BondWorld.it

Intesa Sanpaolo rispetta ampiamente il requisito patrimoniale fissato dalla BCE

Intesa Sanpaolo

Intesa Sanpaolo ha ricevuto la decisione finale della BCE riguardante il requisito patrimoniale da rispettare a partire dal 1° marzo 2019 a livello consolidato, a seguito degli esiti del Supervisory Review and Evaluation Process (SREP)….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente


Il requisito patrimoniale da rispettare complessivamente in termini di Common Equity Tier 1 ratio risulta pari a 8,96% secondo i criteri transitori in vigore per il 2019 e a 9,33% secondo i criteri a regime

A determinare tale requisito concorrono:

– il requisito SREP in termini di Total Capital ratio pari a 9,5%, che comprende il requisito minimo di Pillar 1 dell’ 8%, nel cui ambito il 4,5% in termini di Common Equity Tier 1 ratio, e un requisito aggiuntivo di Pillar 2 dell’ 1,5%, interamente in termini di Common Equity Tier 1 ratio

– i requisiti aggiuntivi, interamente in termini di Common Equity Tier 1 ratio, relativi a:

▫ Capital Conservation Buffer, pari al 2,5% secondo i criteri a regime nel 2019,

▫ O-SII Buffer (Other Systemically Important Institutions Buffer), pari a 0,38% secondo i criteri transitori in vigore per il 2019 e allo 0,75% secondo i criteri a regime nel 2021,

▫ riserva di capitale anticiclica (Countercyclical Capital Buffer), pari a 0,08% (1).

I coefficienti patrimoniali di Intesa Sanpaolo a livello consolidato al 31 dicembre 2018, tenendo conto di circa 3,4 miliardi di euro di dividendi proposti per l’esercizio 2018, risultano pari a:

  • 13,5% per il Common Equity Tier 1 ratio (2) (3) e
  • 17,7% per il Total Capital ratio (2) (3),

calcolati applicando i criteri transitori in vigore per il 2018, e

  • 13,6% per il Common Equity Tier 1 ratio pro-forma a regime (2) (4) e
  • 18% per il Total Capital ratio pro-forma a regime (2) (4).

(1) Calcolata considerando l’esposizione al 31 dicembre 2018 nei vari Paesi in cui è presente il Gruppo e i rispettivi requisiti stabiliti dalle competenti autorità nazionali, relativi al 2019-2020 se disponibili o al più recente aggiornamento del periodo di riferimento (requisito pari a zero per l’Italia per il primo trimestre 2019).

(2) Dopo la deduzione dei dividendi proposti per l’esercizio 2018 e delle cedole maturate sulle emissioni di Additional Tier 1.

(3) Escludendo la mitigazione dell’impatto della prima applicazione del principio contabile IFRS 9, i coefficienti patrimoniali risultano pari al 12% per il Common Equity Tier 1 ratio e al 16,5% per il Total Capital ratio, che diventerebbero rispettivamente 12,5% e 17,1% se si considerasse il Danish compromise (per cui gli investimenti assicurativi vengono trattati come attivi ponderati per il rischio anziché dedotti dal capitale), per il quale è stato avviato il processo di riconoscimento.

(4) Stimato applicando ai dati di bilancio del 31 dicembre 2018 i parametri indicati a regime, considerando l’assorbimento totale delle imposte differite attive (DTA) relative all’affrancamento del goodwill e alle rettifiche su crediti, nonché alla prima applicazione del principio contabile IFRS 9 e al contributo pubblico cash di 1.285 milioni di euro – esenti da imposte – a copertura degli oneri di integrazione e razionalizzazione connessi all’acquisizione dell’Insieme Aggregato di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca e tenendo conto dell’atteso assorbimento delle DTA relative alle perdite pregresse.

Fonte: BONDWorld.it

Articoli Simili

ESG sul mercato obbligazionario nuovo studio Banor SIM

Falco64

Payden & Rygel selezionata per due mandati obbligazionari

Falco64

UniCredit: ben al di sopra dei requisiti patrimoniali specifici stabiliti dalla BCE

Falco64