BondWorld.it
Patnaik Uday Legal & General Investment Management

Legal & General Investment Management Argentina e i mercati

Legal & General Investment Management. Questa domenica si terranno le elezioni in Argentina per la presidenza, metà del congresso, un terzo del senato e alcune province tra cui Buenos Aires (la provincia più popolosa dell’Argentina)………


Se vuoi ricevere le principali notizie pubblicate da BONDWorld iscriviti alla Nostra Newsletter gratuita. Clicca qui per iscriverti gratuitamente.


A cura di Uday Patnaik, Head of Emerging Markets Debt di Legal & General Investment Management


La votazione è obbligatoria per i 33 milioni di votanti.

L’attenzione si concentra sulle elezioni presidenziali.

Un candidato deve ottenere il 45% dei voti espressi, o il 40% + 10% di vantaggio sull’avversario successivo con il voto più alto, per vincere al primo turno.

Se nessun candidato soddisfa questi parametri, è previsto un ballottaggio per il 24 novembre tra i due candidati con i voti maggiori.

I principali contendenti sono il presidente in carica Mauricio Macri della coalizione Cambiemos e Alberto Fernandez dei peronisti.

Fernandez ha sconfitto l’avversario in carica nelle primarie dell’11 agosto, ottenendo circa il 48% dei voti, circa il 15% in più rispetto a Macri, soddisfacendo così entrambe le condizioni per la vittoria del primo turno.

I mercati si aspettano ampiamente che il presidente Macri non sia in grado di colmare questo gap.

In effetti, a guardare gli ultimi sondaggi, il margine tra i due candidati si è ulteriormente ampliato al 22,5% dal periodo delle primarie a favore di Fernandez (dal 54% al 31,5%).

Ciò implica che una vittoria al primo turno per Fernandez sia il risultato più probabile.

Attualmente, il nostro scenario di base è che Alberto Fernandez vinca le elezioni al primo turno.

Inoltre, riteniamo che una vittoria al primo round sarebbe percepita come un risultato positivo dai mercati in quanto l’Argentina deve immediatamente implementare un programma economico credibile, ristabilire le discussioni con il FMI e spiegare agli investitori la riprofilatura / ristrutturazione del sovrano debito.

Dopo gli incontri del FMI a Washington diversi giorni fa, i meeting con il FMI e Fernandez si sono concentrati sulla potenziale ambizione del nuovo governo di continuare un dialogo con il FMI stesso, aspetto che è chiaramente positivo, tuttavia le politiche economiche non sono state discusse in questa fase.

Fernandez ha esposto i dettagli sui suoi piani economici in modo piuttosto confuso probabilmente perché, come Macri, è nel bel mezzo di una campagna.

Detto questo, l’obiettivo del FMI è di arrivare in Argentina probabilmente la prossima settimana dopo le elezioni, e riteniamo che presto potremmo ricevere i dettagli delle politiche economiche di Fernandez.

Sappiamo che vuole mettere insieme un patto sociale con la comunità imprenditoriale e i sindacati per concordare i salari, per esempio, e ci sono speculazioni da parte del mercato sulla possibilità che i recenti controlli sui capitali saranno rafforzati, ma non abbiamo ancora sentito politiche risolute.

Inoltre, riteniamo che Fernandez stia cercando di promuovere le esportazioni (in parte per portare all’interno dollari americani) e vorrà un tasso di cambio competitivo.

Fonte: BONDWorld.it

Articoli Simili

State Street: Maggio fiducia in aumento

Redazione

LGIM : Credito, un mercato che offre ancora valore

Redazione

Mirabaud: L’helicopter money e i suoi effetti

Redazione