BondWorld.it
Intesa SanPaolo Falsh Macro Daily

Intesa Sanpaolo: Stati Uniti presentazione Monetary Policy Report

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti – Powell presenta il Monetary Policy Report alla Commissione Affari Finanziari della Camera. L’audizione di Powell dovrebbe confermare la fase di pausa dei tassi mentre procede la revisione della strategia e degli strumenti di politica monetaria………

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Intesa SanPaolo


Powell dovrebbe toccare il tema dei rischi, includendo i possibili effetti dell’epidemia di coronavirus e sottolineando che è ancora presto per valutarli. In ogni caso, il messaggio dovrebbe restare di “cauto ottimismo” e di costante monitoraggio dei nuovi rischi (rallentamento nel manifatturiero e trasmissione dell’indebolimento della crescita cinese).

Intesa Sanpaolo – I dati e gli eventi di ieri

Italia. La produzione industriale è calata assai più del previsto a dicembre, di ben -2,7% m/m, dopo la stabilità di novembre (dato rivisto al ribasso rispetto a +0,1% m/m della prima stima). Il dato è stato di molto inferiore alle attese di consenso (-0,6% m/m).

Su base annua (corretta per gli effetti di calendario), l’output è sceso in territorio ancor più negativo, a -4,3% da -0,8% precedente (sui dati corretti per gli effetti di calendario). Si tratta di un minimo da 12 mesi. Nell’intero 2019, la produzione industriale si è contratta di -1,3%: è un minimo dal 2013.

Anche il dettaglio non è confortante. Tutti i raggruppamenti principali di industrie hanno registrato una flessione congiunturale circa in linea con la media (si va dal -2,3% m/m dei beni strumentali al -2,9% m/m dei beni di consumo durevoli), e risultano in calo su base annua (particolarmente colpiti soni i beni intermedi: -6,6% a/a).

Tutti i settori di attività hanno fatto segnare una contrazione sul mese (spicca il -6,2% m/m di gomma e materie plastiche), e solo 3 comparti (su un totale di 15) risultano in progresso tendenziale: computer ed elettronica (+5,3%), alimentari (+2,9%) e farmaceutici (+1,1%).

C’è da ricordare che, nello stesso mese, una flessione all’incirca della stessa entità è stata registrata sia in Germania (-2,5% m/m) che in Francia (-2,8% m/m). Ciò suggerisce che possano aver inciso fattori di calendario, in particolare l’effetto “ponte” connesso con il posizionamento del giorno 27 (un venerdì). In tal senso, ci aspettiamo un rimbalzo congiunturale nel mese di gennaio.

Intesa Sanpaolo – In ogni caso:

– Gli indicatori anticipatori ancora non segnalano una tendenza espansiva per l’industria: a gennaio, l’indagine Istat ha mostrato un miglioramento, ma solo moderato, e l’indice PMI manifatturiero è rimbalzato, rimanendo però in territorio recessivo per il 16° mese consecutivo;

– Sia i dati reali sull’industria che le indagini ancora non includono l’effetto del nuovo shock idiosincratico che si è abbattuto sul settore manifatturiero a livello globale, ovvero gli effetti del 2019-nCoV, che potrebbero spostare in avanti (riteniamo, di non più di qualche mese) il punto di svolta per l’attività economica nell’industria.

Intesa Sanpaolo – Italia. Nella Nota sulla congiuntura di febbraio, l’Ufficio Parlamentare di Bilancio ha rivisto al ribasso la sua stima sulla crescita del PIL nel 2020, a 0,2% da un precedente 0,5% (dello scorso ottobre).

La revisione al ribasso, oltre che al peggioramento delle variabili esogene internazionali, è dovuta all’inatteso calo dell’attività economica nello scorcio finale del 2019, che secondo il modello di previsione di breve periodo dell’UPB non sarebbe recuperato nel trimestre in corso.

La ripresa successiva sarebbe dovuta quasi interamente alla domanda interna. Al netto della correzione per i giorni lavorativi, la nuova stima dell’UPB si colloca a 0,1%. L’attività economica riprenderebbe poi vigore nel 2021, a 0,7%, ma tale stima non include l’incremento delle imposte indirette previsto nelle clausole di salvaguardia (né considera misure alternative di copertura finanziaria).

Nel caso di attivazione delle clausole, l’UPB stima che la crescita del PIL possa risultare più bassa di uno-tre decimi di punto percentuale (a seconda delle ipotesi sul grado di traslazione dell’IVA sui prezzi). Anche dopo la revisione, l’UPB riconosce che sullo scenario gravano fattori di rischio fortemente orientati al ribasso.

La stima dell’UPB costituisce il punto di partenza per la definizione del nuovo quadro di finanza pubblica che verrò incluso tra due mesi nel DEF.

Intesa Sanpaolo – Stati Uniti. Daly (San Francisco Fed) ha detto che per ora è “a suo agio” con il livello attuale dei tassi, a meno di cambiamenti “significativi” dello scenario e non ritiene che sia un problema il fatto che il mercato stia attualmente scontando dei tagli dei tassi.

Secondo Daly per ora gli effetti del coronavirus sono prevalenti in Cina (probabilmente per 1-2 trimestri) e per ora limitati sull’economia USA, e ha sottolineato che tipicamente le conseguenze delle epidemie virali sono transitorie.

Daly ha espresso un giudizio favorevole sulla possibilità di adottare un obiettivo di inflazione definito sulla media anziché su un livello puntuale. Harker (Philadelphia Fed) ha sottolineato che lo scenario è ancora soggetto ad ampia incertezza, ma a suo avviso per ora  i rischi non sono tali da richiedere ulteriore stimolo monetario.

In questa fase, è opportuno che la Fed resti ferma, con la previsione di ritorno della crescita verso il potenziale intorno al 2% e di tasso di disoccupazione al di sotto del 4% ancora per un paio d’anni. Secondo Harker, per modificare i tassi la Fed avrebbe bisogno di nuove informazioni.

Intesa Sanpaolo – Il messaggio dal FOMC si mantiene generalmente coerente con una fase di pausa sui tassi, pur in presenza di continuo monitoraggio dei rischi (che restano orientati verso il basso). Questo dovrebbe essere anche il messaggio delle audizioni di Powell in Congresso oggi e domani. Ieri Trump ha ribadito ancora una volta la sua contrarietà per l’operato di Powell affermando che i tassi dovrebbero essere più bassi.

Fonte: BondWorld.it

Articoli Simili

Intesa Sanpaolo: Francia produzione industriale è vista ferma

Redazione

Intesa Sanpaolo: Italia produzione industriale è vista in netto calo

Redazione

Intesa Sanpaolo: Area euro Eurogruppo non in grado di raggiungere un consenso

Redazione