BondWorld.it
Intesa SanPaolo Falsh Macro Daily

Intesa Sanpaolo: Stati Uniti Le vendite di case in aumento

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. Le vendite di case esistenti a febbraio sono previste in aumento a 5,49 mln, alla luce delle informazioni dei contratti di compravendita, rimbalzati a gennaio sui massimi da giugno 2019………..

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


Le vendite resteranno frenate dalla scarsità di case invendute.

Ora è presto per prevedere se COVID-19 avrà un impatto rilevante sul mercato immobiliare residenziale: si potrebbe vedere un temporaneo indebolimento ma non un’inversione di tendenza, nel caso in cui lo shock sia di durata limitata.

Intesa Sanpaolo – I dati e gli eventi di ieri

Intesa Sanpaolo – Germania. L’istituto Ifo ha pubblicato, oggi, una versione preliminare del suo indice, basata su circa il 90% delle risposte. L’indagine, condotta tra il 2 ed il 18 marzo, mostra il collasso della fiducia economica. L’indice è calato di 8,3 punti, raggiungendo a marzo quota 87,7; si tratta del calo più grande dal 1991.

Scendono sia la componente delle aspettative, che tocca il minimo storico di 82,0 punti, che l’indice della situazione corrente, sceso a 93,8 (5,2 punti in meno rispetto a febbraio).

La fiducia nell’economia tedesca è ai minimi dall’agosto 2009 e questi livelli, se mantenuti, preannuncerebbero una pesante recessione. Il crollo della fiducia ha colpito il settore manifatturiero, dei servizi e del commercio.

Nelle costruzioni, dove l’indice della situazione corrente rimane ancora favorevole, il calo è meno pronunciato; le aspettative, però, registrano un peggioramento.

Il dato finale potrebbe essere più basso della stima preliminare. Anche in Germania si è diffusa la COVID-19 ed il numero dei contagiati ha già superato le 12 mila unità.

In effetti, la mortalità in Germania è molto bassa rispetto a Italia, Spagna e Francia, sia per un’attività di monitoraggio molto più intensa rispetto al resto dell’Europa, sia perché il sistema sanitario è più attrezzato che in altri paesi: anche per questo l’esigenza di misure di soppressione epidemica è stata minore.

Il 16 marzo, comunque, è stata disposta la chiusura dei confini, dei locali pubblici e di quelli commerciali, di scuole ed università, e sono stati limitati gli spostamenti interni. Queste misure saranno in vigore almeno fino al 20 aprile, ma la probabilità di proroga o di misure più restrittive è elevata. Intanto, l’industria dell’auto ha già sospeso la produzione negli stabilimenti europei per le prossime settimane.

Ad essere più colpiti nell’immediato, sempre secondo i risultati dell’indagine preliminare, saranno i tour operator, le agenzie di viaggio e le strutture ricettive. Nel manifatturiero, oltre al settore automobilistico, il calo della fiducia è severo per elettronica, meccanica, mobili e prodotti chimici.

Il governo tedesco ha già annunciato il più grande piano di politica fiscale dal dopoguerra ad oggi, prevedendo misure di supporto al mercato del lavoro, al credito e agli investimenti. Il piano è atteso dare i primi frutti non nel brevissimo periodo, ed è per questo che la crisi investirà in pieno l’economia tra marzo ed aprile.

Ci aspettiamo una contrazione del PIL di -1,5% nel 2020, con variazioni trimestrali negative sia nel primo, sia soprattutto nel secondo trimestre.

Intesa Sanpaolo – Bank of England – La BoE è intervenuta nuovamente ieri, annunciando, al termine di una riunione straordinaria (una settimana prima del meeting ordinario del 26 marzo) un altro pacchetto di stimolo: taglio dei tassi da 0,25% a 0,10%, incremento di 200 miliardi di sterline dell’ammontare di titoli (titoli di stato e corporate bonds) detenuti dalla banca centrale per un totale di 654 miliardi e ampliamento del programma TFSME (Term Funding Scheme with additional incentives for SMEs).

La BoE ha spiegato che le nuove misure si sono rese necessarie perché le condizioni finanziarie sono diventate più restrittive a causa dell’evoluzione – in peggio – dello shock economico da coronavirus, che potrebbe rivelarsi veloce e ampio, ma dovrebbe essere temporaneo.

Il governatore Bailey ha aggiunto che sono state le dinamiche di mercato degli ultimi giorni, al limite della definizione di “movimenti disordinati”, a rendere necessario un intervento immediato della BoE. Bailey ha anche lasciato intendere che l’ipotesi di tassi d’interesse negativi non è ritenuta adeguata dalla BoE.

Il taglio di ieri dovrebbe essere l’ultimo: recentemente la BoE aveva dato come floor proprio l’attuale livello di 0,10%. Dopo il nuovo pacchetto di stimolo della BoE, il ministro delle finanze Sunak ha dichiarato che anche dal lato della politica fiscale sarà fatto tutto il necessario per contrastare la crisi.

Intesa Sanpaolo – Italia. La produzione nelle costruzioni è aumentata di ben 7,9% m/m a gennaio, dopo l’1,7% di dicembre. È un record da marzo 2012. Su base annua, l’output è in crescita di +8,1% (da -1% a dicembre), ai massimi da quasi un anno.

Il dato congiunturale ha risentito di effetti di calendario e metereologici favorevoli. L’output nelle costruzioni sarebbe in rotta per un robusto incremento nel 1° trimestre, che però è messo a rischio dagli effetti delle misure di contenimento del COVID19. Le costruzioni sono meno impattate meno dei servizi, e probabilmente dell’industria, ma non potranno non risentire se non altro degli effetti indiretti attraverso il calo della domanda.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. Covid-19 update. 

