BondWorld.it
Intesa SanPaolo Indice ISM

Intesa Sanpaolo: Stati Uniti. Indice Fed in aumento?

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. L’indice della Philadelphia Fed a luglio dovrebbe aumentare a 4 da 0,3 di giugno. L’indice di attività, come quello della NY Fed, ha segnato un’ampia correzione a giugno, mantenendo elevata la volatilità intorno a un trend di moderato rialzo dell’attività……….

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


Tuttavia, il resto dell’indagine è stato più incoraggiante rispetto all’Empire, con indicazioni modestamente positive per le componenti coincidenti di ordini, consegne e occupazione e miglioramenti per i principali indicatori a 6 mesi, coerenti con moderata espansione.

L’indagine a luglio dovrebbe mantenere questo quadro, pur sempre soggetto ai rischi collegati alla politica commerciale. I dati e gli eventi di ieri

Area euro. La seconda lettura conferma che a giugno i prezzi al consumo sono saliti di un decimo nel mese, stesso ritmo di maggio.

L’indice headline di conseguenza è stato confermato all’1,2%, anch’esso stabile rispetto a maggio.

L’inflazione core sulla misura preferita dalla BCE è stata anch’essa confermata all’1,2%, in accelerazione dall’1,0% di maggio.

Durante l’estate e nell’autunno l’inflazione è vista in rallentamento di un paio di decimi per poi accelerare in chiusura d’anno.

In media annua l’inflazione eurozona nel 2019 dovrebbe rallentare all’1,3% dall’1,8% del 2018.

Intesa Sanpaolo –  Italia. Tornano a crescere a maggio fatturato e ordini industriali (+1,6% e +1,5% m/m, rispettivamente), dopo il calo di aprile.

Il fatturato torna in lieve aumento su base tendenziale (+0,3% corretto per gli effetti di calendario), mentre gli ordinativi restano in rosso (-2,5% a/a, per via della contrazione delle commesse dall’estero).

Lo spaccato mostra nel mese un incoraggiante recupero congiunturale del fatturato dei beni strumentali (e dei beni di consumo durevoli, che sono trainanti su base annua).

Nel dato tendenziale, spicca il balzo del fatturato di computer ed elettronica e delle attività estrattive (+19,1% e +15,6% a/a, rispettivamente), mentre dal lato degli ordini gli unici comparti a evitare una flessione sono le apparecchiature elettriche (+8,9%) e il settore tessile (+2,1%).

In sintesi, il recupero di fatturato e ordini è analogo a quello registrato nello stesso mese dalla produzione industriale, il che conferma che sulla volatilità di aprile-maggio potrebbero aver pesato fattori di calendario (al netto dei quali, il trend è di sostanziale stagnazione dell’attività economica nell’industria).

Intesa Sanpaolo –  Stati Uniti. I nuovi cantieri residenziali a giugno correggono a 1,253 mln di unità ann. da 1,265 mln di maggio.

Il calo è dovuto al segmento delle unità multifamiliari, in contrazione di -9,2% m/m, dopo quattro incrementi consecutivi solidi.

Le unità monofamiliari invece aumentano di 3,5% m/m.

A giugno i cantieri sono stati in forte crescita negli stati centrali e orientali, mentre hanno segnato un ampio calo nel sud e nell’ovest, in parte per via del maltempo.

L’attività nell’edilizia residenziale si è stabilizzata da inizio anno, dopo un 2018 debole: Le licenze segnano una flessione di -6,1% m/m, a 1,22 mln da 1,299 mln di maggio, sui minimi da metà 2017.

Il calo delle licenze è concentrato negli stati meridionali e occidentali e, come per i cantieri, potrebbe essere stato influenzato dal maltempo.

Stati Uniti. Il Beige Book preparato per la riunione del FOMC di fine luglio riporta espansione dell’attività a un ritmo “modesto”, circa in linea con il rapporto precedente.

Le imprese riportano rialzo delle vendite al dettaglio, con l’eccezione del settore auto, dei servizi finanziari e delle vendite di case, anche se l’attività nelle costruzioni è stata circa stabile.

Nel manifatturiero, l’attività è poco variata, ma in alcune aree si riporta una modesta ripresa.

Le imprese mantengono uno scenario positivo per i prossimi mesi, anche se restano preoccupate per le tensioni commerciali.

Il mercato del lavoro rimane caratterizzato da difficoltà a reperire manodopera in gran parte dei settori, aggravata da problemi per il rinnovo di visti a lavoratori non residenti.

I salari retano in rialzo moderato, con pressioni per l’espansione dei benefit mirata a trattenere i dipendenti.

Sui prezzi si rileva moderazione rispetto ai mesi precedenti e si riporta la difficoltà a trasferire gli aumenti dovuti ai dazi sui prezzi finali di vendita.

Nel complesso, il Beige Book conferma il quadro che emerge dai dati: attività solida sul fronte dei consumi, modesta dal lato degli investimenti, mercato del lavoro sempre forte, prezzi e salari contenuti.

Non emergono rischi di svolta ciclica, nonostante i timori per le controversie sul fronte del commercio internazionale.

Intesa Sanpaolo –  Stati Uniti. George (Kansas City Fed) ha detto che lo scenario economico resta positivo, con la crescita intorno o sopra il potenziale, la disoccupazione sui minimi da 50 anni e una crescita dell’occupazione forte.

Pertanto, con l’inflazione circa stabile, e dati piuttosto positivi, la politica monetaria sembra ben posizionata. George ha affermato che in caso di realizzazione dei rischi di rallentamento sarebbe pronta a essere “flessibile” considerando nuovo stimolo.

Tuttavia, per ora i rischi non si sono realizzati e lo scenario è equilibrato. In sostanza, George non ritiene opportuno agire in modo pre-emptive.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: Germania sorpresa produzione industriale

Redazione

Intesa Sanpaolo: Germania gli ordini all’industria sono cresciuti

Redazione

Intesa Sanpaolo: Area euro disoccupazione è prevista in crescita

Redazione