BondWorld.it
O’Connor Paul Janus Henderson

Janus Henderson : Fed: Taper senza tantrum

Janus Henderson Fed: Taper senza tantrum, ma la politica sui tassi sarà il vero banco di prova

Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


A cura di Paul O’Connor, Head of Multi-asset di Janus Henderson


La Fed ha confermato le aspettative del mercato annunciando riduzioni degli acquisti mensili di Treasuries e MBS rispettivamente di $10 miliardi e $5 miliardi. Con l’inizio del taper a novembre, l’attuale round di quantitative easing sembra destinato a concludersi intorno alla metà del prossimo anno. Sebbene grandi sorprese sulle prospettive di crescita, l’inflazione o la pandemia potrebbero alterare questo programma, l’ostacolo al cambiamento è probabilmente abbastanza alto.

Jay Powell è stato attento a distinguere l’allentamento del QE da parte della Fed dalla decisione su quando iniziare ad alzare i tassi di interesse, notando che il tapering “non implica alcun segnale diretto sulla nostra politica dei tassi di interesse”. Né la dichiarazione formale del FOMC né la sessione Q&A del presidente Powell hanno prodotto molte nuove informazioni sul futuro percorso dei tassi di interesse statunitensi. La mancanza di una spinta contro le aspettative di un recente aumento dei tassi d’interesse ha incoraggiato gli investitori a spingere i rendimenti un po’ più in alto, lungo tutta la curva dei rendimenti USA.  Il presidente ha sottolineato che questo FOMC era molto più sul QE che sui tassi d’interesse, ma questa sarà l’ultima riunione in cui questo ragionamento reggerà. Da qui in poi, le future riunioni del FOMC riporteranno l’attenzione sulla strategia e la tattica della Fed sui tassi di interesse.

La Fed può trarre conforto dal fatto che la banca centrale è riuscita a iniziare il taper senza il “tantrum”. Ad ogni modo, le azioni di oggi sono solo il primo passo sulla lunga strada verso la normalizzazione monetaria. Le sfide politiche da qui in poi saranno formidabili, data l’incertezza che circonda le dinamiche del mercato del lavoro e dell’inflazione negli Stati Uniti e la portata e la velocità appropriate delle future mosse sui tassi di interesse, rispetto ai livelli insolitamente bassi di oggi.

Se da un lato la volatilità è aumentata nei mercati del reddito fisso nelle ultime settimane, poiché gli investitori hanno fatto fatica a ricalibrare le aspettative sui tassi di interesse, i mercati azionari si sono generalmente scrollati di dosso queste preoccupazioni. Gli investitori azionari si sono sentiti rassicurati dal fatto che i tassi d’interesse reali negli Stati Uniti e nelle altre principali economie rimangono molto bassi e che i report sugli utili aziendali sono rimasti generalmente positivi, soprattutto nel caso di Europa e Stati Uniti mentre i mercati asiatici ed emergenti continuano ad essere messi in ombra dalle preoccupazioni per la crescita cinese.

Per gli investitori azionari non sarebbe saggio estrapolare i trend recenti e applicarli ad un futuro troppo lontano. Mentre i modelli stagionali sembrano sostenere gli asset di rischio fino alla fine dell’anno, le prospettive per il futuro sono insolitamente opache. Con gli utili aziendali che sembrano destinati a decelerare bruscamente nel 2022, il QE che volge al termine e il ciclo globale dei tassi di interesse che gira al rialzo, alcuni potenti venti di coda che hanno spinto gli asset rischiosi durante la ripresa post-pandemia si stanno ora esaurendo. Con le banche centrali che dovranno affrontare alcune decisioni difficili nei prossimi trimestri, ci aspettiamo che i mercati azionari diventino sempre più sensibili alle politiche e che dipendano sempre di più dai dati. L’attenzione è ora rivolta agli importanti dati di venerdì sui salari statunitensi. 

Fonte : BondWorld.it

Articoli Simili

PIMCO: L’IPC statunitense di ottobre aggiunge pressione alla politica della Fed

Redazione

Federated Hermes: fino a quando potrà durare l’attuale scenario post tapering?

Redazione

Janus Henderson : Fed: è arrivata l’ora del tapering?

Redazione