BondWorld.it
Intesa SanPaolo Indice ISM

Intesa Sanpaolo: Italia produzione industriale in calo

Intesa Sanpaolo – Italia. La produzione industriale è attesa in calo a settembre. Stimiamo una contrazione di 0,2% m/m, dopo il recupero di +0,3% m/m visto ad agosto…………

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


Il contributo dell’energia dovrebbe essere stato negativo. La ripresa dell’export potrebbe aver limitato il calo.

Su base annua, l’output è visto in diminuzione a -2,2% (corretto per i giorni lavorativi), da -1,8% precedente: sarebbe il settimo mese consecutivo in territorio recessivo.

Le indagini hanno iniziato a dare qualche timido segnale di ripresa degli ordini, che potrebbe riflettersi in una minore debolezza dell’attività produttiva nei prossimi mesi.

– Stati Uniti. Festività federale (Veterans’ Day): mercati azionari aperti, mercati obbligazionari chiusi.

I market mover della settimana

Nell’area euro, l’indice ZEW tedesco è visto in ripresa sulla scia dei segnali di recupero del commercio mondiale, aprendo con indicazioni positive la tornata di indagini congiunturali di novembre.

La prima lettura del PIL tedesco nel 3° trimestre dovrebbe mostrare una lieve contrazione dell’economia.

La seconda stima è attesa confermare che nell’Eurozona il PIL ha mantenuto la debole velocità di crociera di 0,2% t/t nel 3° trimestre, e l’inflazione è rallentata a 0,7% a/a a ottobre.

Infine, i dati relativi all’Italia e alla media Eurozona completeranno il quadro dei numeri sulla produzione industriale di settembre: ci attendiamo un calo su base congiunturale in entrambi i casi.

La settimana ha molti dati importanti in uscita negli Stati Uniti, che non dovrebbero modificare il quadro di consumi in crescita moderata, manifatturiero debole e inflazione sotto controllo.

La prima indagine del manifatturiero di novembre dovrebbe confermare la quasi stagnazione del settore.

Fra i dati di attività di ottobre, la produzione industriale dovrebbe registrare un altro ampio calo collegato allo sciopero di GM, mentre le vendite al dettaglio dovrebbero essere in modesto recupero dopo il risultato debole di settembre.

Tutti gli indici di prezzo a ottobre dovrebbero confermare un andamento mediamente moderato, con il CPI core in rialzo di 0,2% m/m.

I dati e gli eventi dei giorni scorsi

Spagna. La formazione di un governo si preannuncia ancora più complicata dopo il voto di domenica.

Il PSOE ha ottenuto soltanto 120 seggi (-3), mentre Unidos Podemos ne ha 35 (-7).

Una maggioranza di sinistra è possibile soltanto imbarcando una numerosa ed eterogenea pattuglia di altri partitini, inclusi i movimenti indipendentisti.

D’altro canto, la pur forte avanzata del Partito Popolare e della destra di VOX non è sufficiente a rendere praticabile un governo di centrodestra.

L’unica altra opzione per formare una maggioranza di governo è l’alleanza fra i partiti tradizionali, PSOE e PP, che disporrebbe di 208 seggi.

Stati Uniti. La fiducia dei consumatori rilevata dall’Univ. of Michigan a novembre (prel.) è poco variata a 95,7 da 95,5 di ottobre.

L’indice corrente corregge a 110,9 da 113,2 e le aspettative aumentano a 85,9 da 84,2.

I dati sono ancora in linea con una espansione dei consumi a ritmi compresi fra 2,5 e 3% t/t ann. nei prossimi trimestri.

Le aspettative di inflazione a 5-10 anni aumentano a 2,4% da 2,3% di ottobre, rimanendo all’interno dell’intervallo di fluttuazione dell’ultimo anno.

Stati Uniti. Il presidente Trump ha dichiarato che gli Stati Uniti non hanno concordato una riduzione di tutti i dazi verso la Cina mentre proseguono i negoziati.

Trump ha affermato che, mentre la Cina vuole un’inversione dei rialzi attuati finora, non ci sarà una piena eliminazione delle misure restrittive.

Le dichiarazioni cinesi degli ultimi giorni, che segnalavano una riduzione dei dazi già attuati in caso di un accordo per la fase 1 dei negoziati, non avevano finora avuto riscontro da fonti americane, a parte lo scetticismo di P. Navarro.

Le parole di Trump indicano che gli USA, come prevedibile, non vogliono dare per scontata la riduzione dei dazi, anche se le difficoltà domestiche del presidente hanno indebolito ampiamente la posizione negoziale degli Stati Uniti.

Stati Uniti. Bostic (Atlanta Fed) ha detto di essere stato contrario all’ultimo taglio dei tassi, dato che era già stata attuata una buona dose di stimolo con i due tagli precedenti e che a suo avviso sarebbe stato opportuno attendere e vedere l’evoluzione dello scenario.

Cina. L’inflazione dei prezzi al consumo è salita oltre le attese (Consenso Bloomberg 3,4% a/a) in ottobre, portandosi a 3,8% a/a da 3,0% a/a in settembre, ancora spinta al rialzo dagli effetti dell’influenza suina sui prezzi della carne di maiale (+101.3% a/a, ormai raddoppiati rispetto all’anno scorso), che trascina verso l’alto tutto il comparto degli alimentari (+15,5% a/a).

Il rallentamento dei prezzi negli altri comparti, e il calo in quello dei trasporti e telecomunicazioni, continua a mantenere bassa l’inflazione core, che è rimasta ferma a 1,5% a/a per il terzo mese consecutivo, e quella al netto dei soli alimentari, rallentata da 1% a/a a 0,9% a/a.

L’inflazione dei prezzi alla produzione è rimasta in territorio negativo a -1,6% a/a da 1,2% a/a in settembre, spinta al ribasso non solo dal calo dei prezzi delle materie prime ma anche da quello del comparto dei beni manufatti e dagli scavi.

L’inflazione continuerà ad essere trascinata al rialzo dall’aumento dei prezzi degli alimentari nei prossimi mesi ma la mancanza di pressioni da domanda manterrà stabile l’inflazione core lasciando ancora intatto lo spazio di manovra per continuare l’allentamento monetario, ulteriormente necessario vista la prosecuzione del calo dei prezzi delle materie prime che rischia di avere un impatto negativo sui profitti delle grandi imprese, e quindi su indebitamento e occupazione.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: Stati Uniti vendite al dettaglio previste in aumento

Redazione

Intesa Sanpaolo: Stati Uniti PPI ad aprile è atteso in rialzo

Redazione

Intesa Sanpaolo: Area euro rimbalzo della produzione industriale

Redazione