BondWorld.it
Intesa SanPaolo Falsh Macro Daily

Intesa Sanpaolo: Stati Uniti fiducia dei consumatori corregge

Intesa Sanpaolo – Stati  Uniti. La fiducia  dei  consumatori rilevata  dal  Conference  Board a  luglio dovrebbe correggere  a 93 da  98,1  di  giugno,  sulla  scia  del  deterioramento  del  quadro  sanitario e dell’incertezza sullo scenario del mercato del lavoro e alla luce dell’andamento degli altri indici di fiducia a luglio …

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


Il calo dovrebbe essere causato da contrazioni sia per le aspettative sia per le condizioni correnti. Queste ultime sono state le più colpite dalla pandemia, con un ritorno su livelli che non si vedevano dal 2013. L’indagine dovrebbe riportare preoccupazione per la ripresa dei nuovi contagi e per le prospettive del mercato del lavoro.

Per ora, la fiducia, e quindi anche i consumi, sono stati sostenuti dall’intervento di politica fiscale ma in queste settimane le famiglie subiscono anche gli effetti dell’incertezza sull’estensione di molte misure di sostegno introdotte con il CARES Act e ora vicine alla scadenza.

I dati e gli eventi di ieri

Germania. L’indagine IFO di  luglio sembra  indicare che l’attività economica è entrata nella seconda metà dell’anno con un’intonazione positiva, sulla scia del rimbalzo dell’attività dopo i mesi di confinamento. A luglio, l’indice generale è cresciuto più delle attese, a 90,5da 86,3 di giugno (dato rivisto al rialzo). La sorpresa positiva viene dal netto miglioramento delle aspettative degli operatori, il cui indice sulle attese migliora a 97,0 da 91,6.

L’indice sulla situazione corrente migliora anch’esso, ma meno, a 84,5 da 81,3. Lo spaccato per settori mostra che la risalita più ampia è venuto dal comparto manifatturiero e dal commercio, sebbene i livelli di entrambi i sotti-indici rimangano in territorio negativo.

Le aziende intervistate di entrambi i settori sono ancora piuttosto   pessimiste   in   particolare   a   causa   dei   cambiamenti   in   corso   nel   comparto automobilistico e chimico; a ciò si aggiunge il rinfocolarsi delle tensioni tra Stati Uniti e Cina e del loro impatto sul commercio mondiale. L’utilizzazione della capacità produttiva nel manifatturiero è salita a 74,9% da 70,4%, ma rimane al di sotto della media storica (83,5%). Sevizi e costruzioni hanno segnalato un ulteriore miglioramento del morale. 

Dopo una contrazione del PIL senza precedenti nel secondo trimestre, (-9% t/t), l’economia è vista rimbalzare parzialmente nel quarto estivo (+4% t/t in base alle nostre stime preliminari). In media annua il PIL tedesco è visto in calo del 6,3% nel 2020.

Area  euro. La  crescita  annua  di M3 è  accelerata  in  giugno  a  9,2%,  da  8,9%  in  maggio. L’incremento è sostenuto da M1 (+12,6%) e dagli strumenti negoziabili (M3-M2), che accelerano da 5,7% a 10,1% a/a.  Per quanto concerne le controparti degli aggregati monetari, i crediti alle famiglie  sono cresciuti  del  3%  a/a  (invariato),  mentre  quelli  alle  imprese  non  finanziarie  sono rallentati dal 7,3% di maggio a 7,1% a/a.

Il credito al settore privato contribuisce per 5,1 punti alla crescita contro il 5,0 del credito al settore pubblico; quest’ultimo sta salendo a un ritmo del 13,6% a/a, livello superato in precedenza soltanto nel 2009.

Stati Uniti

– Contagi 4290237, nuovi contagi 55000, decessi 148201, guarigioni 1325804 (fonte: JHU).

– I nuovi contagi hanno segnato un rallentamento della crescita, visibile negli stati più colpiti (California,  Florida e  Arizona)  con la  variazione dei nuovi  casi  sui minimi  rispetto  alle ultime settimane. 

Negli ultimi 14 giorni, i nuovi casi sono in aumento in 42 stati, stabili in 21 stati e in calo in 3 stati. I nuovi decessi sono in rialzo in 32 stati (fonte: NYT).

– La leadership repubblicana del Senato ha presentato un pacchetto di interventi per circa 1 tln di dollari. Le misure includono:

– Un  nuovo  trasferimento  di  1200  dollari  per  contribuenti  con  reddito  inferiore  a  75  mila dollari, e in graduale riduzione per redditi al di sopra di tale soglia, in linea con il “recovery check”  accreditato  ad  aprile. 

Il  trasferimento  includerebbe  500  dollari  per  ogni dipendente, senza limiti di età (ad aprile il limite era per figli minori di 16 anni).