– Gli acquisti di titoli da parte della NY Fed per attuare le direttive della riunione del FOMC del 15 marzo entro fine settimana avranno raggiunto già più di metà del livello minimo annunciato per i Treasury (500 mld). La NY Fed ha acquistato titoli per 125 mld fra lunedì e mercoledì, e programma acquisti per 150 mld fra giovedì e venerdì.

Per quanto riguarda gli MBS, che dovrebbero vedere acquisti per almeno 200 mld, il calendario prevede operazioni per un ammontare pari a 80 mld entro il 13 aprile, con un primo intervento per 10 mld il 19 marzo.

È probabile quindi che, in assenza di un miglioramento significativo delle condizioni di mercato, la prossima settimana la Fed possa dover segnalare un aumento del livello degli acquisti da effettuare.

D’altronde, durante la conferenza stampa del 15 marzo, Powell aveva sottolineato che non ci sono limiti giornalieri o settimanali agli acquisti, che saranno adeguati in base alla necessità e mirati a ridare liquidità al mercato.

– Il presidente del Senato Mc Connell ha presentato il nuovo pacchetto di stimolo contro Covid19, le cui misure dovrebbero essere pari a circa 1 tln di dollari. Come atteso, circa 500 mld sarebbero allocati a misure a favore delle famiglie. Fra queste ci sarebbero trasferimenti diretti ai contribuenti, di ammontare massimo di 1200 dollari per individui singoli, più 500 dollari per ogni figlio a carico, con livelli decrescenti per fasce di reddito annuo superiore a 75 mila dollari.

Per individui con reddito superiore a 99mila dollari non sono previsti trasferimenti diretti. Per gli individui che non hanno pagato imposte sul reddito nel 2018, ci sarà un trasferimento di 600 dollari. Fra gli interventi a favore delle imprese, sono confermati i 50 mld per le compagnie aeree per passeggeri, 8 mld per le compagnie aeree per cargo, 150 mld per grandi imprese, con l’autorizzazione al governo di acquisire quote del capitale, 300 mld per garanzie di prestiti a piccole imprese.

Intesa Sanpaolo – Il pacchetto conferma la sospensione per tre mesi della scadenza per il pagamento delle imposte dirette delle famiglie, dal 15 aprile al 15 luglio. Nei prossimi giorni ci sarà un dibattito fra i senatori repubblicani per arrivare a un testo condiviso, in modo da avere un pacchetto approvato dal Senato durante la prossima settimana.

La leadership democratica della Camera sta predisponendo un pacchetto di poco inferiore in termini di entità, ma con misure maggiormente mirate a proteggere le famiglie. Nei prossimi giorni ci sarà l’inizio dei negoziati per arrivare a una formulazione di compromesso sulle principali misure.

– La California ha annunciato il lockdown dello stato, con il divieto di spostamenti per attività non essenziali per i 40 milioni di residenti.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. I nuovi sussidi di disoccupazione, come atteso, danno il primo segnale di risposta al diffondersi dell’epidemia di Covid-19, con un balzo a 281mila nella settimana conclusa il 14 marzo, da 211 mila. Il livello della settimana scorsa è il più elevato da inizio settembre 2017 .

Nel comunicato stampa del Dept of Labor si afferma che gli aumenti nella settimana conclusa il 14 marzo sono “chiaramente attribuibili” all’impatto di Covid-19. Diversi stati citano l’epidemia in modo esplicito come causa dell’incremento di licenziamenti, in altri stati la crescita dei disoccupati è comunque concentrata nel settore dei servizi in generale e in particolare nei segmenti dell’ospitalità e della ristorazione, otre che nei trasporti e nei magazzini.

Il violento rialzo dei sussidi della scorsa settimana sarà seguito da aumenti altrettanto rapidi. I sussidi della scorsa settimana sono relativi al periodo di rilevazione dell’employment report di marzo e puntano a una netta inversione di rotta per l’occupazione e la disoccupazione, dalla situazione di pieno impiego vigente fino a febbraio.

I sussidi di disoccupazione sono il più affidabile indicatore di svolta ciclica: in questo caso, tuttavia, non c’era bisogno di aspettare la svolta dei sussidi per decretare che la più lunga ripresa dell’economia americana è finita.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. L’indice della Philadelphia Fed a marzo segna un netto indebolimento, scendendo da 36,7 di febbraio (massimo dal 2017) a -12,7 (minimo da luglio 2012), con un ritorno in territorio recessivo. Le risposte delle imprese sono state raccolte fra il 9 e il 16 marzo.

Tutte le componenti dell’indagine coincidente sono in peggioramento: ordini a -15,5 da 33,6, consegne a 0,2 da 25,2, ordini inevasi a -7,4 da 7,4, tempi di consegna a -9,1 da 2,7, occupazione a 4,1 da 6, settimana lavorativa a 0,5 da 11,3.

Anche gli indici di Prezzo, sia pagati sia ricevuti, sono in calo. È importante però rilevare che l’indagine, come l’Empire della NY Fed, riporta indici a 6 mesi ancora relativamente elevati: attività a 35,2 da 45,4, ordini a 36,7 da 54, consegne a 41,8 da 51,9 e occupati a 29,8 da 24.

Considerando la data di rilevazione delle risposte, è probabile che ci sia un bias positivo dovuto alla raccolta delle informazioni nella parte iniziale del periodo, prima della dichiarazione dello stato di emergenza e del netto peggioramento della percezione dell’epidemia a livello domestico. È molto probabile che le prossime rilevazioni siano più negative sia per la situazione corrente sia per le aspettative.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: – Francia crescita zero dell’inflazione

Redazione

Intesa Sanpaolo: – Stati Uniti prezzi import in rialzo

Redazione

Intesa Sanpaolo: – Italia produzione industriale torna a contrarsi

Redazione