BondWorld.it
DeBerranger Olivier La Financière de l'Echiquier

La Financière de l’Echiquier Thanksgiving banche centrali

La Financière de l’Echiquier – Il Thanksgiving Day (Giorno del Ringraziamento) ricorda l’abbondante raccolto fatto dai Padri Pellegrini nell’autunno del 1621……….


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


Olivier De Berranger, Chief Investment Officer di La Financière de l’Echiquier


Quest’anno, la festività è capitata nel momento migliore per celebrare l’annata eccezionale che ha contrassegnato le azioni americane appena attestatesi, per la terza volta consecutiva, ai massimi livelli sull’indice S&P 500.

Alla vigilia del Giorno del Ringraziamento, l’indice registrava infatti una crescita superiore al 28% in dollari USA (dividendi inclusi) dall’inizio dell’anno. E anche l’Europa sta compiendo pressoché lo stesso percorso.

Ma chi dovrebbero «ringraziare» gli investitori?

Gli utili aziendali?

Certo che no! Ed è proprio questo il paradosso del 2019: a fronte di uno splendido anno borsistico si prevede una crescita degli utili nulla, o addirittura negativa sia sull’S&P 500 che sull’Euro Stoxx 50.

Questo andamento asfittico degli utili è del resto preoccupante visto che la crescita economica americana è solida.

Per il 2019 è stimata attorno al 2,3% (al netto dell’inflazione). Tuttavia, ancora una volta osserviamo che la crescita economica non procede di pari passo con quella degli utili.

Lo stesso dicasi per la crescita degli utili e quella del mercato azionario.

A volte nella cattiva sorte, come nel 2018, anno eccezionale per gli utili ma terribile per le Borse, altre volte nella buona sorte, come quest’anno.

Gli investitori dovrebbero quindi «ringraziare» i leader politici?

Sarebbe paradossale se si pensa allo scompiglio che hanno provocato nel mondo economico con la guerra commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina, ai molti ripensamenti attorno alla Brexit e ai pallidi tentativi fatti per arginare i disordini sociali (i “Gilets jaunes” un anno fa) o politici (Hong Kong ultimamente).

E quindi, chi dovrebbero «ringraziare»? Le Banche centrali, naturalmente!

Gli ultimi anni hanno fatto capire quanto possano, da sole, fare e disfare sui mercati a prescindere dall’andamento degli utili. Il 2018 fu un anno di crescita record degli utili ma disastroso in borsa.

In effetti, la Fed aveva iniziato a inasprire le condizioni finanziarie. Il 2019 è stato contrassegnato da una crescita nulla degli utili ma si è rivelato ottimo in borsa visto che la Fed, appunto, ha cambiato atteggiamento all’inizio del 2019. La correlazione è troppo forte per essere casuale.

All’alba del 2020, che cosa ci possiamo attendere? I profitti faranno la differenza?

Stando alle recenti esperienze, gli auguri andrebbero però consultati presso le Banche centrali. Ora, in modo più o meno palese, queste continuano a dimostrarsi accomodanti.

E così, la Fed acquista parecchi buoni del Tesoro mentre dichiara ufficialmente di non effettuare alcun quantitative easing in quanto si tratta di obbligazioni a breve termine.

Nondimeno, ha riaperto il rubinetto della liquidità di cui il mercato non può più fare a meno. La BCE continua ad acquistare senza limiti prestabiliti, come fa del resto la Banca del Giappone, e la Cina ricorre a più leve per iniettare liquidità.

La buona notizia: il mercato dovrebbe quindi poter contare nuovamente sulle Banche centrali nel 2020.

E probabilmente per molti anni ancora poiché sembra impossibile che i tassi crescano in modo significativo alla luce dello stock globale del debito pubblico e privato.

Ostaggio del debito, le Banche centrali non possono dimostrarsi offensive.

Il mercato le ringrazierà a lungo.

Fonte: BONDWorld.it

Articoli Simili

Franklin Templeton Uno scacchiere a quattro dimensioni

Falco64

Eurizon Macro Mercati Dicembre 2019

Falco64

J.P. Morgan AM Tensioni commerciali ostacolano valutazioni?

Falco64