BondWorld.it
Invesco Bondworld

Invesco: Un profilo di rischio/rendimento più attraente per i portafogli obbligazionari

Invesco: Le Additional Tier 1 (AT1) potrebbero rappresentare una valida alternativa per gli investitori alla ricerca di rendimento


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostre Newsletter gratuite. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


L’attuale contesto di tassi bassi, che potrebbe proseguire per diversi anni, costringe gli investitori obbligazionari a ricercare un maggiore rendimento accettando un rischio più alto, o posizionandosi sulle scadenze più lunghe, oppure investendo nel debito di emittenti con un rating inferiore. Come incrementare il rendimento complessivo del portafoglio a reddito fisso senza comprometterne la volatilità complessiva?

LE OBBLIGAZIONI AT1 DELLE BANCHE EUROPEE

“Tra le possibile soluzioni ci sono le obbligazioni AT1. Questi titoli ‘ibridi’ high yield sono di norma redimibili dopo cinque anni e stanno catturando l’interesse degli investitori orientati al rendimento: basti pensare che il loro volume ha raggiunto i 250 miliardi di dollari dall’emissione della prima obbligazione nel 2013” fanno sapere gli esperti di Invesco. Una delle loro caratteristiche peculiari è che sono emesse da banche con rating investment grade ma in veste di titoli subordinati nella struttura del capitale: di conseguenza il loro merito di credito risulta più basso rispetto a titoli di debito più senior dello stesso emittente, ma offrono rendimenti maggiori per compensare questo tipo di rischio.

16112020 1

 

CORRELAZIONE BASSA O NEGATIVA RISPETTO ALLE ALTRE ASSET CLASS

Un altro fattore da considerare è la volatilità. Se nei periodi di tranquillità sui mercati, quella delle AT1 risulta in linea con le altre asset class obbligazionarie , nelle fasi di forte instabilità come marzo-aprile 2020, le oscillazioni di valore tendono a registrare un aumento maggiore. Ma grazie alla correlazione bassa o negativa con le altre asset class obbligazionarie l’uso delle AT1 può incrementare l’efficienza di portafoglio. Il grafico sotto mostra i rendimenti annuali e la volatilità degli ultimi cinque anni per le principali classi di asset obbligazionarie denominate in USD. “Come si può constatare, il portafoglio obbligazionario ‘core’, composto per il 45% da Treasury USA, per il 45% da credito investment grade e per il 10% da high yield AT1, offre una volatilità potenziale inferiore rispetto ai tre componenti singoli. Il motivo è che, mentre i Treasury USA e il credito investment grade sono altamente correlati, l’aggiunta di high yield AT1contribuisce a diversificare il rischio grazie alla propria correlazione bassa o negativa rispetto alle altre classi di asset” spiegano i manager di Invesco.

16112020 2

Fonte: Bloomberg, Invesco, su dati giornalieri dal 31/7/2015 al 31/7/2020

UN IMPATTO ACCETTABILE SUL RATING CREDITIZIO MEDIO DI PORTAFOGLIO

Grazie a queste caratteristiche le AT1 aumentano la diversificazione degli asset obbligazionari tradizionali come i titoli di stato e il credito investment grade: nonostante il netto aumento della volatilità degli scorsi mesi, l’allocazione di una percentuale relativamente ridotta di AT1 in un portafoglio obbligazionario core potrebbe migliorarne i rendimenti e contemporaneamente ridurne la volatilità complessiva. Inoltre, l’aggiunta di AT1 nel portafoglio core, produce un impatto accettabile sul rating creditizio medio.

16112020 3

PROFILO DI RISCHIO/RENDIMENTO ATTRAENTE

“La scelta dell’allocazione più appropriata tra i vari asset è la risultante di molteplici fattori, tra i quali l’obiettivo di investimento e la propensione al rischio. Tuttavia, le AT1 evidenziano un profilo di rischio/rendimento attraente una volta integrate in un portafoglio obbligazionario core. Questo ne fa una valida opzione per gli investitori che puntano ad aumentare i propri rendimenti complessivi senza esporre il portafoglio a rischi considerevolmente maggiori” concludono gli esperti di Invesco.

Scopri di piu su ETF FIXED INCOME


Avviso di rischio

Il valore degli investimenti e qualsiasi reddito da essi derivante possono oscillare. Ciò è dovuto in parte a fluttuazioni dei tassi di cambio. Gli investitori potrebbero non ottenere l’intero importo inizialmente investito.

Il fondo perfeziona operazioni che lo espongono al rischio di bancarotta e a ogni altro tipo di insolvenza della controparte in relazione a tali operazioni.

Il fondo sottoscrive contratti swap che offrono il rendimento dell’Indice di Riferimento. Tali contratti implicano una serie di rischi, compresa la possibilità di una correzione, o anche la liquidazione anticipata del contratto swap.

Informazionu sull’indice

Standard & Poor’s® ed S&P® sono marchi registrati di Standard & Poor’s Financial Services LLC (“S&P”) il cui utilizzo è concesso in licenza da Invesco. Gli ETF non sono appoggiati, avvallati, venduti né promossi da S&P o dalle sue società affiliate, che non formulano alcuna dichiarazione o condizione, né forniscono alcuna garanzia relativa all’opportunità di acquistare, vendere o detenere quote e/o azioni degli ETF.

Informazioni importanti

Documento riservato agli investitori professionali in Italia.

Si prega di non redistribuire.

Le informazioni riportate in questo documento sono aggiornate alla data del 5 novembre 2020, salvo ove diversamente specificato.

Il presente documento contiene informazioni fornite unicamente a scopo illustrativo e si rivolge esclusivamente agli investitori professionali in Italia. Il materiale di marketing possono essere distribuiti in altre giurisdizioni nel rispetto delle normative di collocamento privato e dei regolamenti locali. Tutte le decisioni di investimento devono essere basate solo sui documenti di offerta legale più aggiornati. I documenti di offerta legale (documento contenente le informazioni chiave (KIID), prospetto, relazioni annuali e semestrali) sono disponibili gratuitamente sul nostro sito web etf.invesco.com e presso i soggetti collocatori. Il presente documento non costituisce un consiglio di’investimento. Le persone interessate ad acquisire quote del prodotto devono informarsi su (i) i requisiti legali nei paesi di nazionalità, residenza, residenza ordinaria  o domicilio; (ii) eventuali controlli sui cambi valutari e (iii) eventuali conseguenze fiscali rilevanti. La pubblicazione del supplemento al prospetto in Italia non sottintende un giudizio da parte della CONSOB sull’opportunità di investire in un prodotto. L’elenco dei prodotti quotati in Italia, i documenti dell’offerta e il supplemento di ciascun prodotto sono disponibili sui seguenti siti: (i) etf.invesco.com (dove sono inoltre disponibili la relazione annuale di bilancio certificata e i rendiconti semestrali non certificati); e (ii) sul sito Web della borsa valori italiana borsaitaliana.it.

Il presente documento è stato comunicato in Italia da Invesco Management S.A., President Building, 37A Avenue JF Kennedy, L-1855 Luxembourg, regolamentata dalla  Commission de Surveillance du Secteur Financier, Luxembourg.

Fonte: Invesco

Articoli Simili

UBP: BTP, segnali di resistenza nonostante l’incertezza politica

Redazione

UBP: Il record dei titoli convertibili proseguirà anche nel 2021

Redazione

BlueBay: Wall Street continua a volare mentre Washington ha toccato il fondo

Redazione