– Per la questione più spinosa dei sussidi di disoccupazione, si riduce l’integrazione di 600 dollari/settimana in scadenza il 31 luglio a 200 dollari/settimana fino a settembre, in modo da dare tempo agli stati per passare a un meccanismo individuale, che porti i sussidi a 70% del salario precedente (con un massimo a 500 dollari a settimana).

Funzionari di molti stati  hanno  segnalato  difficoltà  e  tempi  lunghi  per  reperire  i  dati  necessari  a  erogare sussidi legati ai redditi individuali precedenti.

– Sostegno di 105 mld di dollari per scuole e università

– Espansione del Paycheck Protection Program (a sostegno delle piccole imprese) con altri 190 mld.

– 100 mld per attività stagionali e per aree a basso reddito.

– 16 mld per test per Covid-19.

– La  proposta  include  anche  1,75  mld  di  dollari,  su  richiesta  dell’amministrazione, per un nuovo edificio per l’FBI (non collegato a Covid-19).

Le misure complessivamente sono pari a circa un terzo della proposta democratica (3,5 tln di dollari). Oltre ad avere minori integrazioni ai sussidi, la versione repubblicana non include trasferimenti agli stati (pari a circa 1 tln di dollari per i democratici) e ha sostegno per le scuole pari a meno di un quarto (per i democratici, i fondi per le scuole sono pari a 430 mld).

L’amministrazione ha segnalato di essere disposta ad accettare un pacchetto compreso fra 1  e  2  tln  di  dollari,  mentre  una  frangia  di  repubblicani  vorrebbe  misure  più  contenute,  nel timore  di  un  ampliamento  eccessivo  del  deficit. Secondo  Pelosi,  presidente  democratica della Camera, la proposta repubblicana è incompleta, non è formulata come un disegno di legge, e probabilmente non raccoglierebbe 51 voti repubblicani per la sua approvazione in Senato.

In modo salomonico, il presidente del Senato McConnell ha detto che gli Stati Uniti hanno un piede nella ripresa e uno nella pandemia, e il nuovo pacchetto deve bilanciare queste due forze.

Inizia  ora  la parte  difficile  dei  negoziati,  con  un  vincolo  di  tempo  stringente  per  via  della scadenza dell’integrazione dei sussidi. Il tentativo repubblicano di scorporare l’integrazione dei sussidi dal pacchetto e di approvare una soluzione temporanea difficilmente troverà una sponda  fra  i  democratici.

I  quattro  precedenti  pacchetti  attuati  nei  mesi  scorsi  erano  stati predisposti  con  negoziati a  tre (amministrazione, leadership democratica  e  repubblicana). Pelosi  ha  dichiarato  che  il  Congresso  non  chiuderà  per  la  pausa  estiva  se  non  ci  sarà  un pacchetto approvato.

– Due  senatori  repubblicani (Romney  e  Collins)  hanno  segnalato  che voteranno  contro  la nomina di J. Shelton a membro del Board of Governors della Fed, rompendo i ranghi di partito e giustificando la loro opposizione con le posizioni non ortodosse di Shelton su temi cruciali di politica monetaria.

I repubblicani possono perdere fino a tre voti in Senato per mantenere la garanzia di conferma di Shelton.

– Gli ordini di beni durevoli a giugno aumentano di 7,3% m/m (-10,8% a/a), dopo +15,1% m/m di maggio, mentre l’aggregato al netto dei trasporti è in rialzo di 3,3% m/m, dopo 3,6% m/m. L’incremento degli ordini è guidato dal segmento trasporti (+20% m/m), grazie al balzo del comparto auto (+85,7% m/m) che ha più che compensato la flessione dell’aeronautica.

Nel settore  auto,  gli  ordini  seguono  il  forte  aumento  della  domanda  registrato  a  partire  da maggio.  Gli ordini di  beni capitali  al netto  di difesa e  aerei sono in  crescita  di 3,3% m/m e limitano i rischi di calo degli investimenti nel 3° trimestre.

Le consegne di beni capitali al netto di  difesa  e  aerei sono  in  rialzo  di  3,4%  m/m,  con  indicazioni  di  ripresa  della  spesa  in  conto capitale nel 3° trimestre, in linea con i segnali delle indagini regionali. L’andamento della crescita nella seconda metà dell’anno sarà probabilmente positivo, ma molto meno brillante rispetto alla dinamica dei mesi di maggio e giugno

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: Francia indice di fiducia INSEE in miglioramento

Redazione

Intesa Sanpaolo: Area euro stima PMI manifatturiero quasi stabile

Redazione

Intesa Sanpaolo: Area euro stima flash indice di fiducia dei consumatori

Redazione