BondWorld.it
Intesa SanPaolo Indice ISM

Intesa Sanpaolo: Stati Uniti ordini di beni durevoli in calo

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. Gli ordini di beni durevoli a dicembre (prel.) dovrebbero essere in calo di -0,1% m/m, dopo  -2,1% m/m di novembre, sulla scia di un’ampia correzione degli ordini di Boeing nel mese…………

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


Al netto dei trasporti, gli ordini sono previsti in aumento moderato, +0,3% m/m, dopo -0,1% m/m, che dovrebbe mantenere il trend modestamente positivo.

A partire da gennaio, l’arresto della produzione del 737 MAX da parte di Boeing dovrebbe avere effetti negativi su ordini e produzione nel manifatturiero.

– La fiducia dei consumatori rilevata dal Conference Board a gennaio è attesa a 127,5, da 126,5, sulla scia della sigla dell’accordo commerciale USA-Cina, della tendenza positiva dei mercati e dell’andamento sempre positivo del mercato del lavoro.

L’indagine dovrebbe mostrare una moderata ripresa sia delle condizioni correnti sia delle aspettative, senza però modificare il graduale trend verso il basso di queste ultime.

Intesa Sanpaolo – I dati e gli eventi di ieri

L’aumento dei casi di novel coronavirus riportati in Cina e la diffusione, se pure ancora contenuta in termini numerici, del virus nel resto del mondo, stanno causando ampie correzioni sui mercati azionari.

Per ora la WHO mantiene una valutazione di rischio “molto alto” per la Cina e “alto” a livello globale, dopo una prima valutazione che metteva il rischio globale su livelli “moderati”.

Tuttavia, la WHO continua a non ritenere la diffusione del coronavirus un’emergenza globale. In Cina, per contrastare la diffusione del virus, le autorità hanno esteso  le festività per il capodanno fino al 2 febbraio e bloccato viaggi di gruppo all’estero per i cittadini cinesi.

Finora, il tasso di mortalità del nuovo virus è stato pari a circa un terzo rispetto a quello della SARS. Il punto centrale per valutare le conseguenze (anche economiche) del nuovo coronavirus è la sua infettività (cioè la velocità e la facilità con cui si diffonde): è probabile che manchino ancora diverse settimane prima di raggiungere il picco della diffusione.

Pertanto, i mercati resteranno in modalità risk-off, ed è probabile che l’attività economica risenta negativamente del rallentamento di alcuni settori (commercio, turismo), sia pure in misura temporanea. 

Intesa Sanpaolo – Germania. L’indice Ifo è sceso a 95,9 in gennaio, dopo i 96,3 punti registrati a dicembre. Il calo è dovuto al peggioramento delle aspettative, scese a 92,9 da 93,9 (dato rivisto da 93,8) di dicembre.

Contrariamente, l’indice della situazione corrente ha segnato un leggero aumento a 99 da 98,8 precedente.

Il dato di gennaio è in netto contrasto con i valori registrati nello stesso mese sia per l’indice ZEW, che per il PMI.

L’asimmetria è attribuibile principalmente ad effetti statistici. Nonostante l’attuale discesa, la media mobile a 3 mesi dell’Ifo segna una crescita, da 95,4 in dicembre a 95,8 in gennaio.

L’indagine indica che la ripresa sarà graduale, in linea con le nostre previsioni di crescita del Pil a 0,2% t/t nel il primo trimestre del 2020.

A livello settoriale, la produzione manufatturiera inizia a dare segnali positivi (da -5,0 a -1,6 in gennaio) dopo un debole 2019, mentre sia i servizi, che le costruzioni sembrano perdere, in parte, l’ottimismo dei mesi passati.

Intesa Sanpaolo – Italia. Il Consiglio dei Ministri ha convenuto sulla data del 29 marzo per l’indizione – con decreto del Presidente della Repubblica – del referendum popolare previsto dall’articolo 138 della Costituzione sulla riforma relativa al taglio del numero dei parlamentari.

Lo scorso 23 gennaio, era giunto il semaforo verde della Corte di Cassazione, dopo le firme raccolte in Senato.

La maggioranza degli osservatori, ricalcando la tempistica delle precedenti consultazioni, si attendeva che il referendum potesse avere luogo diverse settimane più avanti.

Probabilmente, la maggioranza di governo intende chiudere rapidamente la finestra temporale entro la quale eventuali elezioni anticipate si terrebbero con il vecchio sistema.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. La diffusione di notizie da parte della stampa americana riguardo alle affermazioni di Bolton, incluse nelle bozze di un suo libro in via di pubblicazione, sul caso Ucraina al centro del processo di impeachment potrebbe modificare gli equilibri in Senato.

Alcuni senatori repubblicani starebbero considerando di accettare la richiesta democratica di sentire testimoni durante il processo, e di prendere una posizione contraria alla leadership repubblicana, che mira a concludere il processo senza l’aggiunta di ulteriori informazioni.

Entro venerdì dovrebbe esserci un voto sulle procedure del processo, inclusa la convocazione di testimoni. Per procedere in questo senso ci vorrebbe il voto favorevole di 4 senatori repubblicani; Romney e Collins sembrano inclini a richiedere i testimoni e alcuni altri hanno segnalato incertezza dopo la diffusione del contenuto del libro di Bolton.

L’inclusione di nuove informazioni, anche se potrebbe non modificare l’esito del processo (e indebolire sotto certi aspetti la posizione democratica, con possibili testimonianze del figlio di Biden), è probabile che lo prolunghi e abbia maggiore influenza sui sondaggi pre-elettorali.    

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo : Germania i prezzi alla produzione di maggio hanno sorpreso al rialzo

Redazione

Intesa Sanpaolo : Area euro. La seconda lettura dovrebbe confermare la crescita dell’inflazione

Redazione

Intesa Sanpaolo : Stati Uniti. I nuovi cantieri residenziali a maggio sono attesi in aumento

Redazione