato che la frequenza nelle persone vaccinate non sembra essere superiore che nella popolazione in generale e preannuncia una decisione in merito ad eventuali azioni in data 18 marzo (giovedì).

Stati Uniti. L’indice Empire della NY Fed è in risalita a marzo, a 17,4, sui massimi dall’estate scorsa, da 12,1 di febbraio, con indicazioni di ripresa in accelerazione. I nuovi ordini sono poco variati a 9,1, mentre le consegne balzano a 21,1(+17,1) sui massimi da prima della pandemia, e i tempi di consegna aumentano ulteriormente a 11,4 (massimo da un anno). Gli indici del mercato del lavoro sono misti (numero di occupati a 9,4 da 12,1 e settimana lavorativa a 10,9 da 9), ma sempre coerenti con espansione. I prezzi proseguono la marcia verso l’alto, con i prezzi pagati a 64,4 (+6,6) e i prezzi ricevuti a 24,2 (+0,8).

Anche gli indici a 6 mesi sono positivi, con le condizioni generali a 36,4 (+1,5), gli ordini a 37,9 (+2,3), le consegne a 46,5 (+11,4), e un forte rialzo degli occupati a 31,4 (+14,8). Prezzi ricevuti e pagati fra 6 mesi sono attesi a 38,3 e 64,4, rispettivamente. L’indagine segnala quindi ulteriore diffusione della crescita fra le imprese e miglioramento dello scenario, con accelerazione attesa dell’occupazione, in presenza di persistente aumento dei prezzi pagati e ricevuti.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: Area euro produzione industriale è attesa in contrazione

Redazione

Intesa Sanpaolo: Germania ZEW atteso in ulteriore ripresa

Redazione

Intesa Sanpaolo: Area euro vendite al dettaglio dovrebbero mostrare un balzo

Redazione